ambiente

In Siberia è in corso un'epidemia di antrace provocata dalle carcasse delle renne

Un'ondata di caldo anomalo sta sciogliendo dei ghiacciai perenni dai quali starebbero riaffiorando batteri provenienti da carcasse sepolte 75 anni fa.
01 agosto 2016, 2:20pm
Photo de Patrick Straub/EPA

Almeno 40 persone provenienti da comunità nomadi della Siberia settentrionale sono state costrette alle cure ospedaliere a causa di un'epidemia di antrace che secondo gli esperti sarebbe dovuta allo scongelamento di alcune carcasse di renna.

Il nord della Siberia, di recente, è stato attraversato da condizioni atmosferiche piuttosto anomale, compresa un'ondata di caldo con temperature record che nella tundra dello Yamal, a ridosso del Circolo Polare Artico, sono arrivate anche a 35 gradi centigradi — contro i 25 della media stagionale.

Le alte temperature hanno provocato il disgelo dei ghiacciai perenni della zona, contribuendo al rilascio di batteri letali: secondo gli scienziati, alcuni di questi proverrebbero proprio da alcune carcasse di renne, rinvenute negli ultimi tempi ma 'conservate' dal gelo sin dal 1968, dopo l'ultima epidemia.

Leggi anche: "Ivan the Terminator" è il soldato robot col quale la Russia vuole spaventare il pianeta

Secondo il Washington Post, la settimana scorsa più di 1500 renne sono morte a causa di infezioni dovute all'antrace nel distretto di Yamalo-Nenest.

Il governatore Dmitry Kobylin ha dichiarato lo stato d'emergenza, evacuato e messo in quarantena le comunità più a rischio di infezione, comprese le orde di renne nomadi.

Amma Popova, capo di stato delle strutture sanitarie, ha spiegato alla CNN che la quarantena dovrebbe durare fino a settembre, e che è prevista anche una vaccinazione di massa per gli animali.

Secondo il Siberian Times, per ovviare al fenomeno il ministro della Difesa Sergei Shoigu sta dispiegando una speciale truppa di risposta biologica, creata per costruire dei laboratori e analizzare le carcasse infette — un'operazione che Kobylkin ha definito "di estremo rischio."

"Penso sia forse la prima volta in cui viene messo in opera un piano del genere per contrastare la mortalità delle renne, a così grande distanza dalla tundra," ha spiegato.

L'antrace, un'infezione mlto contagiosa, è causata dal batterio bacillus anthracis, e si può contrarre attraverso i corpuscoli che vagano nell'atmosfera, mangiando materiale infetto o entrando in contatto con la carne viva.

La forma più virulenta dell'antrace è stata sfruttata anche come arma, sotto forma - per esempio - di spore spedite via posta e recapitate negli Stati Uniti nel 2001presso varie tastate e senatori, un attacco che provocò la morte di 5 persone e l'infezione di altre 17.


__Segui VICE News Italia_ su Twitter, su Telegram e su Facebook_

Segui Tess Owen su Twitter: @__misstessowen