©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      La Bibbia dei gay

      July 2, 2013

      Di Harry Cheadle

      Associate Editor

      Dalla rubrica 'In breve'


      Foto per gentile concessione degli editori della Queen James Bible.

      Pare che il motivo principale per cui la legalizzazione del matrimonio gay negli Stati Uniti sta incontrando delle difficoltà sia che la maggior parte dei cristiani non sopporta l’idea di due tizi che ci danno dentro. I cristiani più conservatori trovano un riscontro alle loro obiezioni in alcuni versetti della Bibbia, tipo nel Levitico 18.22: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole.” Ma un gruppo di cristiani anonimi sostiene che, in realtà, le parti della Bibbia con riferimenti all’omosessualità non parlano in alcun modo di rapporti tra persone con la stessa attrezzatura—e hanno deciso di ritradurle, ma a modo loro.

      Hanno chiamato il nuovo testo Queen James Bible [la Bibbia di Regina Giacomo], e modificando solo un centinaio di termini, hanno ottenuto un risultato ben diverso dalla Bibbia di Re Giacomo. Il famoso passaggio che identifica l’omosessualità come “abominio”, ad esempio, adesso, suona un po’ così, “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna nel tempio di Moloch: è cosa abominevole” (ci hanno aggiunto un dettaglio).

      I redattori della Queen James Bible hanno spiegato che il cambiamento si attiene al contesto storico, e che questa parte del Levitico si riferisce al divieto di forme di idolatria pagana, tipo “giacere con” prostituti maschi in alcuni templi, e non alla condanna di specifici atti sessuali. I redattori sono stati criticati dai cristiani più conservatori, che li hanno accusati di aver forzato il contesto per dare un’interpretazione personale dei versi sottovalutando la traduzione letterale della lingua ebraica.

      Il Christian Apologetics and Research Ministry (CARM), un gruppo di destra che si oppone al matrimonio gay, ha pubblicato un attacco particolarmente duro sul suo sito web, sostenendo che i revisori avrebbero “alterato il Levitico 18.22 per soddisfare le loro preferenze sessuali.”

      “Offendersi per il contesto storico è un po’ come insultare la storia,” mi hanno scritto i redattori della Queen James Bible in una mail. “Credere che Dio e la Bibbia odino i gay sulla base di una manciata di parole è come preoccuparsi per l’intonazione di un CD dei Beatles e non godersi la musica. Sfidiamo ogni non-cristiano a leggere la Bibbia, tutta, e a dirci, una volta finita, se c’è scritto di odiare i gay.”

      La discussione accademica sulla traduzione è molto simbolica—se la maggioranza dei cristiani decidesse di ignorare le parti della Bibbia che condannano l’omosessualità, come hanno già fatto per i tatuaggi e i frutti di mare, non sarebbe un problema. I redattori della Queen James Bible però sono convinti che sfidare i loro avversari sul campo semantico sia più importante che limitarsi ad accantonare alcuni versetti come vecchi e “arcaici”. “La gente pensa alla Bibbia e afferma: ‘I gay sono un male, lo dicono le scritture.’ Ci piacerebbe che si cambiasse idea.”


      Altro sul tema:

      Notiziona: fondamentalisti cristiani si comportano da cazzoni

       

      -

      Tag: Bibbia, omosessualità, queen james bible, Stati Uniti, LGBT

      Commenti