medici senza legge

Il collettivo di anarchici che produce farmaci fai-da-te

Il Four Thieves Vinegar Collective è un gruppo di anarchici smanettoni che vuole sfidare l’industria farmaceutica con medicinali fatti in casa.

di Daniel Oberhaus
05 settembre 2018, 11:11am

Immagine: Chris Kindred/Motherboard

La prima volta che ho incontrato Michael Laufer stava offrendo alla folla dei medicinali fatti in casa, per un valore di migliaia di dollari, alla conferenza biennale Hackers on Planet Earth (HOPE), a New York.

“C’è qualcuno di voi che soffre di shock anafilattici ma non ha accesso all’adrenalina?” chiede Laufer al pubblico. Si alza qualche mano e Laufer offre una boccetta di EpiPen prodotto artigianalmente. “Questo è uno di quelli che produciamo noi, originale,” spiega. “Usalo con saggezza.”

Dopo essersi compiaciuto del fatto che Martin Shkreli fosse ormai rinchiuso a marcire a Fort Dix da un bel po’ per aver aumentato il prezzo del Daraprim, un farmaco contro l’HIV in grado di salvare vite umane, da 13 a 750 dollari, Laufer passa alle cose più serie.

“Sono passati due anni, ma nonostante tutto, il prezzo del Daraprim non è cambiato,” ha detto. Poi mette una mano in tasca e ne tira fuori una manciata di pillole bianche. “Forse dovrei distribuirne di più,” dice Laufer mentre distribuisce il farmaco tra il pubblico.

Nella sua giacca camo, pelato e con la barba scura, Laufer non è esattamente il tipo a cui chiederesti un consiglio medico, ma questo è proprio il punto del suo discorso. In qualità di fondatore del Four Thieves Vinegar, una rete di volontari anarchici e hacker che sviluppano medicinali fai-da-te, Laufer ha passato gli ultimi dieci anni della sua vita a lavorare per liberare i farmaci in grado di salvare vite umane dal monopolio delle grandi aziende che li possiedono. Laufer non ha alcuna formazione tradizionale in medicina ed è il primo a dire chiaramente di non essere un medico. Dal punto di vista legale, è più qualificato per condurre studi matematici su armi nucleari, piuttosto che curare pazienti. Ma Laufer non è certo uno che si lascia influenzare dalle norme e dalle regole della società...

Ho incontrato Laufer in un bar, dopo il suo intervento alla conferenza HOPE. Qui ha incontrato i suoi collaboratori del Four Thieves, venuti da tutto il mondo per la conferenza e ha svelato i nuovi ritrovati tecnologici in ambito medico. Laufer ha aperto le celebrazioni con un brindisi.

“Un brindisi alle vittime, ai bambini malati di cancro e AIDS,” ha detto alzando il suo bicchiere di bourbon e citando Felipe Andres Coronel, l’artista hip hop anche noto come Immortal Technique. “Una cura esiste, e voi potevate essere salvati.”

Negli ultimi dieci anni, Four Thieves ha messo i bastoni tra le ruote alla Food and Drug Administration, ai dirigenti miliardari delle case farmaceutiche, ai medici e ai chimici delle più prestigiose università degli Stati Uniti. Laufer e i suoi hanno la missione di disturbare i potenti, e il Four Thieves è la prova che un’alternativa esiste per produrre farmaci riducendo i costi e restando fuori dai circuiti istituzionali.

In farmacia, un autoiniettore di adrenalina usa e getta Mylan costa più di 600 dollari, mentre il generico della stessa azienda viene 300 dollari a coppia. Con l’attuale carenza, però, anche chi potrebbe permettersi la spesa, rischia di rimanere senza farmaco. In risposta alla situazione, Four Thieves ha pubblicato le istruzioni per costruire il proprio autoiniettore con soli 30 dollari, utilizzando materiale facilmente reperibile, e l’ha poi rilanciato con una versione da 3 dollari. Shkreli ha deciso di aumentare il prezzo di ogni dose di Daraprim a 750 dollari a pillola. Così Four Thieves ha sviluppato un laboratorio chimico open source e portatile che permette a chiunque di produrre il proprio Daraprim, con soli 25 centesimi a pillola.

L’industria farmaceutica negli Stati Uniti vale circa 446 miliardi di dollari e i suoi confini sono attentamente presidiati dalle agenzie governative come la FDA e la Drug Enforcement Administration. Distribuendo gratuitamente dispositivi medici e farmaci, questo collettivo di anarchici e hacker sta minacciando le sorti di una delle industrie più prolifiche e regolamentate del mondo. E questo è solo l’inizio.

MEDICINALI GRATUITI

I membri di Four Thieves sostengono di essere riusciti a sintetizzare cinque tipi diversi di farmaci, utilizzando il MicroLab. Nel tentativo di replicare un macchinario molto costoso che si trova solo nei laboratori chimici, lo strumento prodotto da Four Thieves ha un prezzo notevolmente inferiore ed è costituito solo da materiale facilmente reperibile. Nel MicroLab, le camere di reazione sono un piccolo barattolo all’interno di un barattolo più grande con un coperchio creato con stampa 3D (istruzioni disponibili online anche per questo). Qualche tubicino in plastica e un termistore per misurare la temperatura si attaccano al tappo per far circolare i fluidi e innescare la reazione chimica che permette di creare alcuni farmaci. L’intero processo è automatizzato utilizzando un piccolo computer che costa circa 30 dollari.

Ad oggi, Four Thieves ha utilizzato questo dispositivo per produrre artigianalmente il Naloxone, un farmaco per prevenire le overdose da narcotici, anche noto come Narcan; il Daraprim, medicinale per curare le infezioni tra i malati di HIV; il Cabotegravir, un farmaco preventivo contro l’HIV che deve essere assunto solo quattro volte all’anno; e mifepristone e misoprostol, due agenti chimici utilizzati per l’aborto farmacologico.

Michael Laufer in una demo del MicroLab alla conferenza HOPE XI nel 2016. Image: YouTube

Con l’amministrazione Trump e i suoi candidati al posto di Justice Anthony Kennedy alla Corte Suprema, il collettivo sente ancora di più la necessità di perfezionare il proprio farmaco per l’aborto. Il timore è che il governo federale possa ben presto delegare ai singoli stati la decisione di rendere o meno legale l’aborto, impedendo così a tantissimi cittadini di interrompere una gravidanza volontariamente. Per questo motivo, Tim Heilers, ex marine e tecnico specializzato in sonar di Louisville, si è unito al collettivo Four Thieves da febbraio.

“Il Kentucky, dove vivo, è uno stato molto conservatore e penso che sia molto probabile che rendano presto illegale l’aborto,” mi dice Heilers. “Credo che dare alle persone la possibilità di fabbricare del mifepristone in caso di necessità sia fondamentale per far fronte alla situazione.”

Sebbene il collettivo Four Thieves abbia prodotto ad oggi cinque farmaci con successo, l’unica “ricetta” scaricabile dal loro sito è quella del Daraprim. Tra i motivi principali vi è la difficoltà di produrre le diverse molecole. Nel caso del Naloxone, ad esempio, la produzione di questo antidoto contro l’overdose da narcotici è particolarmente complessa perché utilizza gli stessi precursori dei narcotici stessi. I precursori sono controllati dal governo federale e sono concessi esclusivamente a laboratori certificati e in piccole quantità. Per aggirare il problema, Laufer e i suoi collaboratori hanno adottato un protocollo apparentemente controintuitivo: creano farmaci a partire dalla sostanza nociva.

Non potevano comprare i precursori del Naloxone, ok, ma i narcotici sono facilmente reperibili. E così, dopo aver acquistato dell’OxyContin di contrabbando, il collettivo è riuscito a produrre le reazioni chimiche necessarie ad estrarre da questo il precursore per fare il Naloxone.

"Preferisci infrangere la legge e vivere, o essere un buon cittadino morto?"

“Alcuni trafficanti degli anni Novanta molto intelligenti avevano scoperto che con una sola reazione [con OxyContin] potevi ottenere l’ossimorfone, un elemento fino a sei volte più potente,” dice Laufer. “Con l’ossimorfone, si può ottenere il Naloxone in un solo passaggio. È piuttosto semplice e così abbiamo creato un farmaco partendo dalla sostanza nociva.”

Questi approcci non ortodossi alla sanità sono la norma nel mondo del pharma-hacking, dove l’obiettivo finale è aiutare le persone a tutti i costi.

C’è un farmaco che si chiama cabotegravir, per esempio, che è una profilassi preventiva contro l’HIV che impedirebbe il contagio attraverso l’utilizzo di aghi condivisi, testato sui macachi. A differenza delle altre profilassi pre-esposizione che devono essere assunte giornalmente, il cabotegravir deve essere assunto solo quattro volte all’anno per proteggere dall’HIV. I risultati clinici iniziali del cabotegravir sembrano estremamente promettenti, e il collettivo Four Thieves è impaziente di vedere il prodotto disponibile sul mercato (oggi è sottoposto alla fase III di test presso l’FDA, quindi su un ampio gruppo di esseri umani). Inoltre, considerati i costi delle altre PrEP, anche il cabotegravir probabilmente sarà venduto a prezzi esorbitanti—Truvada, un farmaco equivalente che va assunto però quotidianamente costa circa 2mila dollari per una fornitura di 30 giorni. Così, Four Thieves ha deciso di produrre una sua versione del farmaco.

Il fatto che il Cabotegravir sia ancora in fase di test non ha scoraggiato gli anarchici di Four Thieves che stanno già cercando di fornire il medicinale a chi ne avesse bisogno. Mentre continuano i test per la sintetizzazione di un cabotegravir fai-da-te, alcuni affiliati del gruppo hanno iniziato ad acquistare una PrEP disponibile sul mercato con il nome di tenofovir e a unirla ad uno stabilizzatore inerte per a offrirla poi agli spacciatori di eroina che potranno poi decidere se tagliare il proprio prodotto con la PrEP come “servizio extra” per i loro clienti. Chi dovesse scegliere questa formula innovativa, avrà “un’eroina con un nuovo effetto collaterale,” spiega Laufer. “Ti protegge dall’HIV.”

Il prototipo originale del MicroLab, fatto con tubi di recupero, il raggio di una bicicletta e un barattolo. Immagine: YouTube

Chiaramente, il collettivo rasenta l’illegalità con le sue iniziative. E anche se Laufer ha fatto della lotta alla lobby farmaceutica una vera arte, i processi pendenti rischiano di minare la sua missione di liberalizzazione dei medicinali. Quando un’azienda farmaceutica produce un nuovo farmaco, questa detiene il brevetto sulle molecole che rendono efficace il prodotto. Ciononostante, Laufer e i suoi sono in grado di riprodurre queste molecole perché sono debitamente descritte nei documenti per il brevetto, spesso pubblicati sulle testate accademiche. Quello che serve è la giusta tecnologia.

Visto che Four Thieves non vende né distribuisce i farmaci prodotti dai suoi membri, la loro attività non è tecnicamente illegale agli occhi della FDA, anche se l’agenzia ha già pubblicato un avviso pubblico che mette in guardia sui metodi fai-da-te utilizzati dal collettivo. Poco dopo che Four Thieves ha reso pubblica la sua versione di epipen fai-da-te a 30 dollari, l’FDA ha rilasciato una dichiarazione ai media in cui afferma che “utilizzare farmaci non approvati da prescrizione medica per uso personale è una pratica potenzialmente rischiosa,” senza fare apertamente riferimento al collettivo. La cosa assurda è che, solo pochi mesi più tardi, la FDA ha inviato una lettera di avvertimento a Pfizer che non avrebbe indagato su centinaia di reclami in merito a epipen non funzionanti, che in alcuni casi hanno provocato la morte degli utenti. A maggio, l’FDA ha rilasciato un nuovo comunicato in cui annuncia la grave carenza di epipen.

Per la Drug Enforcement Administration (DEA), nessuno dei farmaci prodotti dal collettivo è una sostanza controllata, quindi il loro possesso è soggetto esclusivamente alla legge locale sulle prescrizioni mediche. Se una persona ha una patologia e la prescrizione per un farmaco che curi questa patologia, non dovrebbe incorrere in alcun rischio legale nel caso in cui decidesse di produrre personalmente il farmaco. Quello che fa Four Thieves è in realtà solo rendere disponibili le informazioni su come produrre in casa alcuni medicinali, e dare vita così a una rete di strumenti open source per renderlo possibile. Se poi alcuni soggetti decidono di utilizzare le informazioni pubblicate dal collettivo per produrre il proprio farmaco, diventano loro i responsabili, ma Four Thieves non finge che le istruzioni pubblicate servano “solo per scopi educativi.”

“Secondo la retorica di chi difende la legge sulla proprietà intellettuale, questo sarebbe furto,” mi spiega Laufer. “Se però accetti questo assioma, secondo la stessa logica, chi nega alle persone bisognose l’accesso ai farmaci in grado di salvare la loro vita potrebbe essere accusato di omicidio. Dal punto di vista morale, quindi, per noi è imperativo perpetrare il furto per evitare l’omicidio.”

“Quindi sì, stiamo effettivamente invitando le persone a infrangere la legge,” aggiunge Laufer. “Se stessi per morire e ti fosse negato l’accesso ai medicinali che potrebbero salvarti, cosa preferiresti fare, infrangere la legge e vivere, oppure rimanere un cittadino modello e morire?”

MEDICI SENZA FRONTIERE

Il motivo scatenante che ha ispirato la creazione del Four Thieves Vinegar Collective è stato un viaggio di Laufer in Salvador, nel 2008, quando ancora studiava. Inviato sul posto per documentare la violazione dei diritti umani nel paese, Laufer visitò una clinica in una zona rurale e si accorse che avevano esaurito ormai da tre mesi ogni tipo di contraccettivo. Quando la clinica contattò l’ospedale centrale di San Salvador, scoprì che anche lì i contraccettivi erano finiti da tempo. Laufer rimane sconvolto dalla situazione e incredulo del fatto che il personale in ospedale non riuscisse a riprodurre il farmaco, relativamente semplice da produrre e ormai in circolazione da circa 50 anni. Se i narcotrafficanti erano in grado di produrre complesse droghe chimiche illegalmente, in laboratori di fortuna, sicuramente lo stesso approccio poteva essere sfruttato per creare farmaci che potessero salvare la vita di tante persone.

Poco dopo il suo rientro dal viaggio in centro America, Laufer creò il collettivo, ma la sua esistenza fu resa pubblica solo nel 2016, alla conferenza HOPE. Durante il suo primo intervento all’evento di hacker, Laufer fece una dimostrazione del metodo sviluppato dal collettivo per produrre “EpiPencil” fai-da-te con 30 dollari, distribuì Daraprim fatto in casa tra il pubblic, mostrò un prototipo allo stadio iniziale di MicroLab e interpellò dal palco anche Martin Shkreli (che non rispose mai). Quando il collettivo iniziò la sua attività, Laufer lavorava praticamente da solo. Ora che è venuto allo scoperto, il gruppo è molto più numeroso, anche se Laufer non ha un’idea precisa di quante persone ne facciano parte, perché i membri vanno e vengono, e dedicano al gruppo il tempo che possono.

Michael Laufer con un “epipencil” fai-da-te. Immagine: Four Thieves Vinegar Collective

Tutte le persone di Four Thieves che ho incontrato hanno un background di studi tecnici, nessuno è medico professionista. Laufer, ad esempio, ha fatto studi di fisica nucleare ed è il direttore di un programma di matematica al Menlo College nella Silicon Valley, questo è il suo lavoro “ufficiale”. La ricca diversità all’interno del collettivo, definisce la sua natura stessa. Oggi il gruppo conta esperti di biologia, chimica, data science, programmazione e hardware che collaborano tra loro in base ai progetti in corso.

Four Thieves non vende nulla, ma il collettivo ha due ‘prodotti’ centrali. Il primo sono gli hardware open source come l’epipencil e il sintetizzatore chimico MicroLab, che si possono costruire utilizzando materiali facilmente reperibili in commercio e componenti creati con stampa 3D. Il secondo sono le istruzioni su come utilizzare questi strumenti per produrre i farmaci, comprese le indicazioni per utilizzare il MicroLab per le più semplici reazioni chimiche fino alla procedura da seguire per creare i precursori chimici.

“Penso che sia fondamentale che le informazioni necessarie per produrre i medicinali che ci servono siano facilmente accessibili a chiunque fosse anche solo vagamente interessato al tema,” mi spiega Laufer. “L’obiettivo del gruppo è che le persone siano in grado di produrre questi farmaci da sole. L’idea è che chiunque possa scaricare le istruzioni, leggere la lista dei materiali, ordinarli, consultare le istruzioni per capire come assemblarli, programmarli, caricare il codice, ordinare i precursori chimici e poi produrre il farmaco.”

Tutti gli strumenti di Four Thieves sono stati sviluppati con un budget praticamente inesistente, l’unica fonte di finanziamento sono le donazioni fatte dai componenti stessi del gruppo. Per ora, le medicine prodotte non hanno ancora ucciso nessuno. Eppure, ci sono esperti che mettono in guardia sui farmaci fatti in casa e che non siano stati testati sufficientemente.

RIDUZIONE DEL DOLORE

Eric Von Hippel, economista del MIT che si occupa di ricerca e “open innovation,” è entusiasta della produzione di farmaci fai-da-te, ma solo a determinate condizioni. Cita, ad esempio, un programma pilota sviluppato nei Paesi Bassi che starebbe esplorando la produzione indipendente di farmaci appositamente per singoli pazienti, come un buon esempio a cui ispirarsi. In questo caso, i farmaci vengono prodotti in ospedale da personale esperto e certificato. Von Hippel sostiene che potrebbe essere pericoloso per i pazienti produrre i farmaci in totale autonomia.

“Se le reazioni chimiche non vengono fatte nelle condizioni ideali, il rischio è che si creino pericolosi prodotti derivati, insieme al farmaco che dovrebbe risultare dall’operazione,” mi spiega Von Hippel via mail. “Il controllo accurato delle condizioni del reattore è pressoché impossibile con uno strumento rudimentale come il MicroLab proposto da Four Thieves Vinegar Collective.”

Il suo collega Harold DeMonaco, uno scienziato in visita al MIT, è d’accordo. DeMonaco suggerisce che la soluzione migliore sarebbe che i pazienti si mettessero in contatto con farmacie specializzate nella preparazione di composti. Queste strutture producono farmaci personalizzati per i clienti e DeMonaco sostiene che siano in grado di sintetizzare le stesse sostanze prodotte da Four Thieves a basso costo, ma con “le dovute misure di sicurezza.”

“A meno che il sistema sia a prova di idiota e comprenda una verifica sul prodotto finale, l’utente è esposto a tantissimi fattori di rischio,” spiega DeMonaco nella sua mail. “La diffusione [degli strumenti forniti da Four Thieves] potrebbe creare una nuova categoria per i Darwin Awards.”

Von Hippel e DeMonaco sono concordi nel dire che i farmaci fai-da-te andrebbero accuratamente purificati e sottoposti a test minuziosi prima che il paziente possa utilizzarli in sicurezza. Von Hippel suggerisce, inoltre, la supervisione di scienziati con una formazione di chimica medica.

“Credo che l’attività di Michael Laufer sia una preziosa forma di attivismo sociale che apre la via verso un futuro promettente,” dice von Hippel. “Ma i problemi legati all’attrezzatura e alla scienza medica vanno affrontati e risolti prima di poter definire sicura la produzione artigianale di medicinali.”

In un certo senso, e su piccola scala, Four Thieves sta facendo quello che molti ospedali già fanno. Dovendo affrontare il rincaro dei farmaci e la carenza costante, molti ospedali hanno iniziato a produrre i medicinali in laboratorio per tagliare i costi. La differenza, però, è che questi ospedali spesso dispongono di laboratori sofisticati e personale medico qualificato, cose che riducono drasticamente i rischi.

Four Thieves non è ignaro dei rischi che corre nel fornire questo tipo di documentazione e nel permettere agli utenti di produrre i propri farmaci in autonomia. È possibile che qualcuno non segua alla lettera le indicazioni e produca inavvertitamente una sostanza tossica. Eppure, ci sono diversi modi per ridurre questa probabilità e uno dei più grandi contributi del collettivo alla medicina fai-da-te è la priorità accordata alla riduzione del dolore grazie al suo programma di ricerca e sviluppo.

Ci sono diversi modi per produrre la stessa molecola, alcune sintesi sono più semplici oppure comportano rischi molto più bassi. Four Thieves intende individuare i processi che riducono il rischio di reazioni tossiche per minimizzare il pericolo per l’utente. Quando il collettivo ha iniziato la sua attività, ha chiesto supporto a una startup di nome Chematica che ha raccolto oltre 250 anni di ricerca chimica in un enorme database e sviluppato un software che utilizza questi dati per prevedere il migliore processo possibile per creare la molecola desiderata. Grazie a questo database e software, Four Thieves è stato in grado di creare processi di sintesi semplici e sicuri per produrre farmaci vitali.

Tutto aveva funzionato per il meglio, fino a quando Chematica non è stata acquistata da Merck, un gigante farmaceutico internazionale, lo scorso anno. Dopo la cessione, Four Thieves ha perso l’accesso al software e, cosa più importante, al database. Laufer mi spiega che il team che tratta i dati scientifici all’interno del collettivo ha creato una versione open source del software di Chematica. Il software è ancora a uno stato molto grezzo rispetto all’originale, ma Laufer dice che funziona comunque abbastanza bene. Per migliorare il software, al collettivo servono più dati, che però ora sono di proprietà di Merck.

Ma come ogni hacker sa, a volte i dati “cadono dal camion,” che è un modo carino per dire che ora il database di Chematica è ospitato su un sito del dark web protetto da una password. Durante il suo intervento alla conferenza HOPE di quest’anno, Laufer ha implorato il pubblico di aiutarlo a craccare la password per ottenere l’accesso ai dati. Accedere ai dati di Chematica sui processi di sintesi spalancherebbe una porta enorme verso il prossimo capitolo dei farmaci fai-da-te, ma fino ad allora l’avanzamento rimarrà lento e incerto.

IL FUTURO DELLA MEDICINA FAI-DA-TE

Il farmaco più costoso sul mercato si chiama Glybera ed è utilizzato per curare il Deficit familiare di lipoproteina lipasi, una patologia ereditaria di cui soffrono solo circa 7000 persone in tutto il mondo. La carenza di lipoproteina lipasi impedisce la normale scomposizione dei grassi del corpo, che si traduce in dolore addominale, pancreatite acuta, ingrossamento dei reni e del fegato, e depositi adiposi sottopelle. Glybera è un farmaco che aiuta a curare questi sintomi ed è fondamentale per migliorare la qualità della vita delle persone affette dalla patologia. L’unico problema è che costa 1,2 milioni di dollari l’anno, per ogni paziente, quando è disponibile. Nel 2017, UniQure, l’azienda che produce Glybera ha smesso di vendere il farmaco in Europa a causa della domanda troppo ridotta. Questo significa che i 1200 cittadini europei che soffrono di deficit familiare di lipoproteina lipasi oggi non hanno accesso alle cure.

La situazione è più o meno la stessa per chi soffre di malattie rare, che colpiscono cioè meno di 200mila persone nel mondo. Se la cura esiste, generalmente ha prezzi proibitivi. E se l’azienda che la produce non riscontra una domanda sufficiente sul mercato, può tranquillamente ritirarla.

In futuro, Laufer vorrebbe che Four Thieves si concentrasse sulla produzione di farmaci per malattie rare, così che nessuno rimanga senza cura per la propria patologia. Questi medicinali, però, hanno un costo e dei problemi.

Per esempio, mi spiega Laufer, molti dei farmaci per queste patologie sono realizzati a partire da elementi naturali, tipo funghi e muffe. Four Thieves sta lavorando per creare un sito BioTorrent e distribuire i materiali biologici necessari per creare i farmaci per le patologie rare. BioTorrent si presenterebbe come un normale sito di condivisione di file, tipo PirateBay, ma invece di scaricare musica e film, si scaricherebbero istruzioni su come sintetizzare i farmaci e si potrebbero condividere i materiali necessari. Dal momento che le cellule si riproducono autonomamente, basterebbe che un utente producesse una certa quantità di cellule e poi le spedisse ad altri utenti per continuare il processo. Il concetto di base è lo stesso di quando un utente “semina”, con un seed, un file media sui siti di torrent.

Bisognerebbe poi spedire questo composto bio in modo economico e senza farsi beccare. Per questo, Four Thieves sta esplorando la possibilità di usare libri e custodie di CD per coltivare precursori biologici. Il micelio è l'apparato vegetativo dei funghi, sono le “radici” dei funghi e si nutrono di cellulosa, che si trova in abbondanza nelle pagine dei libri, ad esempio. Così Laufer e i suoi hanno iniziato a iniettare micelio nei libri, che si nutre di pagine e cresce. Allo stesso modo, i CD fungono da piastra di Petri e se correttamente trattati possono far proliferare batteri e precursori biologici. Il vantaggio è che la spedizione negli Stati Uniti per i media, come libri e cd, costa meno e non è soggetta a controlli.

Nel frattempo, però, Four Thieves rimane concentrato sul miglioramento del suo MicroLab e sul processo di sintetizzazione di nuovi farmaci. Recentemente, il collettivo ha iniziato a produrre una propria scheda circuiti per il MicroLab, che renderebbe ancora più semplice installare il dispositivo a casa. Laufer vorrebbe iniziare a distribuire questi circuiti già dal prossimo mese. Intanto, un gruppo sta lavorando al perfezionamento del Solvadi, una cura contro l’Epatite C. Questo farmaco, sul mercato già da quasi cinque anni, costa 84mila dollari. Se il collettivo dovesse riuscire nell’intento, l’Epatite C potrebbe ben presto scomparire nel mondo intero, a prescindere dal reddito dei malati.

In un periodo in cui molti cittadini americani non hanno accesso alle cure mediche di base, le idee di Laufer suonano intuitive e radicali al tempo stesso. Il suo principale concetto è che troppe decisioni critiche che riguardano la nostra salute sono state lasciate nelle mani di investitori privati che si preoccupano più del proprio fatturato che della salute dei proprio consumatori. Per Laufer, Four Thieves è un collettivo che si occupa di medicina ma anche di libera circolazione delle informazioni e autonomia personale. Dal suo punto di vista, una cosa non può esistere senza l’altra.

“Dedicarsi alla scienza è un diritto umano,” ha detto Laufer. “Anzi, è il diritto umano da cui dipendono tutti gli altri diritti. Ognuno deve avere la possibilità di fare ciò che vuole con il proprio corpo, e di pensarla a modo proprio.”

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.