Pubblicità

Nelle profondità della Terra ci sarebbero delle montagne più grosse dell'Everest

Un gruppo di scienziati ha usato i dati provenienti dal terremoto in Bolivia del 1994 per sbirciare a 660 km sotto la superficie del nostro pianeta.

di Becky Ferreira
22 febbraio 2019, 10:29am

Modello dell'interno della Terra. Immagine: NASA/JPL/Université Paris Diderot e Institut de Physique du Globe de Paris. 

Centinaia di chilometri sotto i nostri piedi, c'è una una catena montuosa sotterranea con vette che fanno invidia all'Himalaya, dice uno studio recente.

Un gruppo di scienziati è riuscito a sbirciare la struttura titanica tramite i dati dell'onda sismica registrati durante il terremoto in Bolivia del 1994, stando allo studio pubblicato una settimana fa su Science.

Il manto terrestre è una fascia densa di roccia di silicato che si estenda alla crosta al nucleo e costituisce l'84 percento del volume del nostro pianeta. A 660 km dalla superficie, una zona nota come discontinuità divide il mantello nelle sue parti superiore e inferiore.

Gli scienziati sono in grado di dire con certezza che la roccia diventa significativamente più densa in questo punto, ma è difficile leggere la topografia. Informazioni dettagliate su questo confine potrebbero aiutarci a risolvere molti dei misteri associati al mantello, come quanto i livelli superiore e inferiore si mescolino tra loro, ecco perché gli scienziati volevano esaminarlo più da vicino.

Uno dei pochi modi per sbirciare dentro la Terra è tramite le onde sismiche, che sono increspature di energia che viaggiano attraverso il pianeta durante grandi eventi destabilizzanti, come terremoti o impatti di meteoriti. Quando le onde incontrano diverse densità, minerali e strutture, rimbalzano in modo specifico, un po' come fa la luce quando è riflessa da un oggetto piuttosto che un altro. Questo fornisce un'immagine sismica grezza dell'interno del pianeta Terra.

"Abbiamo bisogno di grandi terremoti per permettere alle onde sismiche di viaggiare attraverso il mantello e il nucleo, rimbalzare contro la discontinuità dei 660 chilometri e tornare indietro per essere percepita in cima alla crosta," ha detto a Motherboard via email Jessica Irving, geofisica dell'Università di Princeton e tra gli autori dello studio.

In quanto secondo terremoto per profondità mai registrato — 8.2 sulla scala Richter — il terremoto in Bolivia del 1994 è il caso di studio perfetto.

Il team ha arruolato il cluster di supercomputer Tiger di Princeton per analizzare le misurazioni effettuate in relazione a quel terremoto, di modo da poter ricostruire le strutture che si trovano nella discontinuità.

Benché il modello statistico non sia riuscito a stabilire con certezza le altezze, c'è una "topografia più forte delle Montagne Rocciose o degli Appalachi" sul confine in questione, stando all'autore principale dello studio, Wenbo Wu.

"Non vi so dire un numero di massima," ha detto Irving, a proposito dell'altitudine della catena. "Ma le montagne sulla discontinuità dei 660 chilometri potrebbero essere più grosse del Monte Everest."

L'irregolarità di questa catena potrebbe essere in parte causata dall'accumulo di vecchi pezzi di fondale marino che vengono risucchiati nel mantello e poi traghettati fino al punto di confine. Potrebbe trattarsi di resti antichi risalenti ai primordi della Terra, impilati come pezzi di Jenga.

Con l'evolversi della sismologia e dei supercomputer, gli scienziati sperano di imparare cose nuove sulle montagne nascoste nel mantello.

"Penso che ricerche future saranno in grado di dirci di più di queste montagne e di come sono distribuite in giro per il pianeta — siamo già in grado di vedere che alcune parti della discontinuità dei 660 chilometri sono più lisce di altre," ha detto Irving.

La ricerca non offre solo una prospettiva in più sul dibattito in atto su come la Terra si sia formata ed evoluta, ma getta anche una nuova luce sui processi e le strutture che possono dare forma ad altri pianeti.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.