News

"Un prezzo troppo alto per soli 20 minuti": La terrificante difesa degli amici dello stupratore di Stanford

Brock Turner, ex studente di Stanford, a marzo aveva stuprato una studentessa. Mesi dopo, a far discutere non è soltanto la sentenza lieve emessa dal giudice, ma anche gli agghiaccianti commenti rilasciati da amici e familiari per giustificarlo.
7.6.16

Brock Turner. Foto per gentile concessione della polizia della contea di Santa Monica.

Giovedì scorso a Brock Turner, ex talento della squadra di nuoto di Stanford, è stata comunicata la sentenza di sei mesi di detenzione per aver stuprato una ragazza priva di sensi dietro un cassonetto della spazzatura, crimine del quale era stato accusato a marzo. Durante il fine settimana e lunedì hanno cominciato a trapelare le—terrificanti—deposizioni di amici e familiari che, apparentemente con successo, chiedevano una pena più indulgente.

Turner era stato trovato che si "agitava" sopra una studentessa di 23 anni da due ragazzi, che lo avevano placcato e avevano aiutato le forze dell'ordine ad assicurarsi che finisse nella mani della giustizia. Ma il sito The Cut ha ottenuto una copia della lettera scritta da un amico di Turner, Leslie Rasmussen, che in qualche modo accusa per quanto avvenuto l'ambiente politicamente corretto dei campus universitari:

Non credo sia giusto basare il destino dei prossimi dieci e più anni della sua vita sulla decisione di denunciarlo di una ragazza che non ricorda niente oltre a quanto aveva bevuto. Non sto incolpando lei, perché non sarebbe giusto. Ma dove poniamo il confine e smettiamo di preoccuparci di comportarci in modo politicamente corretto ogni secondo, e capiamo che gli stupri nei campus non avvengono sempre perché chi li commette è uno stupratore.

Rasmussen sostiene che Turner non è uno stupratore, perché "si tratta di un caso completamente diverso rispetto a una donna rapita e stuprata in un parcheggio mentre si dirige alla sua macchina."

La ragazza ha anche incluso una foto in cui Turner sorride, così che il giudice, Aaron Persky—ora al centro di una campagna di richiamo per aver emesso una sentenza così lieve—potesse considerare la dolcezza della sua espressione. Turner "ha sempre avuto quel sorriso enorme e affettuoso stampato sulla faccia," dice Rasmussen.

Pubblicità

Come probabilmente c'era da immaginarsi, il padre di Turner ha usato parole simili riguardo la sentenza del figlio in una lettera in cui asseriva che essere etichettato come un vero stupratore è "un prezzo troppo alto da pagare per soli 20 minuti in vent'anni di vita."

Il padre, Dan A. Turner, è arrivato anche a lamentarsi del fatto che il figlio non mangi più la bistecca:

Ogni suo minuto è consumato dalla preoccupazione, dall'ansia, dalla paura e dalla depressione. Glielo si legge in faccia, lo si nota dal modo in cui cammina, dalla voce più flebile, dalla mancanza di appetito. A Brock sono sempre piaciuti alcuni cibi ed è un bravo cuoco. Ero sempre contento di comprargli una bella costata di manzo da fare alla griglia, o la sua bistecca preferita…adesso mangia a malapena, solo per mantenersi in vita.

Ma, stando al giudice Persky, "una condanna al carcere avrebbe avuto su di lui un impatto troppo serio." E avrebbe aggiunto, "non credo che rappresenterà un pericolo per gli altri."

Al processo di Turner giovedì scorso, la sua vittima—ovvero "la ragazza che non si ricorda nulla"—ha letto una lettera molto forte in cui veniva descritto (nel dettaglio) l'impatto dello stupro sulla sua vita. La versione completa della lettera sta girando su internet e in televisione dall'inizio di questa settimana—fatto che forse spiega la decisione di Stanford di rilasciare una nuova dichiarazione.

"È stato un episodio terribile, e capiamo la rabbia e le profonde emozioni che ha suscitato," si legge nella dichiarazione. "C'è ancora molto lavoro da fare, non solo qui, ma ovunque, per creare una cultura che non tolleri le violenze sessuali in nessuna forma e un sistema giudiziario che tratti i casi di proteste in modo adeguato."

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: