Recensione: Cults - Offering

Cosa significa oggi fare musica pop? Un'emozione è tale anche se fabbricata a tavolino?
20.10.17

È arrivato il momento di chiedersi cosa significa oggi fare musica pop: confezionare un prodotto che venda a breve termine e quindi accontentare il gusto delle masse? Significa contaminare e rendere la ricerca un modo per arrivare a tutti senza sputtanarsi? Non significa un cazzo? Ecco, queste le domande che mi sono venute in mente ascoltando l'ultimo dei Cults: disco in cui i nostri si trasformano in una perfetta macchina oliata di "canzoncine", laccate laccate, pulite, senza un pelo, coi suoni che sembrano prodotti da Hello Kitty in persona.

Pubblicità

Ora, non che prima i Cults fossero chissà quali personaggi con chissà quali grilli per la testa, ma la differenza rispetto al passato si sente. Perso quello che avevano di lo–fi, hanno acquistato del glo e una probabile ambizione ad arrivare in qualche posto alto della classifica. Il che non è necessariamente un male, ma a un certo punto l'ascoltatore, colpito da questa valanga di romanticismo, comincia a pensare che qualcosa non quadri. Nel senso che sì, è tutto perfetto, ma le melodie sembrano forzate, tutto dà l'impressione di essere stato costruito a tavolino. Certo, mentre stavano al tavolino si sono divertiti e si sente, ma dopo un inizio in cui sembrano evocare lo spettro del Paul Mc Cartney di Silly Love Songs, poi rimane solo lo spettro e dopo il terzo pezzo ti sei già rotto i coglioni.

Però poi sembrano dirsi "ok dai, però facciamo anche qualcosa di più matto, sennò questo si rompe i coglioni davvero"; e arrivano le ritmiche un po' vintage primi anni Duemila, gli Ottanta, un piano che riecheggia i grandi classici. Insomma, mischiano un po' le carte per distrarmi, col risultato che non capisco dove vogliano arrivare. Vogliono far piangere gli adolescenti? Vogliono allontanare i matusa? Vogliono qualcosa? Boh.

Forse nulla, che è la sensazione che dopo un continuo ascolto del disco esce prepotente dallo stomaco. In fondo in fondo, forse proprio per questo, Offering fa venire il magone e i lucciconi: peccato che sembrino indotti chimicamente e non proprio per motivi "naturali".

Pubblicità

Ma, appunto, torniamo alle domande iniziali: cosa significa oggi fare musica pop? Confezionare un prodotto che venda a breve termine e quindi accontentare il gusto delle masse? Significa contaminare e rendere la ricerca un modo per arrivare a tutti senza sputtanarsi? Non significa un cazzo? Penso che di base significhi emozionarsi—e allora Bubble Tea per tutti, con questa roba nelle orecchie.

Offering è uscito il 6 ottobre per Sinderlyn.

Ascolta Offering su Bandcamp:

Segui Noisey su Instagram e Facebook.