GUERRA

Questi video in prima persona mostrano gli effetti dei bombardamenti in Siria

Il Syrian Civil Defense group ha pubblicato filmati che mostrano i caotici tentativi di soccorso dopo i bombardamenti, presumibilmente compiuti dalla Russia, nel nord-ovest della Siria.
13 gennaio 2016, 8:20am
Immagine via YouTube/Syrian Civil Defense

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Un numero indefinito di raid aerei sulla cittadina siriana di Maraat al-Numa, presumibilmente effettuati dalla Russia, hanno ucciso alcune decine di persone nella giornata di domenica. La notizia è stata diffusa dal Syrian Civil Defence Group, i cui filmati che mostrano i caotici tentativi di soccorso dopo i bombardamenti.

Stando all'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, un gruppo di monitoraggio con sede nel Regno Unito, i raid hanno colpito il tribunale locale, una prigione e la strada che collega il tribunale al mercato cittadino. Più di 60 persone sarebbero rimaste uccise o ferite tra civili, combattenti e detenuti.

I video girati dal gruppo di volontari del Syrian Civil Defense, effettuati montando le telecamere sui caschi dei soccorritori, mostrano gli uomini estrarre le vittime dalle macerie e trasportano corpi insanguinati e coperti di polvere su delle barelle.

*Attenzione: le immagini che seguono potrebbero urtare la sensibilità di alcuni lettori.*

I raid russi in Siria sono sempre più spesso causa di contenziosi internazionali, ma il Cremlino continua a ignorare la coalizione anti-IS guidata dagli Stati Uniti per proteggere la sua alleanza con il Presidente siriano Bashar al-Assad.

Stando a un alto ufficiale americano intervistato da Reuters, la Russia ha compiuto 5.000 raid aerei da settembre. Circa il 70 per cento di questi raid ha colpito i gruppi ribelli che si oppongono ad Assad, piuttosto che obiettivi legati allo Stato Islamico.

Leggi anche: I curdi in Siria hanno quasi triplicato i territori sotto il loro controllo

"Non sappiamo realmente quali siano le intenzioni dei russi," avrebbe detto l'ufficiale americano, che è voluto rimanere anonimo. "Per un periodo, pochi raid andavano a colpire ISIL. Dopo molte critiche [da parte] dell'opinione pubblica, hanno rivolto una serie di attacchi contro ISIL."

ONG e gruppi per i diritti umani insistono nell'affermare che la Russia stia bombardando indiscriminatamente gli oppositori di Assad, uccidendo dozzine di civili nei mercati e nelle zone residenziali—una supposizione che la Russia continua a negare.

L'ufficiale americano ha detto a Reuters che la Russia usa meno "munizioni di precisione guidate" della coalizione guidata dagli Stati Uniti, un fatto che fa aumentare la probabilità che i civili diventino vittime collaterali.

"I raid russi che non sono precisi sono per me causa di grande preoccupazione, perché credo che ci sia una correlazione indiretta con il flusso di rifugiati," ha detto l'ufficiale. "Non mette pressione solo alla NATO e all'Unione Europea, è anche un costo umanitario."

Dall'inizio della guerra civile siriana nel 2011, 4,4 milioni di siriani sono fuggiti negli stati vicini. Molti hanno anche tentato di raggiungere l'Europa compiendo pericolosi viaggi in mare attraverso il Mediterraneo.

Leggi anche: Fuga dall'inferno: il viaggio di una famiglia dalla Siria alla Germania

La provincia siriana di Idlib, che include la città di Maraat al-Numan, è stata teatro di una serie di offensive ribelli nel 2015, che sono culminate nella sua conquista da parte del Fronte al-Nusra, legato ad al Qaeda, avvenuta a marzo. A dicembre, sospetti aerei da guerra russi hanno bombardato un mercato affollato nel centro di Idlib, uccidendo almeno 43 persone e ferendone più di 150.

Sempre a dicembre, l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani ha stimato che la campagna di bombardamenti russa avrebbe ucciso 2.132 persone, circa un terzo delle quali civili, tra cui almeno 300 donne e bambini.


Reuters ha contribuito alla stesura di questo articolo.

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook