©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Il conto alla rovescia della rivoluzione egiziana

      July 2, 2013

      Di Tom Dale

      Gli egiziani sono di nuovo sul piede di guerra col governo. Il 30 giugno, esattamente un anno dopo l’elezione del presidente Mohammed Morsi, milioni sono scesi in strada chiedendone le dimissioni. Le manifestazioni sono state le più grandi fin dalla rivoluzione del 2011, e nonostante si trattasse di proteste pacifiche, la violenza scoppiata in diverse zone del paese ha fatto oltre dieci vittime.

      Al Cairo, gli oppositori del presidente hanno inondato piazza Tahrir, l’epicentro della rivoluzione del 2011, e le vie attorno al palazzo presidenziale. I sostenitori di Morsi si sono radunati in un sit-in nella vicina piazza Rabia al-Adawiya, minacciando di intervenire in caso il palazzo fosse stato attaccato.

      Sono sceso in piazza per seguire l'andamento delle proteste e parlare con i sostenitori di entrambe le fazioni. 

      Decisamente sopraffatti in numero, i membri del Partito per la Libertà e la Giustizia (FJP) di Morsi mi hanno spiegato che l’opposizione è determinata a compromettere il mandato presidenziale democraticamente sancito, aprendo la strada a un colpo di stato militare e al ritorno del vecchio regime.

      “Il popolo ha scelto i partiti islamisti!,” sostiene Wallay el-Din, avvocato membro del partito ma non dei Fratelli Musulmani. “L’opposizione è contro la democrazia.”

      Il movimento che ha organizzato le proteste dell’opposizione ha richiesto alla Corte Suprema Costituzionale di istituire un’autorità di transizione e indire nuove elezioni. Secondo il fronte Morsi sarebbe stato un presidente incostante, che ha perso legittimità dopo esser venuto meno alle proteste fatte. Una tra le tante, migliorare le condizioni di vita della popolazione.

      “Gli uomini d’affari, la polizia, i media, i giudici—tutti impediscono a Morsi di fare progressi,” spiega Hosni Mahmoud, maestro e membro dei Fratelli. Proprio come molti altri sostenitori del presidente, Hosni vede la mano della vecchia élite dietro ad ogni ostacolo e fallimento del governo.

      Contemporaneamente, cortei provenienti da tutto il Cairo sono confluiti verso il palazzo presidenziale, invitando Morsi a dimettersi e paragonandolo a Mubarak.

      Perché i manifestanti sono così arrabbiati?

      Alcuni non hanno mai visto di buon occhio i Fratelli Musulmani. Molti sostengono che Morsi abbia vinto sono grazie a brogli elettorali. I più condividono la sensazione che i Fratelli abbiano monopolizzato i centri di potere, imponendo una costituzione con sfumature islamiste e assegnando ruoli pubblici di spicco ai loro sostenitori.

      I prezzi del cibo sono in aumento. Lo stesso vale per la disoccupazione. Black-out e penuria di carburante sono frequenti. E in tutto ciò, la generazione che ha avviato la rivoluzione è ora costretta a guardare, tradita dal governo la cui elezione era l’obiettivo della rivoluzione.

      Le ultime manifestazioni anti-governative di un certo rilievo (tenutesi lo scorso novembre) erano state organizzate da membri della classe media, permettendo ai Fratelli Musulmani di bollare i manifestanti come un'inoffensiva minoranza benestante. Questa volta è stato diverso, perché a scendere in piazza sono state ampie sezioni della società egiziana. 

      Fatheya Abdelkarim Hassan, nella foto sopra, si è unita alle proteste da un’area povera della periferia del Cairo. Ha votato per Morsi, ma ha perso le speranze dopo aver visto il filmato in cui i sostenitori del presidente attaccavano un sit-in pacifico fuori dal palazzo presidenziale. La sua amica, Fatin, taglia corto dicendo che prima delle scorse elezioni i Fratelli hanno distribuito pasta e riso nel suo quartiere—"il movimento sta cercando di compare i poveri”—ma è certa che la loro tattica non funzionerà ancora.

      La folla invitava in coro l’esercito a scendere in strada per costringere Morsi a dimettersi, acclamando gli elicotteri militari che pattugliavano il cielo sopra piazza Tahrir. Molti si dicevano pronti a rimanere in strada finché i militari non avessero cacciato Morsi. 

      Alcune sedi dei Fratelli Musulmani del Cairo sono state incendiate e saccheggiate. Le dichiarazioni rilasciate nel corso della settimana dalla polizia lasciavano del resto intendere che le forze dell'ordine non sarebbero intervenute per difendere le sedi dei Fratelli.

      Finora l’esercito non ha lasciato le caserme e Morsi rimane al potere. Descrivendo l'atmosfera degli ultimi giorni, un mio conoscente e attivista per i diritti umani che si è opposto sia all’esercito sia ai Fratelli sin dai primi giorni della rivoluzione, ha usato queste parole: “un miscuglio di orrore e bellezza, frammentazione e solidarietà, entusiasmo e scoramento, idealismo e pragmatismo.”

      Uno dei lati orribili degli eventi del giorno è stato il ritorno delle molestie sessuali che sembrano accompagnare qualsiasi grande manifestazione in piazza Tahrir. Questa volta ci sono stati più di 40 episodi, a due dei quali ho assistito in prima persona.

      Alcuni commentatori hanno avanzato l'ipotesi di una guerra civile. Non lo è. Ma c’è una divisione netta tra il processo formalmente democratico del 2011 e la potenza del sentimento popolare esploso in questi giorni. Le elezioni non hanno soddisfatto quelli che si erano radunati in piazza Tahrir, e lo stato maggiore egiziano ha espresso un ultimatum a tutte le forze politiche in campo, prontamente respinto dal presidente: 48 ore come termine ultimo per risolvere i problemi attuali e annunciare una strategia politica per il futuro. 


      Altro sull'Egitto:

      I Black Bloc egiziani non vogliono essere vostri amici

      La seconda rivoluzione egiziana
       

      -

      Tag: Egitto, Morsi, Fratelli Musulmani, rivoluzione

      Commenti