©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      La più grande collezione di peni del mondo

      September 13, 2010

      Di Alex Hoban

      124

      Quando ho chiesto a VICE di darmi dei soldi per affittare una macchina e arrivare in un paesino  sperduto a 9 ore da Reykjavik, vicino al circolo polare, dove abita un tipo che ha la più grande collezione di peni in barattolo del mondo, mi hanno quasi riso in faccia. A quanto pare non offrono servizi di chauffeur per fare il tour dei cazzi islandesi. Ma io sapevo quanto poteva valere, per i curiosi lettori di VICE, un'esperienza del genere, quindi ho deciso di fare l'autostop. Ne è valsa la pena, solo per il fatto di aver scoperto cosa succede quando una balena ce l'ha duro.

      C'è solo una strada che da Reykjavik porta al centro costiero di Husavik. Mi ci è voluto un giorno e mezzo per arrivare. Nel tragitto ho incontrato un batterista metal che andava a salutare i suoi prima di partire in tour con la sua band, un pescatore che criticava duramente l'UE e le sue vedute sulla pesca, un artista casinaro con la macchina piena di tele e i suoi due figli e un tipo che più volte ci ha chiesto delle scuse per il fatto che il Regno Unito ha usato leggi anti-terrorismo contro l'Islanda. Sono tutti molto interessanti, in Islanda.

      Ma pochi sono più interessanti di Sigurdur Hjartarson, aka l'Uomo Pene. Nel 2004, dopo essere andato in pensione, ha aperto un museo con la sua collezione di palle e falli, enormi e minuscoli. Era un insegnante di storia e una mia amica è stata sua studentessa. Lei se lo ricorda come un “uomo molto gentile”. Lui, invece, si ricorda di lei come una ragazza “bella, talentuosa e sexy”, ovvero esattamente quello che i genitori sperano di sentire dagli insegnanti dei loro figli, specialmente quelli che collezionano genitali. Sigurdur ha un totale di 273 campioni provenienti da 92 specie diverse, ovvero ogni tipo di mammifero presente in Islanda, e anche qualcosa d'importato. Ora sta cercando di ottenere un pisello umano.

      125

      La prima cosa che ho visto entrando nel museo è stato questo disgustoso coso trasparente. Penso appartenga a qualche creatura marina, forse una medusa gigante o un polipo.

      126

      Sapete, spesso vorrei che il mio pene avesse dei braccini, così da poter tirar giù la lampo da solo. (Questo nella foto comunque è un attaccapanni.)

      128

      In caso ve lo steste chiedendo: dopo aver attraversato mezza Europa per fare visita a un uomo che colleziona cazzi perché sembra divertente, la cosa, una volta arrivati, è effettivamente divertente per circa un secondo, poi diventa solo una marea di barattoli con dentro cazzi che non hanno neanche l'aria di essere tali.

      129

      Questi sono dei peni di balena. Sigurdur ha circa 20 variazioni sul tema, presi da diversi tipi di balena. Alcuni li ha staccati lui stesso. Il pene di balena più grande pesava 70 kg ed era lungo 170 cm, ovvero qualche centimetro in più di un italiano che stava vicino a me e continuava a ripetere “Troppo grande, troppo grande!”

      130

      11

      Il resto di quello che avete visto nella teca qui sopra pesa 450 kili. La gran parte del pene di una balena è arrotolato all'interno del corpo, e può espandersi o ritrarsi a seconda del passaggio dei fluidi. Sigurdur mi diceva che, al contrario degli umani, le balene ce l'hanno sempre in erezione, e che durante il sesso a cambiare è solo la consistenza interna, permettendo così di rilasciare lo sperma. Mi chiedo se Sigurdur in segreto sogna di essere una balena.
      Qui ci sono una serie di foto di altri peni, che diventano mano a mano sempre meno divertenti.

      133

      2

      Questo è il pisellino più piccolino della collezione. Puoi mandare questa foto via email a qualche tuo amico e scrivere “guarda, il tuo coso!”, se sei uno che ama fare questi scherzoni.

      135

      Ti sei mai chiesto come sono i peni della squadra islandese di Curling?

      137

      Questa è una foto di un supermercato islandese che ha la forma di un pene.

      138

      Dopo aver visitato il museo abbiamo raggiunto Sigurdur, seduto alla sua scrivania del suo ufficio e impegnato in importanti telefonate—forse al tipo che gestisce il sito Freaks of Cock. Abbiamo fato due chiacchiere.

      140

      VICE: Come hai cominciato a collezionare peni?
      Sigurdur: Da bambino andavo sempre in campagna durante le vacanze estive, e lì una volta mi hanno dato un pene, il pene di un toro. Quella è stata la scintilla che mi ha fatto cominciare. Mi ci sono voluti 36 anni per formare questa collezione.

      Hai tutte le specie di mammiferi presenti in Islanda, a parte l'uomo, come rimedierai a questa mancanza?
      Sto aspettando che un vecchio fascista di 95 anni che vive ad Akureyr  muoia, mi ha promesso che avrei potuto avere il suo pene. Ho anche avuto la firma di altri tipi, anche loro hanno promesso di darmi i peni quando muoiono.

      Quando avrai completato la collezione, cosa farai? Comincerai con le vagine?
      No, non potrei mai farlo, soprattutto perché sarebbe difficile estrarle e conservarle. La mia missione non finirà mai: quando avrò tutte le specie, cercherò di ottenere campioni migliori. Per esempio il pene di orso polare è in cattivo stato, ne devo trovare un altro alla svelta prima che ci siano troppi pochi esemplari.

      Qual è il tuo pezzo preferito?
      Ho il pene di un alce svedese che è piuttosto particolare, ed è stato contrabbandato. Nella collezione di animali stranieri ho solo ossa in mostra, perché in Islanda è illegale importare carne cruda. Ad ogni modo, uno dei miei ex-studenti è riuscito a portarmi un intero pene di alce dalla Svezia, e gliene sono molto grato.

       

      Commenti