©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Che tipo di persona vota il PD

      February 20, 2013

      Qualche mese fa, alla notizia della nuova discesa in campo di Berlusconi, ci eravamo chiesti chi sarebbe andato alle urne per barrare ancora una volta il suo nome. Mancano pochi giorni al momento cruciale, e a questo punto la domanda da farsi sembra essere un'altra: chi sono gli elettori del PD, quegli individui capaci di passare sopra a simili spot elettorali?

      L'INTELLIGENCIJA

      Sopra ogni commento di questo genere


      c'è sempre un appello, scritto da un software generatore di appelli politici, che gli ospiti di Che Tempo Che Fa intellettuali Italiani sottoscrivono periodicamente per ricordare a noi minus habens che se vogliamo salvarci dobbiamo votare per il centrosinistra. Nell'ultimo Appello Per Il Cambiamento, di qualche giorno fa, l'intellighenzia ci ricorda che il PD somiglia a un servizio freemium, come Dropbox o Spotify: paghi solo se ti va, intanto farsi l'account ai Buoni non costa niente. Inoltre, l'intellighèntsija ci avverte che siamo costantemente sotto ricatto morale:

      Capito? Se state pensando a Oscar Giannino o al Partito Comunista dei Lavoratori siete diventati nel giro di un amen, 'inequivocabilmente', dei pericolosi idioti anticollaborazionisti. Avremmo voluto sottoscrivere anche noi l'appello, ma non abbiamo letto Il Nome della Rosa e non ce la siamo sentita.


      IMPRENDITORI ENOGASTRONOMICI

      Il nuovo culto di mangiare cose normali senza spendere né troppo né troppo poco in modo da non sentirsi né stronzi né pezzenti-ciò che gli imprenditori nella food economy chiamano 'mangiare bene'-è una forma di neomisticismo. Se avete mangiato al McDonald's di un centro commerciale accanto alle scale mobili in mezzo alle persone che fanno la spesa ma non avete mai messo piede da Eataly per provare il Porceddu Al Forno Con Pinzimonio Di Verdure accanto alle scale mobili in mezzo alle persone che fanno la spesa, be', siete dei falliti. Il Carpaccio di Hogan è divino (33 euro). Esaltante pure il Sauté di Camicie Azzurre Da Uomo Con Iniziali Ricamate (39 euro). Verrà voglia anche a voi di votare PD.
       

      LE RAGAZZE SENZA INTERESSI

      Le ragazze senza interessi hanno in realtà molti interessi, lo testimoniano i 5000+ like nella loro carriera di utente Facebook (nella lista non mancano mai i Jesus and Mary Chain); solo che corrono dietro ai propri like-al prossimo Primavera Sound, all'hamburger slow, ad Azealia Banks-con affanno, a perdifiato, da lontano, perché vivono i loro non interessi più che altro come un dovere sociale necessario per non sentirsi la versione SoundCloud delle loro nonne.

       

      Se si trovano davanti qualcuna vestita meglio che finge per gioco o per nevrosi di non avere interessi possono odiarla, quell'hipster, perché rimpiangono per un attimo di non essere simili a lei:  farsi piacere le cose è faticoso. Per allontanare le vertigini pare abbiano bisogno di un ragazzo possibilmente meno bello di loro, che fa la 'sua'musica elettronica e che non faccia domande se le trova a scrivere 'evah' invece di ever. Pianteranno insieme una bella X sul simbolo del PD, dopo averla piantata su quello del PDL nel 2008 (quando avevano appena iniziato l'università): non si può mica correre dietro a tutto, ogni tanto bisogna stare tranquilli.


      I MATTI
      Che mattacchioni i 'matti'! Sempre col cazzo fuori dai pantaloni, mangerebbero pure un sasso, fanno le bolle con la saliva... grandi! Anzi no, volevo dire: poveri cristi. Oddio, in realtà volevo dire che secondo Deleuze e Simone Cristicchi i 'matti' rispecchiano le nostre fragilità e sono gli unici puri in grado di scavalcare "il muro semiotico eretto dal capitalismo." Vabe' no, volevo dire che... non me lo ricordo più, vado a ripassare il film sui manicomi di Ascanio Celestini tratto dallo spettacolo teatrale sui 'matti' tratto dal libro+audiolibro sui 'matti' tratto dalla canzone per fisarmonica e voce sui 'matti' tratta da altri prodotti culturali sui 'matti' che inseguono la legge capitalistica della domanda e dell'offerta, una legge che i 'matti' hanno scavalcato, almeno loro, beati loro.
       

      UNIVERSITARI QUASI IMPEGNATI

      Se in facoltà, mentre state leggendo tranquilli il giornale con Il Teatro Degli Orrori in cuffia, entrassero due fasci, due fasci che si muovono quasi al ralenti come nel Mucchio Selvaggio, mentre una decina di Clark's e un paio di Stan Smith attorno a voi si alzano per seguirli e vedere dove vanno, i due fasci, finché i fasci non entrano in un'aula mezza vuota e chiedono a uno se è stato lui a riempirgli di vernice rossa il vano sottosella del motorino e l'interpellato fa spallucce e allora uno dei fasci gli mette le mani al collo e quasi gli rompe il naso e poi se ne vanno, i fasci, stavolta non al ralenti ma a passo svelto come in un film muto, e voi chiedete in giro che cazzo è successo e l'unica cosa chiara è che i fasci sono merde, voi che fareste? Io entrerei nell'aula di Storia del Teatro A-L con la convinzione che è necessario votare per il grande centro-sinistra, perché i fasci sono merde. Quanto al resto, boh.


      MARCO MENGONI

      Dopo aver guardato più di un minuto di questo video, viene voglia di fare questo.

       

      GLI IPOCRITI

      Avete presente il tipo di persona che prende in giro chi mangia da Eataly e di fronte a Umberto Eco ha un rigurgito extraparlamentare? Quel tipo di persona la cui sindrome da deficit di attenzione lo porta a detestare gli attori che ci assillano con le loro storie qualunquiste sugli emarginati, quel tipo di persona che dedica del tempo a sfanculare casi umani come Marco Mengoni? Ecco, quel tipo di persona probabilmente in cabina tornerà frettolosamente il quindicenne che leggeva Bukowski e si unirà alla massa e senza dirlo a nessuno pianterà la fottuta X sul simbolo del [omissis].

      Segui Paolo su Twitter: @copriletti

      Altre domande da mille punti:

      Che tipo di persona continua a votare Berlusconi

       

      -

      Tag: PD, che tipo di persona vota, elezioni 2013, imprenditori enogastronomici, Mengoni, politica

      Commenti