Le foto nei sogni di Torbjørn Rødland

Di Christian Storm

Torbjørn Rødland è un tipo strano. E lo dico in senso positivo, dal momento che la sua stranezza si manifesta in fotografie brillanti e sovversive, che distorcono la nostra percezione della cultura visiva facendone una palletta da gettare nella spazzatura. Quello che a prima vista potrebbe sembrare bello, se non qualcosa di simile alle foto che si vedono tutti i giorni, si rivela improvvisamente grottesco e bizzarro. È questo elemento di sorpresa la cosa che più ci cattura del lavoro di Torbjørn. MACK ha appena pubblicato il suo fantastico nuovo libro, Vanilla Partner, così abbiamo deciso di parlare con lui del suo folle genio. 

VICE: Sfogliando il libro continuavo a chiedermi, “Ma come gli vengono tutte queste idee?” Per alcune delle immagini, ti vedo mentre ti svegli di colpo da un sogno, ne prendi nota, e lo ricrei più tardi. Qual è il processo che segui solitamente?
Torbjørn Rødland: Be’, alcune fotografie sono la versione in immagini di alcuni sogni, ma sono create dal mio inconscio. A volte, mentre dormo visito le mostre di altri artisti. E se è un buon lavoro fotografico, mi sveglio e chiedo alla mia parte conscia, “È già stato realizzato? Se no lo faccio io!” Ma questo non è il processo tipico. Ho scoperto che non posso avere delle idee e prendere degli ordini dai sogni senza andare a dormire o assumere sostanze psicotrope.

Normalmente vedo del potenziale in un oggetto semplice, o in un’immagine jpeg di un blog ucraino, o qualcosa del genere, e dopo aver vissuto un po’ con l’oggetto o la jpeg, provo a realizzare quel potenziale. Nelle fotografie che alla fine riesco a produrre, il conflitto o la qualità che avevano inizialmente catturato la mia attenzione vengono accentuati o trasformati in qualcosa di più meticoloso. Improvviso sempre quando inizio a fotografare, ma la causa scatenante è importante per aiutare a mantenere il risultato interessante.

Quello che mi piace veramente molto è il modo in cui prendi il linguaggio visivo della normalo “spettacolo” debordiano, se vuoie lo rovesci. Questi momenti di confusione sono pensati o li scopri nello spettatore quando hai finito il lavoro?
Gravito verso le visuali che hanno bisogno della mia partecipazione per acquistare un senso, e sì, voglio che il libro sia completamente sorprendente. L’unidimensionalità non mi ispira, e l’era in cui una serie di fotografie aveva bisogno solo di un’idea forte per essere interessante è finita. Nel complesso, credo che il pubblico sia diventato più sofisticato. 

Sembra che tu sia interessato alle dinamiche del potere, e da elementi quali gabbie, mani che bloccano altre persone... Sono questi i concetti che provi ad esplorare?
Sono schemi che emergono quando metto insieme quello che ho fatto, e il libro è organizzato in modo da sostenere questi schemi. Trovo sia difficile rendere interessante una fotografia di due persone che sono in armonia, quindi cedo o spingo verso la diseguaglianza e il conflitto potenziale, cosa che dà vita e movimento a un’immagine fissa. Quello che sottolinei forse è anche una metafora visiva per ciò che la fotografia fa, almeno nel gergo popolare: cattura.

Ah, ha senso. Vedo anche un po’ di riferimenti storici e politici nel libro. Che ruolo giocano per te, nell’arco complessivo dell'opera?
Ampliano il tema. Voglio che l’idea di un compagno dominante includa la relazione tra immagine e realtà. Il nostro interesse e la nostra capacità di comprendere la realtà sono limitati. La realtà è il partner vanilla. Questo è accentuato nella politica americana. Nel 2004, ho riprodotto still life delle cose preferite di George W. Bush, e in Vanilla Partner c’è una suggestione per il mito reaganiano. C’è anche Anna Frank. Col suo diario, Anna Frank è una figura centrale nella mitologia del male e del sacrificio della nostra cultura.

Questo è il tuo quinto libro. Congratulazioni! Che tipo di evoluzione artistica pensi di aver seguito dal tuo primo libro?
Grazie. Oh, non lo so ancora. Sembra abbastanza circolare. Per esempio, questa volta la mancanza di paesaggi non significa che io non ne abbia mai fatto uno. È che non andavano bene in questo libro. Forse, l’esposizione multipla e i corpi aggrovigliati in Vanilla Partner indicano che ho bisogno di spingermi oltre per mantenere l'interesse?

Qual è il tuo prossimo progetto?
Proprio adesso sto facendo alcune esposizioni multiple a colori, qui sulla mia terrazza di Laurel Canyon. Sto anche scegliendo e stampando dei lavori per una mostra in Danimarca, dove verranno inclusi molti dei pezzi reaganiani di cui abbiamo parlato. 

 

 

Commenta