Stuff

I nostri antenati ci distruggerebbero in una gara di fitness

L'evoluzione ci ha fatto male. E queste ricerche sulle popolazioni preistoriche lo dimostrano.
07 agosto 2018, 4:00am
Foto via Unsplash.

Qualche settimana fa, io e il mio bracco di nome Stockton stavamo facendo una corsetta sulle dune nel Deserto del Mojave, in California, proprio dietro casa. A un certo punto mi ricordo di aver detto, "Mi gira la testa. Rallentiamo un pochino." Stockton si è fermato in derapata e mi ha guardato con un'espressione tipo, "Che problemi hai?" Mi veniva da vomitare.

Solo un paio di chilometri prima, avevamo sentito un guaito. Da lontano, si intravedeva un piccolo batuffolo bianco nell'immensità del deserto. I cani si perdono spesso qui—perché scappano dalle vicine cittadine e si rifugiano sulle colline, ma ben presto si ritrovano senza acqua, in un luogo inospitale, caldissimo, con serpenti e coyote. Quella palla di pelo non ha più di 48 ore di vita davanti a sé, ho pensato.

Non c'era tempo da perdere, io e Stockton siamo partiti per la nostra missione: localizzare il cane, prenderlo e riportarlo al centro abitato per cercare il suo padrone. Sembrava così semplice. Abbiamo iniziato a correre verso il cucciolo, che però si è spaventato e ha iniziato a scappare ancora più lontano. Dal punto di vista evolutivo, doveva essere un'operazione abbastanza semplice: secondo diversi studi, infatti, in passato gli esseri umani avrebbero dovuto correre per lunghissime distanze per cacciare le proprie prede—o, in questo caso, un cagnolino indifeso. Pare infatti che, migliaia di anni fa, i nostri antenati riuscissero ad abbattere cervi o antilopi dopo averli rincorsi per molto tempo, prendendoli per sfinimento.

I ricercatori hanno scoperto, infatti, che le ossa dell'homo sapiens erano più dense delle nostre; il che farebbe pensare che i nostri antenati corressero molto più spesso di noi—e per distanze molto lunghe. Altri studi ipotizzano che gli uomini preistorici avessero la capacità di correre tanto quanto i contemporanei atleti di cross-country.

La maggior parte degli animali selvaggi sono più veloci dell'uomo, ma si stancano velocemente. Questo è il motivo per cui, probabilmente, l'uomo ha sviluppato muscoli e arti in grado di sostenere lunghe distanze. Inoltre, abbiamo pochi peli e ghiandole sudorifere più grosse che ci tengono freschi durante l'esercizio fisico.

I nostri antenati, quindi, rincorrevano le prede, lentamente ma con risolutezza, per chilometri e chilometri fino al momento in cui queste crollavano esauste e l'homo sapiens si guadagnava la cena per un mese. Questo metodo, chiamato "caccia per sfinimento," è stato praticato probabilmente per due milioni di anni. Era inoltre lo stesso metodo usato dai Rarámuri per cacciare i cervi sui monti nel nord del Messico, e dagli aborigeni per cacciare i canguri in Australia.

Nella regione del Kalahari, le popolazioni locali usavano questa tecnica fino a una decina di anni fa, fino a quando cioè il Sudafrica non ha messo totalmente al bando la caccia, spiega Louis Liebenberg, professore di biologia evolutiva umana ad Harvard e studioso della caccia per sfinimento. Liebenberg ha scoperto che i cacciatori della regione del Kalahari, per praticare questo metodo di caccia, correvano per più di 30 chilometri a un ritmo lento ma costante, su terreni sabbiosi e sconnessi, e con temperature che potevano arrivare fino ai 41 gradi.

Recentemente, un team di nove runner professionisti—tra cui un maratoneta esperto—ha provato la caccia per sfinimento con un'antilocapra americana, che può correre a una velocità di 90 chilometri all'ora. I runner-cacciatori hanno percorso in tutto circa 30 chilometri e sono riusciti a raggiungere l'animale, erano a meno di dieci metri dall'antilope e avrebbe facilmente potuto ucciderla—ma non l'hanno fatto.

Mentre ero nel deserto, ho provato sulla mia pelle quanto fossero in forma i nostri antenati: ogni volta che mi avvicinavo al cane, lui riguadagnava vantaggio. Il mio cane, ben addestrato, non si allontanava mai troppo da me. Così ho cercato di accampare scuse tipo: se i nostri antenati erano dei veri runner, forse avevano una corporatura più snella delle mia, che dopo anni di allenamento con i pesi si è ingrossata e appesantita. Ok, i nostri antenati saranno anche stati veloci, ma probabilmente non erano così forti.

Errore: uomini e donne dell'era preistorica non solo erano ottimi podisti, ma erano anche di corporatura robusta. Secondo uno studio dell'Università di Cambridge del 2017, sembra che alcune nostre antenate dedite all'agricoltura avessero sviluppato una muscolatura massiccia nella parte superiore del corpo pari a quella di un canottiere professionista, grazie all'intensa attività fisica costante: dissodare il terreno, scavare i solchi e portare l'acqua.

Ma com'è possibile, quindi, che da esemplari forti e possenti ci siamo trasformati in un ammasso di rammolliti, di cui solo il 20 percento soddisfa i (modesti) requisiti per l'attività fisica e la buona salute messi a punto dalle istituzioni americane? Come si può facilmente immaginare, la tecnologia è il primo colpevole—e per tecnologia intendo tutto quello che è successo dall'invenzione della ruota fino alle app per ordinare la cena a domicilio. "Spesso le tecnologie che sviluppiamo servono per risparmiarci fatica fisica," spiega David A. Raichlen, professore di antropologia alla University of Arizona. "Dai mezzi di trasporto a motore, alle sedie... tutto riduce l'attività fisica che ci è richiesta per sopravvivere."

Le popolazioni che oggi vivono di caccia e raccolta sono un esempio perfetto del livello di attività fisica necessario per vivere una vita senza tecnologie, spiega Raichlen, che ha studiato gli Hadza della Tanzania, un gruppo di circa 1300 persone. "Abbiamo scoperto che gli hadza fanno circa 75 minuti al giorno di attività fisica moderata-intensa," dice Raichlen. "In soli due giorni, un hadza soddisfa i requisiti minimi di attività fisica settimanale consigliata negli Stati Uniti."

L'intensa attività fisica e una dieta a base di selvaggina e prodotti raccolti in natura sono tra i motivi per cui un hadza è in generale più in salute rispetto a un membro della società occidentale. La sostanziale assenza di malattie autoimmuni, metaboliche e cancro al colon è probabilmente dovuta al fatto che questi individui sono portatori di batteri molto diversi dai nostri—almeno secondo quanto ipotizzato dai ricercatori della University of Nevada - Las Vegas.

Gli hadza restano attivi anche in età avanzata. "Mantengono alti livelli di attività fisica anche tra i 60 e i 70 anni, mentre nel mondo occidentale tutti si impigriscono e smettono di fare attività fisica," spiega Raichlen. Secondo una ricerca, il livello di attività fisica svolta è un dato più affidabile per valutare il rischio di decesso rispetto ad altri fattori di rischio generalmente riconosciuti quali fumo, ipertensione, colesterolo alto e diabete.

Per quanto mi riguarda, ogni volta che riuscivo a scorgere il cagnolino nei paraggi, questo mi guardava e si metteva a correre più lontano, sparendo oltre l'orizzonte. Il mio problema non è solo che sono lento, ma anche che sono piuttosto ignorante. "La gente crede che la caccia per sfinimento sia solo una questione di fisico, sottovalutandone la componente mentale," spiega Liebenberg. Per praticare questo tipo di caccia, devi conoscere alla perfezione l'animale e il suo comportamento, ma anche il suolo su cui ti trovi, la strategia di avvicinamento e molto altro—tutte cose che onestamente gli esseri umani moderni ignorano.

Io, ad esempio, non sono stato in grado di prevedere gli spostamenti del cane, ho fatto ipotesi sbagliate sulle sue mosse successive e ho sprecato tempo ed energia inutilmente, su e giù dalle dune.

Ecco perché poi mi sono sentito male. Per fortuna non ho vomitato, ma mi sono arreso, ammettendo la sconfitta. Io e Stockton abbiamo continuato una corsa più tranquilla sulla strada verso casa, dove abbiamo aperto il frigo e, senza nessuno sforzo, abbiamo trovato cibo e acqua fresca. In quel momento mi sono reso conto che per i nostri antenati quello non era solo un gioco, e che un fallimento nella caccia significava andare a letto senza cena.

E il cagnolino? Siamo tornati a recuperarlo, questa volta in auto, e l'abbiamo riportato al paese.

Questo articolo è apparso originariamente su Tonic.