©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      I veri mostri marini

      August 7, 2013

      Di DJ Pangburn


      Un maschio di poecilia (Foto via Wikimedia Commons)

      Nel regno animale, le abitudini sessuali fanno capo a un mondo incasinato e perverso, ma non necessariamente deviato. Le mantidi religiose si accoppiano, poi a volte decapitano i loro compagni. Le cimici impalano le loro femmine, mentre il pene dell’ape esplode dentro l’ape regina. Tutto materiale per i film di David Cronenberg. Ora, grazie ai biologi dell’Università di Toronto, scopriamo anche che la poecilia maschio usa gli artigli dei suoi genitali per impedire che la femmina fugga dall'accoppiamento.

      “I nostri risultati dimostrano che gli artigli vengono usati per aumentare il trasferimento di sperma nelle femmine che resistono agli accoppiamenti,” ha spiegato Lucia Kwan, dottoranda del dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva dell’Università di Toronto. 

      Prima di arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno indagato su due possibilità, riguardanti il ruolo esercitato dagli artigli nel posizionare lo sperma sulla punta del gonopondio (la pinna anale) o nel trattenere le femmine resistenti per assicurare la consegna dello sperma. I ricercatori hanno poi proceduto tramite un approccio di ingegneria fenotipica controllando la consegna dello sperma. Lo hanno fatto rimuovendo chirurgicamente gli artigli, e in seguito paragonando la quantità di sperma trasferita alle femmine da maschi con gli artigli. Entrambi i tipi di maschio sono stati esposti a femmine ricettive e non ricettive.

      “Nel trial con femmine non ricettive, i maschi artigliati hanno trasferito quantità di sperma fino a tre volte superiori di quelli senza artigli,” ha illustrato Kwan. “L’artiglio si è evoluto a beneficio dei maschi e a spese delle femmine, e implica un conflitto sessuale nella diversificazione dei genitali interna a tale famiglia."

      Oltre a essere indubbiamente interessante, il fatto è che gli artigli genitali della poecilia non sono nemmeno le parti o gli aspetti più disturbanti dei rituali sessuali marini. Per esempio, lo sapevate che tutti i gatti hanno peni pungenti? Ma visto che parliamo di poecilia, restiamo in acqua. Ecco un paio di altre strane pratiche sessuali che vi toglieranno l'appetito. Fortunatamente gli umani non possono fare roba del genere.

      Rana pescatrice

      Di tutti i rituali di accoppiamento del regno acquatico, l’unione sessuale della rana pescatrice è probabilmente la più incredibile e disgustosa. 

      Quando il maschio di rana pescatrice, che è molto più piccolo della femmina, trova una compagna, le morde la schiena e libera degli enzimi che sciolgono tanto la pelle della sua bocca quanto quella della femmina. Questo gesto fonde i vasi sanguigni di partner. Divenuto parassita, il maschio passa lo sperma alla femmina, mentre la femmina lo nutre—quest'ultimo non potrebbe sopravvivere a lungo in sua assenza. Immaginate gli umani raggiungere un tale stato di simbiosi sessuale-esistenziale. È terrificante.

      Tenia

      I platelminti, o tenie, sono ermafroditi. Quando due membri della specie di tenia nota come Pseudobiceros hancockanus (non me lo sono inventato) si incontrano, fanno una danza particolare: tirano fuori i lori peni come pirati, poi provano a pugnalarsi a vicenda. Il vincitore diventa il maschio, mentre il perdente la femmina. 


      Via Wikipedia.

      Seppia Danae

      La Taningia danae, o seppia danae, è unica per il fatto che il maschio usa il becco e gli artigli per aprire la sua controparte femminile. Stando al National Geographic, il maschio procede poi a inserire la sua appendice simile a un pene nelle ferite larghe 5 cm e a depositare masse di sperma, o spermatofori.

      Evolutivamente parlando, è significativo che queste specie di seppie non abbiano semplicemente sviluppato un ricettacolo permanente per lo sperma. Ma, in questo caso, uno deve supporre che strappare la pelle e eiaculare dentro ferite debba essere il modo più efficace per riprodursi. Comunque, rimane lo stesso super violento.


      La lezione di scienze continua:

      Il regno animale è pieno di peni terribili

       

      -

      Tag: rituali d'accoppiamento, animali

      Commenti