Quattro opere d'arte spiegate ai truzzi

Di Paola Guagliumi

Passeggiavo per le sale della National Gallery, quando vidi due truzzi, scaricati insieme a una ventina di compagni da un pullman in gita, esprimere nei volti e nei mugugni la loro noia e la loro incomprensione di fronte ai girasoli di Van Gogh e ai parasoli di Monet. E pensai, "non sarebbe una sfida interessante riuscire a risvegliare la scintilla estetica nei loro cervelli? Superare la difesa del Woolrich e toccar loro il cuore con un paesaggio di Constable?" Dopo anni di lavoro a spiegare opere d’arte all’americano medio del Midwest, credetti di avere strumenti abbastanza affilati per poter compiere l’ultimo e decisivo passo: spiegare l’Arte ai Truzzi (nella loro lingua).

Pitocrito (attr.)
Nike di Samotracia
200-180 a.C., Parigi, Museo del Louvre
marmo pario, h 245 cm

-

E mmo tta spiego io sta statua. Guardete e scarpe. Sì, sì, haa capito bbene, quelle che c'hai mo ai piedi. Che mmarca so? So daa Naikk, bbravo. E che cce sta de lato? Ecco, quer fregno llà, quaa spescie de coso, che nno, nun è ‘n baffo; quer coso so ‘n par d’ali. Popo come a qquelle de sta statua qqua. 

Che anfatti se chiama Nike, che è na parola greca che vor dì ‘vittoria’. E tte disci Naikk perché dato che a marca è americana e ll’americani nu o sanno parlà er greco anzi manco o sanno che è greco e se penseno che sta parola hanno ‘nventata loro come pure a pizza che se penseno che è origginaria de Niu Iorche, ‘nzomma aamericani leggheno Naikk, e nun se rendeno conto de ‘n cazzo ma lassamo perde.

E a Vittoria i Gresci saa ‘mmagginevno coll’ali perché primo, quanno stai a combatte o a ffà na gara, a vittoria è ccome si tte passa viscino come ‘n lampo e tte ddevi da esse sverto e a devi da acchiappà ar volo; secondo poi, a notizzia de na vittoria ariva subbito, e so ttutti contenti alè alè; e tterzo, er vincitore è come si vvolasse ar di sopra dell’artri, se sente mejo, sta na spanna sopra, come se disce.

E sta Nike qqua a vedi come che ha appena atterato, e sta ancora quasi a vvolà, e scià tutt’er vestito che je s’appiccica addosso, come pe er vento. Che è fatto ‘n sacco bbene, che quasi nun ce se po’ crede che ppiù de dumila anni fa sapevano fa ste cose sortanto de scarpello e de martello, tutto a mmano. 

E mmo vedi de volà a ffa li compiti, ‘n sia mai che t’entreno du concetti ‘n quaa capoccia. Vola, vola, co ee Naikke tue, Naikk Air, ecc’appunto. Aria, pischè.

 

Sandro Botticelli (Firenze, 1445 – 1510)
La Primavera
1482, Firenze, Uffizi
tempera su tavola, 203 x 314 cm

-

Sto quadro qqua è ‘n sacco famoso e ffa pparte de quell’epeca che sse chiama Rinascimento, der tempo der Quattrocento. Che anfatti fu n’epeca de rinascita, o armeno ccosì sse sentiveno l’artisti e la ggente de curtura de allora, che volevano ritornà a o splendore dell’antichi, tipo i Gresci e i Romani, che ereno ‘n sacco avanti e fascevano ‘n sacco de bbelle cose.

Era ‘n po’ come nell’anni Sessanta, che sse pensavano de potè cambià er monno e svecchià e ffa tutto mejo, e anfatti questi de sto quadro parono ‘n po’ dii fricchettoni, tutti bbelli sur praticello a ppiedi scarzi e co lli fiori, piss en lovv, famo amore no a guera. Stavo a scherzà, eh, pperò pe ddì.

Però è vvero che sto quadro vo come festeggià er rinasce der monno, che vviè quann’è primavera, anfatti se ‘ntitola così, A Primavera. Che tutto fiorisce e cresce e fa ccardo e sembra pure che te ‘nnamori fascile fascile. E tutte ste figure nun so’ persone vere ma ssimboli, come a ddì a Lupa che nun è na lupa pe davero ma vor dì a Roma (a maggica, sì, quella). Anfatti in arto vedi Cupido caa freccia, che si tte ricordi vor dì amore. A destra sce sta Zefiro, che è ‘n venticello, che soffia e pija pii fianchi a na ninfa, che je piasceva, e fanno robbe. Dopo sce stà Flora, co tutti li fiori chii sparge de qqua e de llà. Ar centro sce stà Venere, a dea daa bellezza e daamore e pure come daa fertilità che ffa nasce a robba daa natura. Dopo sce sò e Tre Ggrazie, che o sapevo che o discevi, Grazia, Grazziella e Grazziearcazzo, bbravo, no, rappresenteno ‘n sacco de cose, ma disciamo tutta a bbellezza che viè co a civirtà, a raffinatezza, quee robbe che so -come ddì- ortre er necessario, anfatti “grazia” come quanno ricevi na grazia che nun era dovuta, oppure te danno a grazia e ppoi uscì dar gabbio, oppure quarcosa è a ggratise che nu a devi pagà. E ppe finì a sinistra sce sta Mercurio che nun è quello drentro ar termometro ma era ‘n dio che faceva ‘n sacco de cose portava i messaggi, proteggeva li commerci, e trasformava e cose, tutte robbe de movimento, de trasformazzione, e qua sta a mannà vvia e nuvole come a dddì, e nno, e mmo tt’ho fatto tutto sto bbel quadretto e tte cce voi fa ppiove sopra? Ma pussa via, pussa. 

 

René Magritte (Lessines, 1898 – Bruxelles, 1967)
Il figlio dell’uomo
1964, Coll. privata
olio su tela, 116x85cm

-

A corente de questo se chiamaveno i Surealisti, che anfatti quanno disci na cosa è sureale è come che nun ce se po’ crede, però no popo assurda assurda, più na cosa che parebbe normale ma aa fine se vvai a vvede bbene nun quadra, o na cosa che pparte che è tranquilla ma ‘nvesce poi te ritrovi che manco te ssai come, e ‘n pò te viè da ride ma ‘n poi taa fai pure sotto. 

E ttipo che aartista te vo’ come fa stranì. Tipo qqua che vedi ‘n signore tutto presciso caa giacca a cravatta a bombetta che ggià ‘n po’ fa strano perchè è antica epperò ancora sce po’ sta; epperò poi questo cià na mela ‘n faccia aho, a mela ‘n faccia nun è popo normale eh, nun po’ esse. E ppure er cielo chee nuvolette ‘n po’ pare vero ma ‘n po’ pare quasi de cartone. 

E tte vo ffa stranì perchè tte vole come da dì, abbello, te tte penzi che tte guardi attorno, vedi e cose e ssai tutto, e ppoi dì, questa è na mela, questa è na nuvola, questo è contento, quest’artro è triste, e ‘nvesce no, manco peer cazzo, perchè tu vvedi na cosa ma che ne sai? Essò ppiù e cose che nun sapemo de quelle che ssapemo, damme retta.

Vedi uno ‘n giacca e cravatta disci anvedi na bbrava persona, seria, e ‘nvesce magari è ‘n ladro ‘n criminale ‘n pezzo demmerda, che anfatti spesse vorte so’ ppiù criminali quelli ‘n giacca e cravatta che li poracci zozzi, che er poraccio zozzo magari te rubba er portafojo ma er tipo ‘n giacca e cravatta se fa elegge ‘n parlamento e tte rubba pure e mutanne che cciai addosso. 

Oppure vedi er monno d’oggi, che noi a vorte penzamo che tenemo tutto sotto controllo, penzamo che caa scienza e er progresso noi potemo da capì tutto, che sse semo evoluti, semo diventati mejo e sapemo tutto come funziona, ma ‘nvesce continuamo affà ‘n sacco de casini e cce so ccose che nu e potemo spiegà, tipo laggente se ‘mpazzisce e ammazzeno na famija ‘ntera co ‘n fuscile, e tte viè da penza, famo tanta fatica p’annà avanti ma aa fine daje e daje pare che semo sempre dee bbestie.

E quinni stallo a ssentì, a Magritte; guardate ‘ntorno ma gguarda mejo. E nun pijatte mai troppo sur serio. E nun te fidà de quelli ‘n giacca e cravatta co na mela ‘n faccia. 

 

Arnaldo Pomodoro (Morciano di Romagna, 1926)
Sfera con sfera
1991, New York, Giardino del Palazzo delle Nazioni Unite
bronzo, diametro 330 cm

-

E sta scurtura è tonna tonna come er monno. No, no ner senzo che er monno è na palla, aspè. Che se tte gguardi sembra rotta ma nun è rotta, è ccome si ffosse che sse sta a aprì e drentro sce ne sta n’artra, na palla drentro n’antra palla. E nno, nun è mmanco che er monno è du palle, eddaje. Che drentro è come si cce fossero dii ‘ngranaggi, come dii meccanismi, come quann’apri er cofano daa machina che ffori è tutta bbella liscia luccicosa ma drentro sce sta er motore caa fa funzionà. E questo è er monno, questo, che tte o guardi è tutto bbello l’arberi i fiumi l’animali l’esseri umani e li pianeti e stelle tutto, e te ffai “aaaaah” ma ‘nvesce de fa solo “aaaaah” e bbasta, e ffallo no sforzo, che ssi vvai ortre scopri e leggi daa natura e come tutto se regge che è na meravija che ppare chaa ffatto n’ingegnere de maicrosoff appol fiat e mizzubbisci tutt’assieme.

E com’è che naai fatto na battuta der cazzo che questo se chiama Pommidoro? Strano. 

 

Segui Paola su Twitter: @piolagua

 

Commenta