Pubblicità
Tech by VICE

Un cingolato che vendeva gelati è stato sequestrato su una spiaggia toscana

È successo a Bibbona, in provincia di Livorno, ma non è il primo caso.

di Giulia Trincardi
17 luglio 2018, 11:26am

Per tutta una serie di ragioni che plausibilmente hanno a che fare con la situazione politica italiana e internazionale, il caldo dell'estate e una personalissima tendenza al catastrofismo, ultimamente mi trovo più spesso del solito a immaginare futuri prossimi molto simili a quelli del film Mad Max: Fury Road — o, più in generale, a qualsiasi scenario post-apocalittico fatto di deserti, dittatori e veicoli cingolati oscenamente addobbati.

Ecco perché, quando ho scoperto che l'ultima moda dei venditori abusivi in spiaggia è proprio truccare cingolati (leggi: piccoli trattori) per macinare chilometri di sabbia e offrire birrini e gelatini freschi ai bagnanti accaldati, mi sono detta ecco, è fatta, la rivoluzione comincia da qui.

Poi ho saputo che, in realtà, il fenomeno non è nuovo e le forze dell'ordine sono impegnate in una vera e propria "guerra ai cingolati" da tempo: la notizia più recente, che riguarda un cingolato sequestrato dalla polizia municipale a Bibbona, in provincia di Livorno, è infatti solo l'ultima di una casistica relativamente significativa, cioè superiore per certo a uno.

Come riportano i quotidiani locali, il trattore con innestata una cella frigorifera in questione è stato avvistato a sud dello stabilimento balneare Jolly Beach, da una pattuglia capitanata dal comandante Maurizio Zianni, che ha immediatamente preso provvedimenti sequestrando il carretto elettrico cingolato. Questo, lo stesso giorno in cui le autorità hanno sequestrato un altro mezzo abusivo (ma solo meccanico) e a una sola settimana di distanza dai precedenti due casi, che coinvolgevano sempre mezzi cingolati.

L'abusivismo dei carretti dei gelati in spiaggia è ovviamente un problema con risvolti più complessi di quanto si possa comunemente pensare e che, purtroppo, non si limita alla illegalità creativa dei mezzi di trasporto. Dietro la vendita del popolare cocco fresco, per esempio, si celano affari decennali di mafia e profitti stellari.

Sono certa, però, che non appena la nostra società civile sarà sostituita del tutto da un nuovo codice di Hammurabi, potremo costruire tutti i cingolati-frigorifero da spiaggia che vogliamo.