©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Bab al-Shams, la breve vita di un insediamento palestinese

      January 15, 2013


      Un fllmato amatoriale dello sgombero di Bab al-Shams.

      Venerdì mattina, un piccolo gruppo di palestinesi si è radunato sulle colline tra Gerusalemme e il grande insediamento ebraico di Ma'ale Adumim. All'ora di pranzo avevano già annunciato al mondo la nascita del villaggio di Bab al-Shams (La porta del sole). Il giorno successivo il villaggio contava 250 residenti, un comitato consultivo, un ambulatorio medico, un media center, una cucina comunitaria e gli albori di una biblioteca. Domenica mattina il villaggio era già vuotoi suoi abitanti sono stati attaccati e arrestati intorno alle 3 di mattina, in seguito a un'incursione delle forze armate israeliane.

      Il villaggio di Bab al-Shams era stato costituito in risposta ai piani israeliani che prevedono la costruzione di nuovi e vasti insediamenti nell'area denominata E1, col consguente venir meno della continuità territoriale di un futuro stato palestinese.

      L'attivista Irene Nasser è stata una dei pionieri di Bab al-Shams. Le ho parlato sabato mattina.

      VICE: Hai appena trascorso la tua prima notte a Bab al-Shamscom'è stato?
      Irene Nasser: Ieri notte eravamo entusiasti, perché siamo riusciti a fare molto e molto in fretta, ma le condizioni sono disagevoli. Non abbiamo abbastanza coperte e presto avremo bisogno di più attrezzature. L'elettricità c'è ma è limitata, dal momento che usiamo un generatore. Non è un'opzione valida sul lungo termine. Ma nonostante le condizioni difficili e il fatto che ieri notte si gelasse, il semplice fatto di essere qui e di lavorare per costruire Bab al-Shamscreare questo villaggio e portarlo avantidà forza alle persone.

      Ho sentito che in questo momento ci sono 250 personedi chi si tratta?
      Palestinesi tra i 18 e i 70 anni. Siamo soprattutto studenti, attivisti, leader di comitati popolari e residenti del 1948 [palestinesi che vivono in Israele al di fuori dei confini del 1948], da Haifa, Acri e Lid. In effetti, adesso sto guardando verso la montagna e vedo un gruppo molto numeroso. Hanno percorso tutta la strada fino al checkpoint e stanno venendo verso il villaggio.

      Perché avete scelto di costruire il villaggio nell'area E1?
      In termini del progetto di insediamento israeliano, l'E1 è l'esempio di come il governo israeliano stabilisca "fatti computi" (insediamenti) quotidianamente. In quest'area specifica pianificano di costruire 4.000 nuove case4.000 unità di insediamento. Siamo qui per reclamare il diritto a controllare la nostra terra.

      Ci sono stati contatti tra l'esercito e gli abitanti del villaggio?
      Sì, qualcuno. Sono arrivati ieri con un'ingiunzione di sgombero immediato, ma la Corte suprema aveva già stabilito un limite di sei giorni prima di poter dare il via all'operazione. Più tardi, sempre nello stesso giorno, è arrivata la polizia dicendo che l'ordinanza che avrebbe dovuto proteggerci per sei giorni si applicava soltanto alle tende, e non alle persone.

      Quanto pensi di rimanere a Bab al-Shams?
      Resteremo qui fintantoché ce ne sarà bisogno e finché ne avremo voglia.

      Ho letto che la Corte suprema potrebbe ottenere un mandato per sfrattarvi già domenica. Opporrete resistenza all'evacuazione?
      Abbiamo un piano per resistere, per quanto ci è possibile. Con tutta probabilità arriveranno con molti uomini armati e gli scontri saranno violenti, ma noi abbiamo le nostre tattiche.


      Un reportage dal campo di AussieNews.

      La previsione di Irene era giusta, e quella stessa notte, poco prima delle 3, centinaia di soldati israeliani sono entrati a Bab al-Shams e, in appena un paio d'ore, hanno portato via con la forza i suoi residenti; uno di loro era Mohammad al-Qadi, con il quale ho parlato domenica mattina, dopo che aveva fatto ritorno a casa sua, a Jenin.

      VICE: Cos'è successo ieri notte?
      Mohammad al-Qadi:
      Erano le 3 del mattino e la maggior parte di noi stava dormendo, quando sono arrivati più di 500 uomini, tra esercito e polizia, che ci hanno gridato di uscire dalle tende e sdraiarsi per terra. Poi hanno cominciato ad attaccare, prima di arrestarci e caricarci su un camion, prendere le nostre generalità e lasciarci a un checkpoint vicino Ramallah, alle 5.30. Sei attivisti sono rimasti feriti e portati all'ospedale.

      Sembra che l'evacuazione forzata sia stata relativamente pacifica e piuttosto veloce—nessuno ha opposto resistenza?
      I palestinesi non vogliono perdere nessun altro uomo. Siamo esseri umani. Non siamo numeri, ma nomi. Siamo persone che tengono alla propria vita. Non voglio perdere altri amici, voglio proteggere la terra e vivere in uno stato palestinese—ed è qualcosa che otterremo attraverso un'azione pacifica. A differenza degli israeliani, noi non avevamo nessuna arma ieri notte. Perché Netanyahu ha mandato centinaia di agenti armati in un villaggio di uomini e donne indifesi?

      Quanto pensavi di rimanere a Bab al-Shams?
      Eravamo preparati a rimanere per molto tempo. Noi vogliamo appartenere a questa terra. Non è uno scherzo, non è un "campeggio". Noi volevamo costruire un nuovo villaggio per dire al governo israeliano: "Ci opponiamo ai vostri progetti.  Se costruite su quella terra, non ci sarà speranza per la pace tra israeliani e palestinesi."

      Cosa succederà adesso? Tornerai a Bab al-Shams? Costruirete nuovi villaggi?
      Non ci diamo per vinti. Tra un paio di giorni organizzeremo una riunione insieme a tutte le persone interessate e decideremo quale sarà la nostra prossima mossa. Continueremo a protestare e a creare villaggi  in aree dove vogliono costruire gli israeliani. Non ci fermeremo mai.


      Per sapere di più su Israele e Palestina:

      Bullizzati a vita

      Delitto e castigo nella Striscia di Gaza

       

      -

      Tag: Bab al-Shams, Palestina, Israele

      Commenti