Quanto sono sostenibili gli iPhone per l'ambiente?

Quasi impossibili da riciclare, richiedono tonnellate di risorse naturali per essere prodotti... eppure segnano anche un progresso imprevisto dal punto di vista ambientale.
10.7.17
Immagine: Cooper Neill

Apple si definisce un'azienda 'green', ma i suoi prodotti sono difficili da riciclare, ha stipulato accordi vincolanti con chi ricicla materiale elettronico e i suoi clienti cambiano regolarmente i propri dispositivi prima che sia realmente necessario. Ma possiamo pensare all'iPhone in un altro modo: ovvero, come un dispositivo che impedisce l'accumulo di molti altri rifiuti. Adam Minter è un esperto in materia di e-waste, ha scritto Junkyard Planet: Travels in the Billion-Dollar Trash Trade. Ho pensato che questo tema — a cui ho solo accennato in un altro nostro articolo — valesse la pena di essere approfondito. Jason Koebler Recentemente ho fatto visita a una società del Vermont che si occupa di riciclare rifiuti elettronici e ho curiosato in un magazzino pieno zeppo di dispositivi obsoleti e difficili da recuperare: macchine da scrivere elettriche, console per videogiochi, registratori a nastro, amplificatori per chitarra, televisioni, spettrometri, altoparlanti e persino alcune console mediche di imaging. Questo mischione era molto interessante, così ho scattato una foto con il mio iPhone e l'ho pubblicata su Twitter. Pochi minuti più tardi, Nathaniel Bullard, studioso di energie rinnovabili (e mio amico), ha risposto al tweet : "Mi viene da chiedermi: quanti di questi oggetti monouso sono ora solo una app per smartphone?"

Pubblicità

La maggior parte, ho pensato. Ma di sicuro non l'unità oscilloscopio per l'aria condizionata visibile in prima fila nell'immagine? Un dispositivo così grande e specifico può essere concepito solo in quel modo, giusto? Sbagliato: qualche minuto dopo Bullard mi ha risposto con un link a un'applicazione che svolge la funzione di oscilloscopio in vendita sull'App Store.

Praticamente, dal momento in cui è uscito sul mercato, gli ambientalisti e chi studia la sostenibilità hanno criticato l'iPhone — e il suo ciclo di vita accellerato — come assolutamente insostenibile. E le loro argomentazioni sono corrette. Nonostante i notevoli sforzi da parte di Apple per promuovere i programmi di riciclaggio, la maggior parte degli iPhone rimane impossibile da riciclare. Ma dopo quello scambio di tweet con Nat, ho cominciato a pensare che c'è un modo più interessante di guardare all'impatto ambientale dell'iPhone. Se una decina di anni fa i progettisti più creativi al mondo si fossero riuniti per progettare un singolo oggetto che riducesse e addirittura eliminasse il consumo di dispositivi difficili da riciclare come gli stereo, le torce elettriche, le televisioni, le macchine da scrivere e persino gli oscilloscopi, dubito che se ne sarebbero potuti uscire con qualcosa di meglio dell'iPhone e dei modelli di smartphone che lo seguirono e lo imitarono.

Non esistono dati dettagliati su quanto rame, oro, acciaio e altre materie prime sia stato possibile risparmiare scegliendo un iPhone (che viene spesso aggiornato) piuttosto che un armadio pieno di dispositivi elettrici ed elettronici di vecchia generazione. Ma so, perché ho provato a misurarlo dal vivo, che quel oscilloscopio conservato in un magazzino del Vermont può contenere più di 100 iPhone 6 — e ognuno di questi telefoni può fare molte più cose di un singolo oscilloscopio. Naturalmente, il mix di materiali — rame, oro, elementi rari, acciaio, vetro e plastica — sarà differente. Ma ogni applicazione installata su un iPhone — in molti casi — consente di salvare un certo quantitativo di materiale che viene raffinato e utilizzato per realizzare un dispositivo separato.

Quindi, in definitiva, l'iPhone è sostenibile? Credo che dipenda da cosa si intende per "sostenibile." Di sicuro e, in particolar modo per i consumatori di paesi emergenti o provenienti da zone in via di sviluppo come l'India, la Cina e l'Africa, è molto più sostenibile che acquistare uno smartphone rispetto al numero di dispositivi acquistati e, eventualmente, abbandonati dalle generazioni precedenti dei consumatori appartenenti ai paesi sviluppati. Come si pone in questo discorso l'iPhone? Dal punto di vista ambientale, come un progresso inatteso.