Pubblicità
Attualità

La storia del finto stato indipendentista che ha trollato tutta la Spagna

Dopo che la Catalogna ha dichiarato l'indipendenza dalla Spagna, la Tabarnia ha dichiarato l'indipendenza dalla Catalogna. Soltanto che prima non esisteva nessuna Tabarnia.

di Juan Soto-Ivars
09 settembre 2019, 10:39am

Tutte le foto di Alícia Fàbrega.

L'1 ottobre 2017, i catalani sono andati alle urne per votare un referendum sulla loro indipendenza. Quel giorno, il governo spagnolo—che aveva dichiarato il referendum incostituzionale—ha inviato migliaia di poliziotti antisommossa per ostacolare le procedure di voto. A fine giornata, il conteggio era di 844 persone e 33 agenti feriti.

Nelle settimane precedenti, la polizia aveva provato a scovare le schede elettorali nascoste in tutta la Catalogna. C’era chi aveva detto che si trovassero in un'ambasciata, chi che erano nascoste nelle chiese catalane—ma nessuno, a parte i gruppi nazionalisti catalani incaricati di organizzare il referendum, sapeva dove fossero state nascoste.

Le schede sono, poi, comparse all'improvviso il giorno delle elezioni. In seguito, si è scoperto che centinaia di catalani le avevano nascoste per mesi nelle loro case, e le avevano portate ai seggi la sera prima, dove avevano dormito per impedire l'ingresso della polizia.

A spoglio concluso, il movimento per l'indipendenza ha rivendicato la vittoria, annunciando che il 90 percento degli elettori aveva sostenuto l'indipendenza. Tuttavia, l'affluenza era stata solo del 42 percento—e non sono mancate accuse da parte di gruppi pro-spagnoli di brogli e votazioni truccate.

Tre settimane dopo, il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, ha convalidato i risultati delle elezioni e proclamato ufficialmente la Repubblica catalana, con l'intento di avviare le trattative con il governo spagnolo e la comunità internazionale. Ma nulla di tutto questo è avvenuto, e il governo spagnolo ha presto iniziato ad arrestare politici e attivisti catalani. Tra continue manifestazioni, Puigdemont è fuggito in Belgio.

Alla fine, un nuovo paese è stato aggiunto alla mappa, anche se non è quello a cui stai pensando. Si chiama Tabarnia.

1564398503200-tabarnia3-1
I sostenitori di Tabarnia a una manifestazione a Barcellona. Marzo, 2018.

Independenza dall’independenza

Secondo i suoi sostenitori, la Tabarnia è una regione immaginaria della Catalogna, costituita da una striscia di terra tra Barcellona e Tarragona, dove, storicamente, i partiti pro-indipendenza della Catalogna hanno fatto fatica a raccogliere voti. Nata come parodia del movimento indipendentista catalano, l'idea è decollata nel 2013, quando alcuni post hanno iniziato a comparire su Forocoches—il più grande forum online della Spagna, dove meme a caso, trolling e politica si incrociano come su Reddit o 4chan.

Mentre il governo catalano spingeva per un referendum sull'indipendenza, i gruppi pro-spagnoli hanno introdotto e messo in scena il concetto di Tabarnia. Inizialmente la strategia era semplice, rispondere slogan per slogan: se i separatisti catalani dicevano che la Spagna stava rubando risorse alla Catalogna, i tabarniani rispondevano che il resto della Catalogna stava rubando da loro.

“La cosa più bella di Tabarnia è che fa incazzare tantissimo i catalani,” mi dice Mikel, un ingegnere informatico che preferisce rimanere anonimo a causa del suo ruolo attivo nella comunità di Tabarnia su Twitter. “Mostragli la bandiera spagnola, e ti chiameranno fascista, ma se tiri fuori la bandiera di Tabarnia, sei tu a chiamare loro dei fascisti.”

Ovviamente i catalani non la vedono così: i gruppi indipendentisti affermano che stanno promuovendo un movimento nazionalista aperto, vario e progressista—al contrario di ciò che vedono come l’espressione iper-nazionalista dell'identità spagnola spinta sotto la dittatura di Franco.

1564398528203-tabarnia

In seguito alle elezioni regionali di dicembre 2017, la Tabarnia ha smesso di essere solo un meme sui social media e ha iniziato a ricevere più attenzioni. Il gruppo dietro al sito Barcellona non è la Catalogna ha lanciato il movimento ufficiale di Tabarnia. Mentre il dialogo tra il governo e i leader catalani si è completamente fermato, sui media spagnoli hanno iniziato a comparire strane storie di tutti i tipi, comprese proposte serie per una soluzione “a due stati” tra Catalogna e Tabarnia.

Poi c'è stata la volta che Jaume Vives, un giornalista di 24 anni, si è messo in piedi sul balcone di casa e ha iniziato a urlare di essere stufo di questa merda. Il video è diventato così virale che a Vives è stato offerto il ruolo di portavoce ufficiale di Tabarnia.

Quando Vives si è unito al movimento, Tabarnia non era più solo uno scherzo virale, ma un vero obiettivo politico. Albert Boadella, un famoso attore e pro-unionista che sostiene di esser dovuto scappare dalla Catalogna a causa delle sue convinzioni, è stato considerato il presidente di Tabarnia in esilio.

Vives, nel suo nuovo ruolo di portavoce, ha tenuto una conferenza stampa quel giorno, annunciando che se la Catalogna fosse diventata indipendente, Tabarnia si sarebbe immediatamente staccata dalla Catalogna e sarebbe tornata a far parte della Spagna. Nessuno dei leader secessionisti ha reagito, ma i politici a favore dell'unione con la Spagna hanno manifestato il loro supporto.

Andrea Levy, un membro del parlamento catalano con il partito unionista Partido Popular, è stato uno dei politici a dare pieno sostegno alla causa. “È stata una risposta ironica agli anni di nazionalismo [catalano],” mi dice Levy, “contro l’idea diffusa che esisteva una sola Catalogna che agiva all’unisono.

1564399602504-tabarnia4
Tabarnia supporters selling pro-union merchandise.

Levy ritiene che il successo del fenomeno Tabarnia “ha dimostrato che c'era una parte del popolo catalano che non aveva convogliato l'opposizione all'indipendenza in modo organizzato, ma che ora ha i giusti mezzi per farlo.”

Così le prime bandiere della Tabarnia hanno cominciato ad apparire in giro: appese ai balconi e sventolate alle manifestazioni pro-Spagna—mentre un certo numero di indipendentisti catalani venivano citati in giudizio.

Antonio Baños, ex rappresentante nel parlamento catalano del partito secessionista di sinistra CUP, ritiene che l'interesse sproporzionato dei media per la Tabarnia negli ultimi giorni del 2017 ha dimostrato che “dietro questa presunta beffa [Tabarnia] c'erano molti soldi e un vero interesse a screditare l'idea secessionista e il movimento pro-indipendenza—un movimento che ha coinvolto 2 milioni di persone, che hanno subito violenze dalla polizia e persecuzioni politiche.” In altre parole: l'intera faccenda di Tabarnia potrebbe essere stata orchestrata—forse dallo stato spagnolo.

I sostenitori di Tabarnia negano categoricamente qualsiasi tipo di finanziamento. Vives me lo conferma: non ha mai smesso di essere un piccolo gruppo di persone che prendono per il culo i secessionisti, senza una vera struttura e finanziamenti. Inoltre, ritiene che il successo della beffa sia dovuto al fatto che la gente era stanca della retorica dei politici nazionalisti catalani che avevano governato per quasi 30 anni. “Abbiamo usato le stesse parole per difendere un progetto insignificante. Proprio come loro.”

1564398972404-image1
The official Tabarnia online merchandise store.

Il disaccordo tra Baños e Vives mostra come anche la Tabarnia sia diventata un modo per creare divisioni nella società catalana.

La spinta all'indipendenza è stata rallentata dalla detenzione dei principali politici della Catalogna, quindi anche il movimento Tabarnia ha perso slancio. Oggi rimane ben poco dell'idea: semplicemente un sito web che vende gadget e un paio di account Twitter più concentrati a portarla avanti come satira.

Questo articolo fa parte della nostra serie sui confini d'Europa e gli effetti che questi hanno sui suoi abitanti.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .