Tech by VICE

'Siamo completamente fottuti': gli scienziati spiegano perché vogliono entrare in politica

Lo scorso giovedì circa 100 scienziati si sono incontrati a Washington, DC per capire come vincere un’elezione.

di Jason Koebler
24 aprile 2017, 11:26am

Poco prima della March for Science dello scorso sabato, circa 100 scienziati americani si sono incontrati alla American University a Washington, DC per una sessione di addestramento pensata per imparare a partecipare attivamente a un'elezione politica: l'obiettivo è riportare la scienza, la ragione e il pensiero logico nei processi governativi.

"Questo incontro dimostra come sia necessario portare un certo livello di serietà all'interno di queste dinamiche," ha spiegato Shaughnessy Naughton, direttrice esecutiva di 314 Action, un gruppo che supporterà molti di questi candidati. "Passare dall'essere un privato cittadino al mettere il proprio nome in prima linea durante un'elezione è un passaggio importante e spesso spaventoso."

Ho incontrato otto potenziali candidati — molti dei quali hanno già delle specifiche poltrone in mente e hanno annunciato la loro candidatura, altri invece stanno semplicemente sondando il terreno — per capire perché vogliono lasciare i loro laboratori per salire sui podi dei comizi.

Dr. Kathie Allen, medico di famiglia per il 3° distretto dello Utah
Volevo riportare integrità ed etica a Washington, DC e in tutto il paese.

Sto partecipando alle elezioni nel terzo distretto congressuale dello Utah, per la poltrona che è stata occupata da Jason Chaffetz. Penso che il valore di un medico di famiglia come me in un governo non è solo da ricercarsi nel fatto che abbiamo le conoscenze scientifiche per analizzare determinati scenari e per astrarre dati complessi per spiegarli in termini semplici, ma i miei 30 anni di esperienza come medico primario di famiglia mi hanno permesso di capire cosa significa compassione, perché ho lavorato con persone e pazienti che non avevano assicurazione, risorse, che hanno dovuto scegliere tra curarsi e portare da mangiare alla propria famiglia.

Sto partecipando a queste elezioni perché penso che questo tipo di problematiche vadano analizzate in maniera scientifica e compassionevole. Chaffetz ha annunciato che non parteciperà alle elezioni del 2018 e durante questo training, devo ammettere di essermi distratta più volte nel pomeriggio perché stavano circolando delle voci secondo cui non solo Chaffetz non parteciperà alle prossime elezione, ma che presto darà anche le proprie dimissioni. È successo tutto molto in fretta e a questo punto ho ancora diverse domande a cui rispondere. Ciò che posso dire è che il messaggio per il nostro elettorato non è cambiato. Quello che voglio fare è riportare etica ed integrità a Washington e applicare le mie abilità per fare il miglior lavoro possibile. E se ci sarà un'elezione anticipata, io sono più pronta di chiunque altro.

Patrick Madden, professore di informatica alla Binghamton University, 22° distretto di New York
Il mio campo di ricerca integra il design nel mondo dell'informatica e l'informatica teorica. Credo nel metodo scientifico. Ottieni dei dati, ci rifletti e li analizzi con cura e dopodiché sperimenti. Sono specializzato in design dei chip e dei circuiti, ed il nostro lavoro è il motivo per cui i nostri telefoni si evolvono e molte tecnologie diventano sempre più sofisticate. Sono progressivo di natura ma non sono un idealista. Sono a contatto con la realtà dei fatti, insomma.

Perché lo sto facendo? Dio mio, siamo completamente fottuti. Probabilmente non avrei dovuto dirlo. In realtà, aspetta un secondo — Sì, siamo completamente fottuti. A Washington, DC abbiamo una sorta di circo per clown al posto della politica, è un accrocchio di avvocati, e se gli avvocati potessero davvero risolvere i problemi che abbiamo, be' a quest'ora staremmo vivendo in un paradiso.

La politica in carica nel mio distretto è Claudia Tenney. Sta dalla parte di Trump, è anti-scienza, va matta per le armi da fuoco, bla bla bla uccidiamo tutti, supporta il Muslim ban e non è per niente ferrata in tema di net neutrality. È una tornata politica in cui gareggio contro qualcuno a cui sui completamente opposto politicamente parlando.

Mi piacerebbe semplicemente insegnare alla mia classe e fare le mie ricerche. È un bel lavoro. Ma se non partecipo a queste elezioni, chi lo farà? Ho dei figli. Non voglio che muoiano sotto un fallout nucleare. Io stesso vorrei evitare di morire in un fallout nucleare. La questione è piuttosto importante. Il mio lavoro mi piace, mi piace ciò che faccio, ma ci sono dei momenti in cui bisogna fare un passo avanti. Se non lo faccio, rimarrò qui per il resto della mia vita a ripetermi come ho ignorato le mie responsabilità. Annuncerò ufficialmente la mia candidatura il primo maggio, e dopodiché saremo in ballo.

Rob Samples, consulente informatico per la sanità, Des Moines, Iowa
Penso di rappresentare la T nell'acronimo STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Ci concentriamo su tutto ciò che riguarda l'informazione nella sanità e i dati generati da questa infrastruttura, e nel corso del tempo siamo stati capaci di capire davvero come rendere migliore questo aspetto della sfera pubblica. L'ultimo ciclo di elezioni ha motivato me e molte altre persone qualificate a fare qualcosa, che si tratti di partecipare a delle elezioni o trovare un altro candidato affine ai miei valori e aiutarlo a vincere.

Vorrei partecipare alle elezioni per il Congresso, si tratterebbe di un grande passo e ci sono diverse opportunità in Iowa. Ciò che è successo negli ultimi mesi ha fatto sì che molti candidati qualificati emergessero dalla massa, e sto ancora cercando di capire se appartengo a quella categoria, ma mi piacerebbe davvero ottenere una poltrona al Congresso. Ciononostante, partirò da un livello più locale, magari una carica da supervisore di contea.

Vincent Chen, laureando in oncologia, Georgetown University
Non faccio altro che annoiare i miei amici con la politica: parlo sempre solo di quello. Ho convinto alcuni miei amici a votare per i democratici o cambiare il loro punto di vista politico su alcune questioni. Ho sempre voluto partecipare a delle elezioni perché ritengo che siamo dei privilegiati a vivere in una democrazia e voglio sfruttare tutto il potenziale di questa situazione.

Voglio partecipare all'elezione per il Congresso ed entrare nel comitato per la scienza e la tecnologia, ma partirò da un livello locale o con un lavoro nell'ambito della burocrazia governativa dell'FDA per cominciare a fare un po' di esperienza.

Le persone che al momento prendono le decisioni in questo paese lo fanno con un background costruito sull'ignoranza e l'avidità, perché le grandi compagnie petrolifere possono pagarli per dire cose che non sono vere, oppure questi politici potrebbero davvero credere che il riscaldamento globale non è reale. Questo tipo di incompetenza non è ben tollerata nel mondo della scienza.

Tanya Mitropoulos, laureanda in psicologia cognitiva, Arlington, Virginia
Lavoro per una casa di sviluppo software ma voglio studiare per una laurea in psicologia cognitiva, per provare a capire se i processi decisionali della società si sono messi nella direzione in cui credo si stiano spostando.

Sto prendendo in considerazione l'idea di partecipare alle elezioni o di contribuire ai processi normativi. Siamo arrivati a un punto in cui molti dubitano del fatto che la scienza possa aiutare a migliorare questo paese. Un paio di decenni fa gli scienziati erano celebrità — Ora non lo sono più, ma penso si possa ancora cercare di invertire questa tendenza. Credo che il campo in cui mi sto cimentando aiuterà a fare luce sull'area di intervento su cui posso avere il maggiore impatto.

Danielle Meitiv, ricercatrice climatica, Montgomery County, Maryland
Ho lavorato con il NOAA, l'EPA e la Banca Mondiale. Nell'ultimo periodo non ho lavorato in laboratorio, ma mi sono occupata di tradurre la scienza in un argomento rilevante per il pubblico generale. Sono un'attivista da sempre. Mia madre era un'attivista sindacale e femminista. Mi ha insegnato a combattere per i miei diritti e quelli delle altre persone. con Trump, abbiamo bisogno di persone che combattano per la verità, per la realtà. Abbiamo bisogno di più persone che arrivino dal quotidiano — Non solo politici di carriera, ma anche persone che vivono le sfide che affrontiamo ogni giorno.

Come scienziato ti viene insegnato di parlare solamente di ciò che ti compete, quindi posso parlare del clima. Ma credo anche che tutte le abilità che ho sviluppato nel mio percorso scientifico possano essere sfruttate e tradotte nella politica, per rendermi una candidata qualificata e credibile.

Jason Krizan PhD, scienza dei materiali e ricercatore farmaceutico, Elkton Maryland
Non sono mai stato particolarmente coinvolto nei processi della politica. Ma non voglio che gli stravolgimenti recenti nel clima politico finiscano per normalizzare determinati comportamenti. Ho sposato una ricercatrice nelle scienze sociali, dunque il mio approccio 'hard science' viene stemperato dai linguaggi delle scienze sociali. Vivo nel Maryland, sul confine tra Pennsylvania e Delaware, quindi devo capire quali sono i posti disponibile per le elezioni del 2020 — Sono anche disponibile a cambiare distretto per cogliere la finestra elettorale giusta. Credo che, se la verità, l'onestà e la trasparenza possono essere considerate un piattaforma, sia arrivata l'ora di averne davvero una.

Patricia Zornio, ricercatrice medica per malattie rare, Stanford University, Colorado Senate
Penso a questo step da un anno e mezzo. Ho cercato di capire come diventare un candidato: come fai? Cosa significa? Come ci si organizza per le tornate elettorali? Ho fatto un foglio Excel con tutte queste informazioni, perché sono una ricercatrice ed è ciò che facciamo di solito.

Portare la scienza e delle normative basate su fatti oggettivi sul tavolo è un aspetto critico della faccenda, ma ci sono altri punti della questione che rendono questo processo una sorta di dovere civile. Sono giovane, sono una donna, sono una scienziata, ma arrivo da un'area rurale. Quando Donald Trump stava preparando il suo terreno politico, le persone hanno cominciato a dirmi che "riuscivo a capire entrambi i punti di vista sulla realtà politica americana attuale." Ho una poltrona in mente, e ora sto cercando di parlare con gli elettori del Colorado per chiedere loro — Prenderesti in considerazione l'idea di supportarmi politicamente? Cosa vi impedirebbe di farlo?

Sto adottando un approccio scientifico alla mia campagna. È una cosa naturale per me. Quando parlo con le altre persone dicono "Come fai a capire queste cose se non sei ancora in politica?" e io rispondo, "Ho fatto ricerca e ho letto i testi di molte leggi."

Non credereste ai consigli che sto ricevendo. Mi viene detto di tagliare o farmi crescere i capelli. Di vestire un determinato vestito o meno, di indossare tacchi. Non so quanti di questi consigli partano dal fatto che sono una donna, quanti dal fatto che sono giovane o qualcosa di simile. Penso che a volte sia utile, ma è anche difficile. Ho passato 31 anni della mia vita senza nessuno che mi dicesse come vestirmi o come farmi i capelli. Volevo avere un quadro più chiaro della questione, così ho cominciato a fare delle domande: ci sono dei dati che mostrano così funziona per una donna e cosa no? Sembra che non abbiamo grandi informazioni al momento, a questo riguardo. La società non ne ha idea.