Venerdì l'ONU potrebbe chiedere la 'scarcerazione' di Julian Assange

Il WGAD dovrà decidere se la condizione di Assange sia paragonabile a una detenzione e, in caso affermativo, se tale 'stato di detenzione' sia illegittimo oppure no.
3.2.16
Julian Assange nel 2009. [Foto via Flickr]

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Il prossimo 5 febbraio un gruppo di lavoro delle Nazioni Unite si esprimerà sulla vicenda di Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, che da oltre tre anni si trova all'interno dell'Ambasciata dell'Ecuador a Londra.

Lo ha annunciato la stessa WikiLeaks, in un tweet:

Update: UN could order Julian — WikiLeaks (@wikileaks)2 Febbraio 2016

A pronunciarsi venerdì sarà lo UN Working Group on Arbitrary Detention (WGAD, in italiano "gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria"), cui lo stesso Assange si era rivolto nel settembre del 2014: il suo esposto è ora arrivato al momento del giudizio.

Il WGAD fa parte dell'Alto Commissariato per i Diritti Umani, è stato istituito dalla risoluzione 1991/42 e ha, tra gli altri scopi, quello di "investigare i casi di privazione della libertà imposti arbitrariamente o senza rispettare gli standard internazionali."

Il WGAD dovrà decidere se la condizione di Assange sia paragonabile a una detenzione e, in caso affermativo, se tale stato di detenzione sia illegittimo oppure no.

Nel caso in cui l'ONU consideri Assange detenuto illegalmente potrà chiederne la 'liberazione' ai governi di Regno Unito e Svezia, che in questo caso - secondo quanto sostengono la stessa WikiLeaks e il sito justice4assange - "dovrebbero liberarlo immediatamente e offrirgli una ricompensa."

Julian Assange rischia di essere estradato negli Stati Uniti, dove potrebbe essere incriminato per attività di spionaggio a causa delle pubblicazioni di WikiLeaks. Il reato di spionaggio negli USA può essere anche punito con l'ergastolo.

Per questa ragione, il 45enne australiano ha chiesto e ottenuto asilo politico dall'Ecuador, che lo sta ospitando all'interno della sua ambasciata londinese, sorvegliata a vista da uomini della polizia e dell'intelligence britannici.

Su Assange pende anche una controversa accusa per stupro emanata nel 2010 dal tribunale di Stoccolma. Le precedenti accuse - molestie e coercizione illegale - sono entrate in prescrizione nel 2015.

Fondata nel 2006, WikiLeaks ha pubblicato diversi documenti secretati di servizi segreti, governi ed eserciti di tutto il mondo, contribuendo - attraverso un lavoro di collaborazione con diversi whistleblower - a diffondere informazioni altrimenti inaccessibili su abusi, violenze e malaffare.

**Leggi anche: **Un'inchiesta di VICE News scopre tracce di sorveglianza telefonica segreta a Londra


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Foto in apertura di New Media Days / Peter Erichsen rilasciata sotto licenza Creative Commons.