©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Ci mancava solo la diabulimia

      March 22, 2013

      Di Rachel Hardwick

      Le probabilità che voi siate, o conosciate, una persona che deve iniettarsi insulina per vivere e rifiutare ogni cena da McDonald’s è piuttosto alta, considerando che nel mondo ci sono 346 milioni di persone che soffrono di diabete. Quello che magari non sapete è che un gran numero di diabetici di tipo 1 sta sviluppando un disordine alimentare ancora piuttosto sconosciuto, la diabulimia: chi ne soffre si priva delle iniezioni di insulina per controllare la propria forma fisica. Sembra che nel Regno Unito, un terzo delle donne diabetiche di età compresa fra i 15 e i 30 anni salti le iniezioni di insulina per perdere peso. In America si stima che questo disturbo tocchi il 40 percento della popolazione interessata, con un incredibile 80 percento per l'Australia. Ho parlato con Jacqueline Allan, ex diabulimica e fondatrice dell'associazione DWED (Diabetics with Eating Disorders), per capire quanto serio sia il problema.

      VICE: Ciao Jacqueline. Perché hai iniziato a saltare le iniezioni di insulina?

      Jacqueline Allan: In realtà soffrivo già di disordini alimentari quando mi hanno diagnosticato per la prima volta il diabete di tipo 1, quindi per me il rischio di cadere nella trappola della diabulimia era già molto alto. Quando ti diagnosticano il diabete, improvvisamente ti ritrovi a vivere una vita che si basa sul cibo, l’esercizio e i numeri. Quindi se hai già una tendenza a questo genere di cose… Ero in cura per la bulimia da circa un anno quando mi hanno diagnosticato il diabete, così ci sono ricaduta e il passo successivo è stato smettere di prendere l’insulina direttamente. 

      Quanto ci è voluto prima che qualcuno se ne accorgesse?
      
È stata una cosa piuttosto drastica. Dopo 18 mesi,ho avuto un ictus. Avevo 24 anni. Il fatto è che uno dei sintomi del diabete di tipo 1 è la perdita di peso, perché il tuo corpo non ha insulina. Quindi ovviamente quando me ne sono accorta ero al settimo cielo. Ma quando ho cominciato a prendere l’insulina, ho ripreso anche tutti i miei chili. 

      Un ictus?!

      Sì. Quando ho iniziato a non prendere l’insulina sapevo che ci sarebbero state delle complicazioni, ma non mi interessava. Il punto di avere un problema mentale è sapere che stai facendo la cosa sbagliata ma non poterne fare a meno. Di anoressia e bulimia—e non voglio dire che non siano malattie serie—ci vuole un bel po’ prima di morire. Con la diabulimia, può succedere in un giorno—potresti morire ogni volta che salti un'iniezione. Lavoro con persone che sono su una sedia a rotelle, con persone che sono in dialisi… e sono tutte donne sui 25 anni.


      Jacqueline Allan

      Cos’altro può succederti se salti un’iniezione?
      Puoi diventare sterile, finire con una neuropatia periferica (
      danni al sistema nervoso che di solito inficiano il funzionamento di mani e piedi), neuropatia autoimmune, che vuol dire un abbassamento del livello di zucchero nel sangue, problemi cardiaci e malattie ai reni. Il basso livello di zucchero nel sangue può portare anche a retinopatia, che può renderti cieco. Il diabete è in realtà la principale causa di cecità in Gran Bretagna al momento, e le più colpite sono le donne tra i 15 e i 30 anni. Poi c’è la gastroparesi, per cui tutti i nervi del tuo stomaco muoiono. Ed è buffo, se pensi che significa che il cibo non può arrivare all’intestino e passi il tempo a vomitare. In ospedale probabilmente ti diagnosticheranno la bulimia. Può causare insufficienza intestinale e incontinenza—conosco ragazze che sono costrette a indossare pannolini per adulti.

      Quindi praticamente le stesse cose che succedono a un diabetico di tipo 1 a cui non sia stata ancora diagnosticata la malattia—terribile. Perché non ne ho mai sentito parlare?
      La diabulimia non è ancora stata riconosciuta come una malattia mentale, la DWED spera di farla entrare nel DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) in uscita a maggio. Ora come ora, ti diagnosticheranno l’anoressia e in ospedale ti forzeranno a mangiare cibi con molti zuccheri—non il massimo per un diabetico!

      I medici sbagliano spesso?
      Avevo un'amica in cura, controllavano sempre che mangiasse, ma non controllavano che si facesse iniezioni regolarmente, quindi continuava a dimagrire. Alla fine è collassata e morta in cortile, circondata dai medici. Un’altra amica aveva diverse gastroparesi ed è rimasta in ospedale per otto mesi con una diagnosi di bulimia prima che le facessero un’ecografia allo stomaco. Era letteralmente con un piede nella fossa. Quando fecero l’ecografia, la operarono e le installarono un pacemaker gastrico, e due settimane dopo lasciò l’ospedale sulle sue gambe. 

      Pensi che una buona copertura mediatica potrebbe mettere in guardia i diabetici sulla possibilità di contrarre questo tipo di disordine alimentare?
      Onestamente siamo sempre molto attenti alle dichiarazioni che rilasciamo alla stampa perché è un’arma a doppio taglio. Non è la stessa cosa che iniziare una dieta ferrea—una dieta non ti uccide in tre giorni. Alcune persone sono venute da me dicendomi, “L’ho letto su un giornale e ho voluto provarlo.” Una delle mie migliori amiche l'ha fatto, è morta due anni fa—si era fatta così tanto male che una sera è andata a dormire e non si è mai più svegliata. 

      Terribile. Avete avuto un riscontro positivo con la DWED?
      Sì—quando abbiamo iniziato eravamo in 30, e ora siamo più di 2.000 in tutto il mondo. Quando qualcuno viene da noi con un problema, contattiamo il suo medico di famiglia, i medici che l'hanno in cura per il diabete, cerchiamo dove potrebbero ricevere le migliori cure per i disordini alimentari e lo educhiamo sulla diabulimia. Abbiamo avuto un buon successo anche intervenendo solo a questo livello.  

      Anche se ti sembra che tutto vada male, non è mai troppo tardi per iniziare a stare meglio. Ho subito diverse retinoplastiche e ho avuto un ictus—ma ora sto per prendere la seconda laurea e gestisco un’organizzazione no-profit a tempo pieno. Magari ti senti di essere caduta troppo in basso, ma non è mai vero. 

       

       

      -

      Tag: diabete, diabulimia, bulimia, insulina, DWED

      Commenti