FYI.

This story is over 5 years old.

Le foto dei primi interventi al cervello

Il "padre della neurochirurgia moderna" monitorava i suoi pazienti fotografandoli.
17.6.15
Immagine: Cushing Whitney Medical Library/Yale University

Per decenni, la storica raccolta di campioni di tumori cerebrali e di fotografie di pazienti del Dr. Harvey Cushing è rimasta a prendere polvere nel sotterraneo di un dormitorio dell'università di Yale. Una tesi di dottorato che riguardava la raccolta e che fu pubblicata nel 1996 ha forse incuriosito certe persone ai tempi, ma ci sono comunque voluti altri 15 anni prima che fossero raccolti fondi a sufficienza per ripristinare la collezione.

"Non è che non si sapesse dei cervelli, è che a nessuno importava," mi ha spiegato Terry Dagradi, il coordinatore del Cushing Centre. L'esistenza di 700 barattoli di vetro pieni di vecchi campioni di tumori al cervello non è una cosa da niente. Ma la cosa più incredibile è la collezione di 10,000/15,000 lastre di negativo fotografico che mostrano i pazienti i cui pezzi di cervello sono finiti a un certo punto in quei barattoli. Questa raccolta di fotografie, ha detto Dagradi, ha finalmente iniziato ad essere trasferita su supporto digitale, quest'anno.

Immagini dei pazienti del Tumor Registry del Dr Harvey Cushing, scattate tra il 1900 e gli anni Trenta. Immagine: Cushing Whitney Medical Library/Yale University

"Cushing usava la fotografia per registrare il decorso di una malattia in un paziente, e come strumento diagnostico," ha spiegato Dagradi. La sua enorme collezione di fotografie è espressiva, mostra i pazienti dopo le operazioni o durante diverse fasi delle malattie cerebrali di cui soffrivano (Cushing fotografava gli stessi pazienti più volte negli anni). Alcune sono addirittura astratte. Prendete, ad esempio, la fotografia di un cervello insanguinato sistemato su uno sgabello di legno, che sembra quasi più un pezzo di arte contemporanea che un campione clinico.

Harvey Sushing iniziò la sua carriera all'inizio del Novecento; è stato un neurochirurgo americano ed è ora considerato il "padre della moderna neurochirurgia." All'inizio del Ventesimo secolo si facevano molti esperimenti di neurochirurgia in America, in Europa, e in Inghilterra, ha dichiarato Dennis Spencer, rettore del dipartimento di neurochirurgia di Yale in un video su YouTube. Ad ogni modo, i casi di successo solo emersi davvero solo una volta che Cushing ha rinnovato il campo.

Immagine: Cushing Whitney Medical Library/Yale University

Harvey ha contribuito allo sviluppo di tecniche considerate facili e scontate nelle sale operatorie di oggi, ma che hanno aumentato radicalmente le possibilità di sopravvivenza dei suoi pazienti. Queste tecniche comprendevano il monitoraggio della pressione sanguigna e il battito del paziente, e l'uso di anestesia locale invece che totale.

Lasciando da parte la sua abilità come chirurgo, Cushing era anche un documentarista prolifico, che prendeva nota delle sue operazioni con scritti, disegni e fotografie. Negli anni in cui ha lavorato come chirurgo, la collezione di cervelli—che fu chiamata Cushing Tumour Registry—è stata una risorsa fondamentale per gli aspiranti chirurghi.

Immagine: Cushing Whitney Medical Library/Yale University

"[I cervelli] erano un ottimo strumento di insegnamento, e una risorsa per altri ricercatori," ha detto Daradi. "Cushing voleva vedere la struttura interna del cervello e vedere quali tipi di tumori si sviluppassero dove." L'idea, ha detto Dagradi, era quella di permettere agli studenti di studiare il cervello e i sintomi, così che potessero diagnosticare potenziali malattie in tempo.

Per ora, il Cushing Centre ha digitalizzato circa 3.000 fotografie, e intende compilare un database. Ma la storia non finisce qui, per i cervelli in salamoia. "Non pensavamo che la [raccolta di cervelli] potesse avere qualcosa di nuovo da dirci, ma sembra che i ricercatori abbiano la possibilità di studiare il DNA estratto da questi tumori," ha detto Dagradi.

Immagine: Cushing Whitney Medical Library/Yale University

Il gruppo di ricerca medica a Yale è al momento impegnato a identificare mezza dozzina di campioni di tumore cerebrale, così che i ricercatori possano studiarli per poter comprendere meglio l'Acromegalia—una malattia per cui la ghiandola ipofisi produce troppo ormone della crescita, che provoca deformazioni fisiche.

"Tutti questi vecchi campioni potrebbero portare a nuove scoperte scientifiche. In tal caso, Cushing sarebbe incredibilmente felice di sapere che la sua collezione ha continuato—oltre che a creare curiosità—anche a informare le persone ed esercitare una certa influenza," ha detto Dagradi.