E se i dottori potessero prescrivere i funghi allucinogeni per la depressione?

Un nuovo studio della John Hopkins University vuole riclassificare i funghi pieni di psilocibina come dispositivo medico visto che hanno un basso potenziale d'abuso e pochi rischi di dipendenza.

|
02 ottobre 2018, 9:29am

Immagine: Shutterstock

Dei ricercatori della John Hopkins University pensano che sia arrivato il momento di cambiare la classificazione della droga dei funghi allucinogeni, da pericolosa sostanza narcotica priva di valore medicinale, a possibile rivoluzione per il trattamento della depressione.

Dal 1970, le autorità hanno considerato la psilocibina un narcotico di Tipo I, e ciò significa che ha un alto potenziale di abuso e nessuno uso medico riconosciuto. Secondo i ricercatori — che hanno condotto decine di studi sui funghi — nessuna di queste premesse è vera.

In un articolo che verrà pubblicato sull'uscita di ottobre di Neuropharmacology, quattro ricercatori — Matthew Johnson, Roland Griffiths, Peter Hendricks e Jack Henningfield — affermano che è ora che la Food and Drug Administration americana prenda in considerazione l'idea di far diventare i funghi allucinogeni una sostanza di Tipo IV — e ciò significherebbe che si tratta di una sostanza con basso potenziale di abuso e bassi rischi di dipendenza. Se la classificazione cambiasse, i dottori potrebbero prescrivere i funghi allucinogeni in determinate circostanze.

Negli ultimi anni, in alcuni trial clinici i ricercatori hanno usato la psilocibina per trattare con successo sia la depressione che alcune forme di dipendenza. In uno studio del 2016, lo stesso team di ricercatori della John Hopkins University ha somministrato dei funghi allucinogeni a dei malati terminali di cancro con l'obiettivo di alleviare la loro ansia da morte e depressione.

"Gli studi hanno mostrato che la psilocibina ha causato una riduzione clinicamente significativa nei sintomi di depressione e di ansia che è durata per sei mesi dopo la somministrazione della psilocibina," spiega lo studio recentemente pubblicato.

La stanza dei funghi allucinogeni alla John Hopkins University. Immagine: Matthew Johnson

Il paper da 24 pagine sintetizza i diversi percorsi di ricerca sulla psilocibina al fine di dare alla Food and Drug Administration le informazioni di cui ha bisogno per capire se la psilocibina debba o non debba essere ri-classificata. Per determinare il Tipo di una sostanza, le autorità prendono in esame otto diversi fattori incluso l'effettivo o relativo potenziale di abuso, il rischio per la salute o il potenziale di dipendenza psicologico o fisiologico.

La relativa sicurezza dei funghi allucinogeni, quando viene paragonata ad altre sostanze, è incredibilmente alta. La psilocibina arriva ultima quando classifichi le sostanze in termini di potenziale di danno all'individuo o più in generale alla società. "Questo valore non cambia neanche se ci butti in mezzo del tabacco o dell'alcol," mi ha spiegato al telefono Johnson, dottore di scienze comportamentali alla John Hopkins University.

Ha anche spiegato che il potenziale di abuso della psilocibina è basse. "Nessuno sente il bisogno con sintomi da astinenza per la sua prossima dose di psilocibina," ha detto. CIò non significa che i funghi allucinogeni non abbiano un potenziale di abuso. Molte persone hanno preso i funghi allucinogeni a scopo ricreativo per anni e non saranno certo loro a fermarsi ora, ma a differenza della cocaina o dell'eroina, la psilocibina non è una sostanza con cui la maggior parte degli utilizzatori di sostanze vogliono spendere le loro serate o i loro weekend.

"I danni potenziali includono comportamenti pericolosi, specie negli utilizzatori non preparati o non accompagnati, o ancora l'esasperazione dei sintomi di malattia mentale nei soggetti predisposti a disordini psicotici," spiega lo studio. "Ciononostante, il raggio d'azione e i danni associati sono bassi rispetto all'abuso di droga più tradizionale."

Johnson ha fatto riferimento alle storie di paura degli anni '60 sulle persone che assumono allucinogeni e cadono dai tetti perché pensano di poter volare, ma ha affermato che questi casi sono rari. "Molte più persone sono cadute in questo modo facendo abuso di alcol... Ciononostante, gli incidenti possono capitare.

I ricercatori hanno già ottenuto successi con l'uso di funghi allucinogeni in contesti controllati, ambienti in cui la dose somministrata viene determinato e fornita da un medico e uno psicologo o un terapista seguono il paziente nell'esperienza, e ci sono anche obiettivi piuttosto precisi per questo tipo di terapia.

Nel caso dei pazienti malati di cancro, i pazienti terminali hanno fatto esperienza di trip guidati con l'obiettivo di aiutarli a confrontare la loro paura della morte. Non si tratta di un weekend nei boschi in campeggio.

Lo studio è anche interpretabile come un passo di un processo più ampio. Le persone depresse o ansiose difficilmente riusciranno nel prossimo futuro ad entrare in una clinica e fare esperienza di trip allucinogeni curativi, e ciò potrebbe non cambiare per anni, decenni, forse non cambierà mai. Johnson ha spiegato che una riclassificazione potrebbe richiedere dai "tre ai 10 anni." Ci sono studi che non sono stati ancora fatti e che sono soltanto all'inizio, e devono essere completati prima di poter verificare i risultati e capire se potrebbero aiutare in questo senso.

Anche il percorso verso la riclassificazione non è né facile né garantito. "La rimozione dal Tipo I può succedere soltanto se un prodotto medicinale contenente una sostanza di Tipo 1 viene approvare per uso terapeutico come farmaco dall'FDA," spiega lo studio — Ciò significa che una terza parte dovrà creare della psilocibina per uso medico, inviare quel prodotto all'FDA e fare lobbying per ottenere la riclassificazione.

Il processo sembra complesso, ma Johnson è speranzoso. "Si tratta di scienza ad alti livelli e i risultati sono molto promettenti per diversi tipi di disordine," ha detto. Anche se nessuna grossa azienda farmaceutica ha ancora chiesto alla John Hopkins University informazioni circa i funghi, alcune no-profit lo stanno facendo, incluso l'Usona Institute nel Winsconsin. L'Usona, o qualche altro gruppo, potrebbero inviare delle semplice pillole di psilocibina per l'FDA e richiederne l'approvazione per il trattamente della depressione, attivando così un processo di revisione per la classificazione. Se e quando questa cosa accadrà, è tutto da chiedere a Usona.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.