©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Be my passport

      March 18, 2013
      Dalla rubrica 'Tea's Tacos'

      Settimana scorsa mi sono laureata. Ed è fantastico, perché posso smettere di imbrogliare, ma anche terribile, dato che non ho più una scusa per guadagnare poco, dormire fin dopo mezzogiorno e vivere in Italia. Essendo americana non posso stare qui senza visto, lo stesso che mi ero garantita con gli studi e che scadrà a settembre. Il fatto è questo, non sono ancora pronta per tornare a casa—mi ero ripromessa che l'avrei fatto solo dopo aver raggiunto una fama tale da spingere i miei ex al suicidio.

      L'ideale sarebbe un visto lavorativo, ma quelli vengono concessi solo a persone speciali, la cui presenza è provatamente "insostituibile" (e a quanto pare, i miei Monologhi della Vagina non sono abbastanza unici). Ho la doppia cittadinanza, e quando la Croazia farà il suo ingresso nell'UE potrei effettivamente usare quel passaporto, ma non sono così stupida da credere che non incasineremo di nuovo tutto, probabilmente apposta—una volta dentro, è scontato che tutti i miei connazionali più promettenti si trasferiranno a Londra.

      L'unica altra opzione è il matrimonio, ma anche qui c'è un problema. Non posso permettermi un matrimonio farsa, e trovare qualcuno disposto a sposarmi di sua spontanea volontà è impossibile. Secondo voi come mai è da un po' che non scrivo di sesso, eh? Perché ultimamente nessuno vuole essere visto con me, e tantomeno stare dentro di me o permettermi di sfregare via il mio make-up sui suoi cuscini.

      Ultimamente, e per ultimamente intendo da qualche anno a questa parte, riesco soltanto a far fuggire gli uomini. Non è una questione di sesso—quelli scoperebbero con qualsiasi cosa. Il problema è che ne ho fatto così tanto che non c'è bar in cui non finirei per incontrare i miei ultimi 50 pompini. E andrebbe anche bene, se qualcuno di loro avesse ancora intenzione di rivolgermi la parola.

      Parliamoci chiaro: convincere un ragazzo a uscire con te è molto più complicato che convincerlo a venire su di te, soprattutto se la tua stessa madre ti descrive come "il peggior incubo di un uomo." Consapevole di tutto ciò, ho cercato di analizzare il mio comportamento per capire cosa "sbaglio" e agire di conseguenza, nella speranza di ottenere un passaporto italiano o almeno un po' di sesso orale prima di essere deportata.


      Come farsi scappare un ragazzo in dieci secondi - la guida di Tea


      Drink Drank Punk

      Da quando ho smesso di assumere droghe cerco il brivido comprando vestiti senza prima averli provati. Dopo, per dimenticare il fatto che non me ne entra neanche uno, bevo (ovvero la ragione per cui i vestiti non mi entrano). Ho un lungo elenco di relazioni mandate a puttane grazie all'alcol, come quando ho vomitato nel letto di un ragazzo, o sul suo uccello, o tutte le volte in cui non riesco a smettere di piagnucolare senza motivo per poi mettere bene in chiaro che il motivo ha a che fare con lui.

      Soluzione: ricomincia con le droghe
       

      Girl on Fire

      Se avessi una moneta per tutte le volte in cui ho urlato contro un uomo a proposito del femminismo potrei comprarmi in un solo colpo la sedia a rotelle in oro di Lady Gaga e il modello che ha assunto per farsi scarrozzare a destra e a manca. È solo questione di tempo prima che il ragazzo di turno faccia un commento sulle donne che non mi va giù. Una volta queste discussioni si presentavano dopo diversi mesi di assidua frequentazione, ma ora bastano pochi minuti (probabilmente perché non c'è più nulla che duri dei mesi). Lo scorso fine settimana stavo tornando a casa da un locale (sorpresa) e un ragazzo mi ha seguita per poi bloccarmi e chiedermi il numero. Voleva "invitarmi a una festa", e proprio mentre ero sul punto di darglielo (eh?) ci si è avvicinato un venditore di rose indiano. "No, grazie," gli ho detto con gentilezza, ma il ragazzo ha iniziato a prenderlo in giro e io mi sono incazzata, rinfacciandogli come—da bravo uomo bianco—non possa capire le sofferenze altrui. Per tutta risposta mi ha detto che anche io sono bianca, e io ho ribattuto informandolo che sono una donna bianca, cosa ben diversa. Così lui mi ha chiesto cosa potessero avermi fatto di male gli uomini per spingermi a dire che le donne hanno più potere di loro, e io me ne sono andata, lasciandolo lì a gridare che non ero più invitata alla sua festa. PS - Ovviamente subito dopo ho comprato un kebab all'uomo delle rose, perché io non sono un mostro.

      Soluzione: chiudi la bocca e fagli un panino
       

      Super Freak

      L'ultimo tipo con cui ho fatto sesso ha detto alla mia amica, "Tea è brava a letto, ma solo nel senso in cui la sua bravura ti fa capire che è stata con troppe persone." Complimento accettato.

      E sentite questa: una bionda entra in un bar, al che un uomo estrae il suo cellulare e le mostra la foto di una donna nuda che fa un pompino a un trans durante una festa in barca a Venezia. Poi le chiede, "questa sei tu?" (e lei risponde, "sì, grazie per averlo notato"). Dico sempre che niente è imbarazzante se tu non sei in imbarazzo. Bastano già gli altri a provare imbarazzo per me.

      Soluzione: indossa dei vestiti difficili da togliere come forma di autocontrollo


      You Talk Way Too Much

      “Non è che poi lo scrivi da qualche parte, vero?” No, ma ci farò un video.

      Soluzione: cambia le impostazioni della privacy
       

      My Life Is Shit

      Avete presente quel detto, "se qualcuno ti mette in soggezione immaginalo fare la cacca, e improvvisamente la paura sparirà"? Non l'ho mai colto del tutto, perché per me immaginare qualcuno sul cesso me lo fa solo stare più simpatico. La cacca è divertente. Davvero, non capisco come mai non se ne parli continuamente. Ma soprattutto, non mi spiego perché i ragazzi non riescano a trovare affascinante il fatto che il 99 percento dei miei tweet parli proprio di quello.

      Soluzione: a chi servono gli orgasmi quando puoi trattenere la cacca per due ore?
       

      If You Wanna Be My Lover, You Gotta Get With My Friends

      Se il mio amico gay non mi segue negli appuntamenti chi riderà delle mie battute sulla cacca?

      Soluzione: chi ha bisogno di amici?


      Bad Romance

      La gente è sorpresa da quanto sia romantica. Ma se mi piaci sul serio, stai certo che arriverò a tenerti la mano in pubblico, sbaciucchiarti di fronte ai tuoi amici, inondarti di messaggi inutili per tutto il giorno, portarti il pranzo al lavoro e lasciarti dei regalini in giro per casa, come i miei tamponi usati.

      Soluzione: di' addio ai tamponi e passa agli assorbenti con le ali
       

      Basket Case

      Ieri sera ho incontrato un mio "ex" (lo chiamerei ex fidanzato, ma quel ruolo ce l'aveva solo nella mia testa, come adora ripetermi). A un certo punto gli ho chiesto un parere sulle scarpe che indossavo, dato che non sono sicura mi piacciano (le ho dovute comprare in fretta e furia, dopo un momento alla Sex and the City in cui mi si è rotto un tacco).

      "Sono le scarpe migliori che ti abbia mai visto ai piedi."
      "Impossibile. Quando uscivo con te mettevo sempre quelle più sexy."
      "Non le sopportavo."
      "Cosa?"
      "Mi spaventavano."
      "Quindi il problema erano le mie scarpe?"
      "Quelle erano solo la punta dell'iceberg."

      Soluzione: Crocs
       

      Bene, per ora direi che è tutto. Ma chiunque sia stato con me è invitato a comunicarmi il motivo che l'ha spinto alla fuga. Quanto a chi non è stato con me, sentitevi liberi di proporre una data per le nozze, preferibilmente prima di settembre.


      Segui Tea su Twitter: @TeaHacic

      Settimana scorsa: Too dope for Pope

       

      -

      Tag: Tea's Tacos, visto, matrimonio

      Commenti