A New York apre il museo della pizza, e non sembra avere alcun senso

C'è anche un video che sembra uno spot di moda, piuttosto che la pubblicità di un museo della pizza.
Foto di Kate Owen. Per gentile concessione di Nameless Network

Il museo del gelato non era abbastanza, a quanto pare l'ennesimo paese dei balocchi del cibo per aspiranti influencer di Instagram invaderà New York City. Preparati per il Museum of Pizza, che aprirà i battenti tra il 13 e il 28 ottobre di quest'anno in una località ancora ignota a New York, prima di espandersi in tutta America. Se sei interessato a visitarlo, i biglietti sono disponibili in prevendita qui.

Pubblicità

Non è chiaro quanto cibo effettivamente ci sia in questo museo. Eater NY, ha definito il museo “vagamente sessuale", sottolineando che i visitatori avranno almeno “il diritto a una fetta gratuita”. Accidenti, una fetta intera?

Il Museo della Pizza è il frutto del lavoro di Nameless Network, una società di media che ha come target i giovani. I biglietti costano 35 dollari per gli adulti, mentre sono gratuiti per i bambini dai 3 ai 12 anni (purché accompagnati da un tutore legale) e per gli anziani di età pari o superiore a 60 anni. Infine, il Museo della Pizza promette di essere divertente per tutti. In quasi ogni fascia di età tranne per i “mocciosi”, cosa che emerge in questo video (vedi sotto) promozionale con vaghi riferimenti al mondo della moda.

Dio, sono così stanco.

Anche l'account Instagram del Museo è carico di riferimenti sessuali; clicca sopra ad un'immagine a tua discrezione. Se navighi sul sito web, potresti essere felice di trovare qualche frase incantevole e lunatica, come:

  • "Tutta l'arte parte da sogni irrequieti, e The Museum of Pizza non è diverso.”
  • "Il lusso che puoi sgranocchiare ha un appeal universale: come un migliore amico, la pizza è divertente, affidabile, costante, adattabile e generosa”.
  • "La pizza è fottutamente fantastica - e lo è sempre stata, lo sarà sempre. Ma è anche più di una gustosa epifania di formaggio, pasta e salsa - è unificatrice, linguaggio universale, un punto esclamativo culturale”.

Pubblicità

Cosa potrebbe significare tutto ciò? Ho cercato di dare un senso a questo materiale promozionale tutto il giorno e sfregarmi furiosamente le tempie per la frustrazione.

"La pizza è più di un cibo - è un fenomeno culturale che trascende da geografia e linguaggio", ci ha scritto in una mail martedì, Kareem Rahma, CEO di Nameless Network e fondatore del Museum of Pizza. "Con il Museo della Pizza, stiamo unendo la nostra passione per lo storytelling e la cultura pop per alimentare scoperte, amicizia, arte, musica e selfie".

Come spiega il sito, il Museo sarà caratterizzato da una "galleria" di artisti, una grotta della pizza, una “fun house” della pizza, "Pizza Zen" (???), la "sala di proiezione e laboratorio multimediale ufficiale #MoPi Pizza Films", e altre esperienze.

Come osserva Eater NY, il museo si autodefinisce "la prima e unica esperienza artistica immersiva che celebra la pizza", un'affermazione alquanto discutibile considerando l'esistenza di musei della pizza ovunque. Quando è stato chiesto di spiegare perché il museo si autodefinisce in modo così audace, un portavoce ha chiarito che in realtà si tratta solo del primo museo della pizza di New York.

Ad ogni modo, sono propenso a pensare che questo museo potrebbe rivelarsi un colossale spreco di denaro, ma che diavolo ne so? Non voglio essere troppo superficiale; dopotutto, "pizza sexy" è un concetto che abbraccio incondizionatamente.

Beh, comunque … puoi sempre fare sesso con una cartone di pizza di Ellio's per molto meno di 35 dollari!

Questo articolo è originariamente apparso su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram