Pubblicità
Europa

Bagnati, malati e bloccati: il dramma delle migliaia di bambini ai confini d'Europa

VICE News ha visitato il campo di Idomeni, in Grecia, dove si pensa che un terzo dei 13.000 migranti bloccati al confine siano bambini, nel mezzo di una crisi umanitaria che continua a peggiorare.

di Harriet Salem
10 marzo 2016, 10:28am

Photo par Harriet Salem/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

Per migliaia di migranti e rifugiati intrappolati al confine tra Grecia e Macedonia, il sogno dell'Europa si sta rapidamente trasformando in un incubo, tra confini chiusi, maltempo e sovraffollamento che stanno trasformando il campo di Idomeni in una crisi umanitaria.

Aliyah Hussein tiene in braccio la sua bambina. "Piange tutto il giorno, e durante la notte la sento che fatica a respirare," racconta a VICE News. Sua figlia, di soli 13 mesi, ha un'infezione all'occhio e al sistema respiratorio. "I dottori le hanno dato delle medicine, ma sta peggiorando, non sta migliorando."

Si ritiene che circa un terzo dei quasi 13.000 migranti bloccati nel campo siano bambini, e che il 20 per cento delle visite effettuate dai dottori di Medici Senza Frontiere (MFS) siano su bambini di meno di cinque anni.

"Non abbiamo modo di capire quante persone ci siano esattamente, ma sappiamo per certo che ogni giorno il numero di persone aumenta e le condizioni peggiorano," dice a VICE News Cristian Reynders, vice coordinatore del campo di Idomeni per MSF. "Non dovrebbe essere un campo in cui restare, è un campo di transito e alcune persone sono qui da settimane."

Leggi anche: Nel 2015 la Grecia ha accolto cinque volte più migranti dell'Italia

Donne e bambini aspettano nel campo di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia, con la speranza di poter continuare il loro viaggio. (Foto di Peter Kiehart)

Durante la notte le persone si radunano intorno ai fuochi per cercare calore, ma la carenza di legno ha costretto i migranti a bruciare qualsiasi cosa riescano a trovare, avvolgendo il campo in una nuvola di fumi tossici. "Bruciano cartoni, vestiti, plastica, tutto quello su cui riescono a mettere le mani. Sta causando molti problemi respiratori, soprattutto nei bambini piccoli," spiega Nick Sarchet, un infermiere che lavora come volontario su un'ambulanza.

"Chi ha già dei problemi di salute pregressi li vede esacerbati, per i giovani, gli anziani, o chiunque soffra di asma c'è un rischio concreto di complicazioni, o di sviluppare la polmonite."

'È spaventoso e inaccettabile avere queste condizioni in Europa — è assolutamente vergognoso.'

Nell'ultima settimana, due bambini che vivono nel campo sono stati trasportati d'urgenza in ospedale. Uno era affetto da gravi problemi respiratori, l'altro era stato colpito da una scarica elettrica mentre giocava lungo la ferrovia.

Il campo ora ospita sette volte la sua capacità massima. Le file per ottenere i pacchi con il cibo si snodano lungo la strada principale del sito, e la fila può arrivare a durare fino a tre ore; ogni persona riceve sono un panino o una scodella di minestra.

I migranti si accalcano per ritirate i pacchi di cibo dal retro di un furgoncino, da cui i volontari distribuiscono aiuti all'interno del campo di Idomeni. (Foto di Harriet Salem/VICE News)

"Per me è difficile stare in piedi così a lungo, mi sento svenire," dice la 37enne Manal Yesin, mentre tiene in braccio il figlio di un anno. È fuggita da Yarmouk, un distretto di Damasco che ha visto alcuni tra i combattimenti più duri in Siria. È incinta di quattro mesi e viaggia da sola da quando suo marito è stato ucciso a gennaio.

Con due bambini piccoli di cui occuparsi e pochi soldi rimasti, Yesin non ha altra scelta che aspettare in fila per il cibo, anche se ci vuole così tanto tempo. "La gravidanza mi causa molto dolore, ma i medici dicono che se non c'è sangue qui per me non possono fare nulla."

Leggi anche: Perché potrebbe davvero aprirsi una nuova rotta di migranti tra Albania e Italia

Le donne incinte costituiscono circa il 2 per cento delle visite effettuate dai dottori di MSF, alcune donne sono state portate di corsa in ospedale quando sono entrate in travaglio mentre erano al campo. "È estremamente preoccupante il fatto che delle donne partoriscano qui ogni settimana," dice Reynders. "Le facciamo andare in ospedale, ma tornano al campo coi neonati. È spaventoso e inaccettabile avere queste condizioni in Europa — è assolutamente vergognoso."

La pioggia ha solo peggiorato la situazione: gli acquazzoni notturni allagano il campo e bagnano completamente i vestiti e le coperte dei migranti. Solo alcune delle fragili baracche allestite sui campi resistono all'acqua, e in tende costruite per due persone spesso dormono intere famiglie.

I campi intorno a Idomeni, allagati dopo un forte acquazzone. (Foto di Peter Kieheart) 

"All'inizio l'acqua entrava nelle tende, abbiamo provato a fermarla con le coperte. Dopo circa un'ora di pioggia, pioggia, pioggia, la tenda si trovava praticamente in mezzo a una pozzanghera," dice a VICE News Hassan Abdullah, 37 anni, il giorno dopo un pesante acquazzone. Dopo aver tentato - senza successo - di spostare la tenda a notte fonda, la sua famiglia è stata costretta a trovare rifugio nella tenda di un vicino. "Non c'era spazio per farci stare tutti sdraiati, quindi alla fine gli adulti sono rimasti seduti tutta la notte mentre i bambini ci dormivano in braccio — tremando per il freddo."

'Credevo che sarei morto in Siria, ma ora penso che morirò qui.'

Rand Lamiyah, 34 anni, è su una sedia a rotelle ed è affetto da paralisi cerebrale. Le notti passate a dormire sul pavimento duro e freddo lo hanno lasciato agonizzante e impossibilitato a camminare, quindi dipende da un amico che gli fa attraversare il campo fangoso portandolo in braccio. "Non posso usare i bagni o le docce," dice a VICE News. "Credevo sarei morto in Siria, adesso penso che morirò qui."

Al campo di Idomeni, i migranti cercano di asciugare i vestiti e le scarpe, completamente bagnati dopo un acquazzone. (Foto di Harriet Salem/Vice News)

Quando esce il sole i migranti cercano di asciugare i loro averi, tenendo in equilibrio le scarpe sui pali delle tende e appendendo i vestiti sugli alberi e sulla recinzione di filo spinato lungo il confine. A causa dell'incertezza riguardo a quello che succederà al confine, e davanti alla previsione di ulteriori piogge nei giorni seguenti, la situazione potrebbe peggiorare ancora per le migliaia di migranti bloccati a Idomeni.

Martedì notte, l'Europa ha fatto un ulteriore passo per sigillare i propri confini: la Serbia e la Slovenia hanno annunciato che aumenteranno le restrizioni e la sicurezza alle frontiere, e faranno entrare solo coloro che hanno documenti di viaggio validi o bisogni umanitari. 

"Le condizioni a Idomeni sono terribili, c'è pochissima assistenza umanitaria, pochissimi servizi igienici, e i campi sono allagati," dice a VICE News Peter Bouckaert, direttore delle emergenze per Human Rights Watch. "È inaccettabile assistere a questo genere di sofferenza umana in Europa. Questo non è un disastro naturale, è stato causato dall'uomo."


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegramsu Facebook
Segui Harriet Salem su Twitter: @HarrietSalem

Tagged:
VICE News
iraq
Human Rights Watch
Macedonia
idomeni
msf
Siria
GUERRA
grecia
rifugiati
migranti
immigrazione
Campo profughi
Medici senza frontiere
confine
Balcani
accoglienza
crisi dei migranti
guerra e conflitti
rotta balcanica