Pubblicità
Noisey

La vita acida di D. Carbone

Con "Acid Life" il producer napoletano continua con la techno a velocità folle inaugurata di Ravers, su una nuova label che porta il suo stesso nome.

di Francesco Birsa Alessandri
30 agosto 2016, 8:43am

Qualche tempo fa vi abbiamo presentato Ravers di D.Carbone, in cui il co-fondatore di Repitch e 3th dava sfogo a una nuova urgenza, contemporaneamente più aggressiva e più estatica, l'energia riottosa della cassa a 150BPM dentro una colata di acido preso bene. Questo Acid Life (con cui inaugura la nuova Carbone Records, gestita stavolta in solitaria) conferma che Ravers non era soltanto un esperimento, ma una nuova direzione organica per tutte le nuove uscite firmate da Davide, per quanto il nuovo spinga ancora di più l'acceleratore e renda insistente il groove. Insomma se quella era roba da mattina del secondo (di tre) giorni di rave, questa è da peak time in uno scantinato dove anche i muri si stanno sudando via l'anima.

Se volete una dimostrazione molto veloce di qual è l'immaginario a cui ci stiamo riferendo preparatevi all'ascolto con il videoteaser (qui sopra) realizzato da Andrea "Fax" Familari, che propone una metafisica dello smascello con protagonista il producer in persona, sintetizzando le metamorfosi di Chris Cunnigham quando era fidanzato con Aphex dentro la quotidianità dei raver di tutte le epoche. Allo stesso modo, quel digrigno distruttivo a costruttivo allo stesso tempo coincide con il modo in cui le quattro tracce di Acid Life sanno triturare l'ascoltatore mentre muove il culo. Per iniziare ascoltatevi "Acid Should Be", che vi presentiamo in anteprima augurandoci anche noi che non ci sia mai carenza di acido.