Pubblicità
salute

La resistenza dei batteri agli antibiotici sta diventando un incubo per la salute pubblica

I batteri resistenti agli antibiotici stanno aumentando a causa dell'evoluzione, accelerata da un uso improprio degli antibiotici. Uccidono circa 23.000 americani ogni anno, e stiamo esaurendo le opzioni di cura alternative.

di Sydney Lupkin
23 febbraio 2016, 10:05am

Foto di Mark/EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

Gli antibiotici hanno salvato un gran numero di vite umane da quando, 88 anni fa, è stata scoperta la penicillina; ma gli antibiotici che abbiamo oggi non stanno funzionando bene come un tempo — e se non agiamo subito, secondo gli esperti di malattie infettive, i risultati potrebbero essere disastrosi.

Secondo il dottor Frank Esper, specialista di malattie infettive all'UH Case Medical Center a Cleveland, in Ohio, i primi antibiotici erano così efficaci che i medici pensavano di poter "sconfiggere i germi," e non hanno mai considerato che gli stessi germi potessero evolversi. Ma gli antibiotici hanno iniziato a non funzionare, e i dottori hanno capito che i batteri si stavano adattando.

Nonostante non sia un termine medico, la parola superbug viene usata spesso per indicare i batteri che resistono agli antibiotici, come lo Staphylococcus aureus, l'E. coli e la tubercolosi. Ed è un problema serio.

"Non possiamo curare le infezioni," ha detto la dottoressa Barbara Murray, ex presidente della Società Americana delle Malattie Infettive e co-direttrice del Centro per lo Studio dei Patogeni Emergenti e Ri-emergenti alla UTHealth di Houston, in Texas. "Oggi negli ospedali vedo delle infezioni che non posso curare perché i batteri resistono a tutto quello che ho a disposizione. I pazienti muoiono."

Stando al Centro di Controllo e Prevenzione delle Malattie, ogni anno negli Stati Uniti due milioni di persone sviluppano infezioni batteriche che resistono agli antibiotici, e di queste, 23.000 muoiono.

Leggi anche: La storia infinita del 'vaccino italiano' contro l'Aids

Quando i batteri diventano resistenti agli antibiotici, vuol dire che gli antibiotici somministrati in dosi sicure per gli umani non sono più in grado di uccidere i batteri. Come tutti i farmaci, a certi livelli, anche gli antibiotici possono essere tossici, quindi ci sono dei limiti su quali dosi possono essere somministrate ai pazienti. 

La resistenza si sviluppa naturalmente quando i batteri mutano casualmente, ma è scatenata dall'esposizione ripetuta agli antibiotici, che "insegna" ai batteri a evolversi. La stessa cosa può accadere anche quando interi geni - sviluppati nel corso di centinaia di migliaia di anni - sono trasmessi da batterio a batterio.

Il processo evolutivo è accelerato da un uso improprio degli antibiotici, ad esempio quando i pazienti non completano il ciclo di antibiotici, interrompendolo quando iniziano a sentirsi meglio.

Questo permette ad alcuni dei batteri più forti - quelli che non sono morti a causa di qualche mutazione - di sopravvivere, riprodursi e diffondersi. La resistenza può svilupparsi anche quando un farmaco contiene una dose troppo bassa di antibiotico per uccidere i batteri. O può accadere in contesti agricoli, in cui agli animali da allevamento vengono amministrate dosi basse di antibiotici, rendendoli dei "vetrini" per le mutazioni dei batteri.

Può accadere anche con il normale uso di antibiotici. Se si assume un antibiotico per un'infezione all'orecchio, quando questo entra in circolo nel sangue va a colpire tutti i batteri presenti nell'intestino, ha spiegato Esper. Potrebbe non essere abbastanza per ucciderli, ma è abbastanza forte da "spingerli" a evolversi.

"Quando si ha a che fare con i batteri, non si tratta solo di un piccolo batterio che viene ucciso da uno specifico antibiotico," ha detto Esper per spiegare che queste mutazioni accadono in popolazioni di miliardi di batteri. Quando una manciata di questi non risponde a un farmaco per puro caso, allora c'è un problema. 

Leggi anche: L'incredibile storia del prodotto venduto come cura per cancro, autismo ed epatite

Negli Stati Uniti, le infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici sono diffuse soprattutto negli ospedali, dove i pazienti sono già vulnerabili e hanno una maggiore possibilità di contrarre nuovi batteri con i cateteri e le flebo endovena o altri "punto di ingresso," ha detto Murray.

"Molte delle cose che vengono fatte ai pazienti per tenerli in vita li predispongono alla rottura delle barriere contro le infezioni," ha detto. "Una flebo che attraversa la pelle non è normale. Non dovrebbe esserci... è un buco nella pelle." 

Quando un antibiotico non funziona, i dottori di solito passano a un'altro per sconfiggere i batteri, e l'uso di più antibiotici è un buon modo per prevenire lo sviluppo della resistenza. Ma stiamo esaurendo gli antibiotici disponibili, e la ricerca di nuove soluzioni è un problema.

"È costoso e c'è molto poco guadagno," ha spiegato Murray. "Le case farmaceutiche, a chi rendono conto? Agli azionisti."

Ha spiegato che nonostante il governo offra incentivi fiscali e di altro genere per le compagnie che decidono di sviluppare nuovi antibiotici, per loro è ancora molto più interessante creare un farmaco che cura una condizione cronica, come l'ipertensione, perché i pazienti ne avranno bisogno per il resto delle loro vite, invece di lavorare a qualcosa che li cura in cinque giorni. La Società Americana per le Malattie Infettive sta spingendo per 10 nuovi antibiotici entro il 2020, ma secondo gli esperti non ci sono abbastanza prototipi di antibiotici nella struttura per pensare di raggiungere l'obiettivo.

Ma la resistenza agli antibiotici non scomparirà.

"Possiamo fermarla? Io credo che da un punto di vista evolutivo la risposta è no — non si può fermare l'evoluzione," ha detto Esper. "I batteri hanno il diritto di evolversi quando sono sotto pressione."

Tuttavia, ha affermato, possiamo minimizzare la pressione e rallentarla prestando attenzione a non utilizzare gli antibiotici eccessivamente o in maniera sbagliata.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Sydney Lupkin su Twitter: @slupkin