• Devo dirti una cosa

    In occasione di una nuova mostra a Seattle Adrain Chesser ci ha parlato del suo progetto del 2003. Quando, per “I Have Something to Tell You”, ha fotografato amici e parenti nel momento in cui rivelava di avere l'AIDS.

  • Una giornata ai "Tranny Awards"

    Nonostante la parola "tranny" sia considerata offensiva dalla comunità LGBT, i partecipanti all'evento che premia persone transessuali nell'industria del porno sembravano disposti a fregarsene, almeno per una notte.

  • The Sochi Project, un promemoria della triste eredità delle Olimpiadi

    Negli ultimi cinque anni, il fotografo Rob Hornstra e il regista Arnold van Bruggen hanno documentato gli enormi contrasti tra gli abitanti di Sochi e la stravaganza dei Giochi. Ora che le Olimpiadi sono finite, li abbiamo chiamati per capire come la pensano.

  • Il circolo dei giovani naturisti inglesi

    Laura Pannack è una fotografa con base a Londra che ha passato un po' di tempo in un campeggio per naturisti inglesi. L'ho chiamata per farmi spiegare com'è andata, e cosa le ha suggerito questo progetto.

  • Mentre Kiev bruciava, a Odessa facevano il bagno

    Il 19 gennaio, i cristiani ortodossi ucraini hanno celebrato l'Epifania alla vecchia maniera: ritrovandosi sulle spiagge del Mar Nero per un bagno nell'acqua gelida. Il tutto mentre a Kiev i manifestanti si scontravano con le forze dell'ordine.

  • Gaël Turpo fotografa l'altro lato di Marne-la-Vallée

    Marne-la-Vallée non è soltanto Disneyland Paris, una città nuova con laghi e bei parchetti. Gaël Turpo ci si è trasferito a nove anni, e di recente ha iniziato a fotografare i suoi abitanti.

  • Tavolo per uno

    Ci sono casi in cui mangiare da soli è mille volte meglio che farlo in compagnia. Per tutto il resto, ci sono le immagini di Table for One.

  • Kuba Dabrowski e l'importanza di fotografare l'ordinario

    Abbiamo incontrato il fotografo polacco Kuba Dabrowski, che ci ha spiegato come le foto di eventi storici abbiano lo stesso peso di quelle scattate nel reparto carni del supermercato.

  • Salisburgo è un paradiso

    Come per tante altre città, la relazione tra Salisburgo e i suoi abitanti è ambivalente. Molti la odiano, eppure restano, mentre quelli che non hanno legami se ne vanno appena possono. Io sto a metà, e questo è il miglior punto per osservarla.

  • Dov'è il cecchino?

    Nelle foto di Simon Menner si può giocare a "Dov'è Wally?", solo che invece di berretti a righe rosse e bianche bisogna trovare cecchini tedeschi nascosti nei boschi.

  • Moises Saman non vuole essere un fotografo di guerra

    Moises Saman non è un semplice "fotografo di guerra": il suo obiettivo è lavorare in contesti di violenza e repressione cercando di catturare gli istanti che trascendono il conflitto e diventano così universali.

  • Aberdeen è un paradiso

    Aberdeen è una cittadina scozzese in riva al mare del Nord. Di giorno è idilliaca e non si incontra quasi nessuno, ma la notte cambia completamente, e lascia il posto a ubriachi e ragazze in minigonna che girovagano a piedi nudi.

  • Kiev: ritratti dalle barricate

    Poco più di nove settimane fa, i manifestanti che si oppongono al governo hanno innalzato una serie di barricate lungo le strade della capitale ucraina. Ieri mattina mentre camminavo sul ghiaccio annerito ne ho incontrati alcuni, e li ho fotografati.

  • Roma è un paradiso

    Sono passati più di due anni dall'inizio della nostra serie sui paradisi, e sinceramente non abbiamo idea del perché ci sia voluto così tanto per occuparci di Roma. Buona visione.