fusione nucleare

Questo ragazzino ha costruito un reattore nucleare a fusione nella sua cameretta

”Ho capito che certe cose che pensavo fossero impossibili per una persona della mia età non sono impossibili", ha detto Jackson Oswalt, 14 anni.

di Rob Dozier
04 marzo 2019, 11:55am

Jackson Oswalt e il suo reattore nucleare a fusione. Immagine: Chris Oswalt

Jackson Oswalt, di Memphis, è un ragazzino delle medie come tanti altri. Gioca a tennis e partecipa alle corse campestri. Gli piace andare a scuola e passare il tempo con gli amici. Gioca persino a Fortnite, di tanto in tanto. Ma in aggiunta a tutto questo, il 14enne coltiva una passione insolita per un reattore nucleare che ha costruito in casa, quando aveva 12 anni.

Questo particolare hobby è nato un paio di anni fa, quando Oswalt ha letto la storia di Taylor Wilson. Nel 2008, a 14 anni, Wilson ha costruito un proprio reattore nucleare a fusione nel suo garage a Reno, in Nevada, diventando la più giovane persona ad aver mai ottenuto una fusione nucleare. Il risultato gli è valso elogi e riconoscimenti, persino una visita da parte dell'allora presidente Barack Obama. Wilson, ora 24enne, lavora come ricercatore ed esplora nuovi modi per rendere più efficiente la fusione nucleare.

Wilson è rimasto la persona più giovane ad aver tagliato questo traguardo fino a gennaio 2018, quando Oswalt lo ha battuto, riuscendo nell'impresa a 12 anni. I risultati di Oswalt sono stati verificati dai membri di un forum chiamato Fusor.net, che include fisici e amatori.

Ed è stata proprio la storia di Wilson che ha fatto entrare in fissa Oswalt, che ha una certa vena competitiva, mi ha detto.

”Appena ho visto che l'aveva fatto, ho pensato che avrei dovuto provarci anche io,” ha raccontato Oswalt a Motherboard durante un'intervista per telefono.

Come prima cosa, ha dovuto capire come funziona la fusione nucleare — un processo attraverso il quale i nuclei di più atomi vengono compressi a tal punto da unirsi tra loro per produrre energia. Si tratta di un'alternativa molto più sicura al processo di fissione che viene sfruttata nelle centrali nucleari e che comporta la divisione del nucleo di un atomo. A differenza della fissione, produce quantità inferiori di scorie radioattive e non c'è il rischio di incidenti come il meltdown (in cui il danneggiamento del nucleo può provocare esplosioni e rilascio di materiale altamente radioattivo).

Per ottenere la fusione, bisogna riuscire a generare calore per 100 milioni di gradi Celsius. Questo significa che il processo utilizza effettivamente più energia di quanta ne produce. Ma gli scienziati stanno lavorando per ovviare a questo problema, senza ottenere grandi risultati per il momento.

The inside of the fusor chamber in Oswalt’s reactor. Image: Jackson Oswalt
L'interno della camera di fusione nel reattore di Oswalt. Immagine: Jackson Oswalt

Oswalt ha deciso di accettare lo stesso la sfida, iniziando a fare ricerca su cosa è necessario per costruire un reattore nucleare a fusione: le componenti, gli strumenti e le tempistiche di realizzazione. Così, ha trascorso ore e ora lavorando su nella falegnameria del nonno. Questo gli ha fornito la sicurezza necessaria per affrontare in seguito la realizzazione di un reattore nucleare.

La spinta maggiore, secondo lui è stata quella di superare Wilson e diventare il più giovane a realizzare un reattore per la fusione nucleare. ”L'ho fatto per il gusto della sfida. Avevo sempre in mente l'idea che volevo essere il più giovane a farlo,” ha raccontato.

Oswalt ha iniziato a spulciare i resoconti di come avevano fatto altre persone a costruire i loro reattori. In seguito, ha stilato una lista di componenti di cui avrebbe avuto bisogno, il costo totale era di quasi 10.000 dollari (circa 8.800 euro). Fortunatamente, anche se erano un po' confusi, i suoi genitori hanno scelto di sostenerlo.

”Dato che il mio cervello non funziona come quello di Jackson, non ho capito del tutto il processo della fusione nucleare,” ha raccontato a Motherboard suo padre Chris Oswalt, che lavora per un'azienda ortopedica. ”Ma parlando da genitore di una persona così motivata come lui, devo dire che è stato impressionante vederlo all'opera.”

Nella sua casa di Memphis, Oswalt ha iniziato a trascorrere buona parte del suo tempo libero lavorando alla costruzione del reattore in una cameretta che ha trasformato nel suo laboratorio. Ha raccolto informazioni da persone che avevano fatto prima di lui il lavoro per migliorare il suo progetto, e si è affidato principalmente a processi di tentativi ed errori, mi ha spiegato.

Lavorare con materiale radioattivo e elettricità a più di 50.000 volt non spaventava Oswalt. Ma i suoi genitori, preoccupati per la sua incolumità, lo hanno convinto a chiedere consulto a chiunque potesse fornirgli una guida.

Non sono riusciti a trovare un fisico nucleare, così hanno consultato l'insegnante di fisica di Oswalt, che è stato ben contento di rendersi utile. La famiglia ha anche consultato i ricercatori del Jude Children's Research Hospital di Memphis per capire come proteggersi dalle radiazioni e un professore di fisica della Christian Brothers University.

”Da padre, la sicurezza era la prima preoccupazione,” ha detto suo padre. ”Jackson è riuscito a diventare un esperto, ma abbiamo imparato insieme.”

Fatta eccezione per i suoi genitori e la cerchia di collaboratori, Oswalt ha per lo più tenuto segreto il lavoro sul reattore.

”Non ne parlavo con i miei amici,” ha detto. ”E quelli più stretti a cui l'ho detto pensavano stessi scherzando, a essere onesto. Persino alcuni dei miei insegnanti non mi hanno creduto.” Ma quando hanno visto che non stava scherzando, mi ha detto, si sono dimostrati tutti colpiti e felici di sostenerlo.

Lungo il percorso, Oswalt ha pubblicato aggiornamenti sui suoi progressi su Fusor.net, chiedendo consigli e suggerimenti. Il sito prende il nome da un componente del tipo di reattore utilizzato da Oswalt, in cui gli atomi vengono fusi utilizzando un campo elettrico per riscaldarli. Un anno dopo aver iniziato, poco prima del suo tredicesimo compleanno, Oswalt ha terminato il lavoro e ha pubblicato i suoi risultati sul forum per farli verificare.

Dopo avere esaminato i risultati, Richard Hull, uno degli admin di Fusor.net e ingegnere elettronico in pensione, ha riconosciuto Oswalt come la persona più giovane di sempre ad aver realizzato un reattore. ”Devi percorrere tutti i passi corretti, e noi dobbiamo vedere cosa hai fatto,” ha raccontato Hull a Fox News.

Per Oswalt, questo era solo un primo passo. Nonostante il raggiungimento del suo obiettivo di costruire un reattore nucleare a fusione all'inizio del 2018, solo di recente ha iniziato a discutere pubblicamente di questo risultato.

”Jackson è un ragazzo intelligente e probabilmente sottovaluta le sue stesse capacità,” ha spiegato suo padre.

Oswalt sta progettando il suo prossimo reattore usando il metodo dei Tokamak sferici, che intrappola l'energia in modo diverso dal reattore che ha già costruito. Ha anche deciso che vuole lavorare nel campo della fisica nucleare perché crede che sarà lui a realizzare finalmente un reattore nucleare a fusione efficiente.

”Sicuramente, parte avvantaggiato in questo lavoro,” ha detto suo padre.

Oswalt si è anche detto interessato ad avviare un'organizzazione per aiutare i giovani come lui a finanziare i loro progetti.

”Ho capito che certe cose che pensavo fossero impossibili per una persona della mia età non sono impossibili,” ha concluso. ”Gli adolescenti e i bambini sono una fetta importante della popolazione e alcuni di loro hanno grandi idee, e se non possono rendere queste idee una realtà è uno spreco.”

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.