©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      SE DAVVERO LE SCIMMIE STANNO DIVENTANDO PIÙ INTELLIGENTI L'AMERICA È SPACCIATA

      June 30, 2011

      Di it

      see-no-evil-hear-no-evil-speak-no-evil-monkeys-14750406-1600-1200_large Gli umani fanno un sacco di test sulle scimmie. Spesso una delle ragioni per cui lo fanno è vedere come reagiscono a ridicoli esperimenti, tipo scaraventarle nello spazio o contagiarle con malattie infettive. Nonostante entrambe le cose facciano ridere un sacco, pensandoci, probabilmente direi che puoi forzare una scimmia perché faccia qualcosa, finché ad un certo punto non manderà giù il tuo ultimo Xanax e sfigurerà la faccia di un tuo amico. In fin dei conti, che sia per scopi scientifici o per divertimento, ogni casino fatto con un'altra specie dev'essere un monito per l'umanità, ed è esattamente questa l'idea dietro i nuovi blockbuster estivi da 90 milioni di dollari della 20th Century Fox con James Franco: L'alba del pianeta delle scimmie.  Non sto scherzando. Non vi sto mettendo alla prova, avete letto bene, uso il plurale perché saranno più di uno. Ho letto e riletto questa notizia molte volte all'inizio del mese, quando sono stato invitato a Los Angeles dalla 20th Century Fox per partecipare ad un vertice sul film, lì ho capito meglio cosa significa esperimento sugli animali. La prima cosa da dire è che questo non sarà un rifacimento de Il pianeta delle scimmie, quello del 1968. Non sarà nemmeno un prequel. È proprio l'inizio di una nuova serie di film su scimmie e pianeti, che prende spunto dalla serie originale, dove Charlton Heston è is manlier than a bulldozer that runs on American chop suey. Per rendere più realistiche le scimmie e realizzare il più incredibile film sulla rivoluzione dei primati di tutti i tempi, la Fox ha ingaggiato il regista Rupert Wyatt e la compagnia di magie virtuali di proprietà di Peter Jackson, la Weta Digital, il genio nascosto dietro gli straordinari effetti speciali di Avatar e della trilogia del Signore degli anelli. Se vuoi che l'incredibile sembri credibile devi rivolgerti a quei pazzi della Weta Digital. Se invece vuoi che l'incredibile sia reale devi andare su YouTube—il baluardo delle assurdità. Non passa un secondo senza che qualcuno si domandi se quello che vede in un video di YouTube sia reale o meno (o senza che qualcuno non carichi un video che certamente non lo è); come se non bastasse c'è gente che crede alla veridicità di qualcosa proprio perché su YouTube. Questo tipo di persone è lo stesso che credeva che l'adattamento di La guerra dei mondi di H.G.Wells trasmesso alla radio da Orson Welles fosse un vero fatto di cronaca. Tanto per chiarire, successe davvero. Avevo un link a proposito da Wikipedia, ma non mi sembra il caso divagare. Ad ogni buon conto la Fox tenta il grande colpo, per questo ha condotto ricerche approfondite per trovare le prove del fatto che le scimmie stiano effettivamente diventando più intelligenti, e che quindi sia ragionevole pensare che L'alba del pianeta delle scimmie potrebbe avverarsi, a meno che a nostra volta non diventiamo più intelligenti. Di seguito potete vedere alcuni dei video realizzati per le ricerche in questione, devo ammettere che sono alquanto interessanti, ma attenzione, conoscendo la faziosità di internet e l'entusiasmo dei dirigenti per il marketing virale, potrebbero rivelarsi tutti falsi, e non vorrei essere ritenuto responsabile di questo. Quello che posso dire è che, per quanto riguarda la pubblicità, è un'idea abbastanza intellingente. Ben fatto, scimmie.

      Qui vediamo uno scimpanzé che raggiunge in un test di intelligenza un punteggio maggiore di un umano.

      Qui invece uno scimpanzé cammina eretto come un umano.

      Infine uno scimpanzé che gioca con un videogioco. (Questa è l'unica cosa che sicuramente fanno meglio di me).

      Tag: tecnologia e filosofia, meme, ambiente, film e video, il pianeta della scimmie, test sugli animali, scimmie, James Franco,

      SEAN YEATON

      http://www.motherboard.tv/2011/6/28/if-apes-are-getting-smarter-what-s-in-store-for-us

      Commenti