News

Blu è stato indagato per 'imbrattamento'

È uno dei migliori street artist del mondo, ma la procura di Torino lo considera un vandalo per via di un suo murales contro la Tav in Val Susa.
24 aprile 2018, 4:52pm
Blu al lavoro sul murales. Foto via Twitter/@crederci.

Il writer italiano Blu è considerato uno dei migliori street artist del mondo—da più di 10 anni è noto per i suoi graffiti enormi che spesso coprono intere facciate di palazzi, è stato invitato a dipingere o esporre in tutto il mondo e ha dipinto in Palestina con Banksy.

A quanto pare però questo curriculum non vale in Italia, o quantomeno per la procura di Torino, che stando a quanto riporta Repubblica l’ha indagato per imbrattamento per un’opera realizzata in un sottopassaggio della strada statale 24, in Val Susa.

Il graffito in questione è critico nei confronti della Tav. Si intitola “T’avvelena,” è del 2015 e raffigura un treno-serpente che si morde la coda, al cui interno ci sono ruspe e camionette della polizia.

Non è il primo graffito realizzato da Blu nella zona né il primo critico nei confronti della Tav. Il più famoso è probabilmente “Alta Voracità,” un pezzo del 2016 ispirato a Human Centipede e raffigura una catena umana in cui un burocrate dell’Unione Europea caga soldi, un sindaco se li mangia, poi un operaio dietro di lui e infine un poliziotto.

Insieme a Blu sono stati denunciati cinque attivisti No Tav che erano presenti al momento della realizzazione dell’opera.