matematica

L''ansia della matematica' esiste davvero e probabilmente è colpa dei tuoi insegnanti

Secondo uno studio recente dell'Università di Cambridge, gli adulti hanno un ruolo importante nell'ansia che gli studenti provano verso la matematica.

di Samantha Cole
19 marzo 2019, 11:06am

Immagine via Shutterstock 

In quarta elementare ero piuttosto brava in matematica. Le tabelline erano come un puzzle. Risolvevo esercizi più avanzati del programma del mio anno scolastico, ma dato che non potevo passare direttamente a quello delle scuole medie, i miei insegnanti non sapevano cosa farmi fare. E i bambini intelligenti ma annoiati sono bambini piuttosto infelici.

Ho poi ricordi lucidi di mio padre che mi aiuta a fare i compiti di matematica alle medie. Passavo ore seduta al tavolo di compensato della nostra cucina, con fogli e manuali di algebra spalmati davanti, trattenendo lacrime di rabbia mentre mio padre mi spiegava per la cinquantesima volta come calcolare semplici percentuali. Posso ancora sentire la pressione della mia fronte sulla superficie del tavolo, mentre nascondevo la faccia nel buio delle mie braccia incrociate.

Un nuovo studio dell'Università di Cambridge, pubblicato giovedì scorso, offre una piccola rivincita alla me stessa pre-adolescente, arrabbiata e ansiosa. Analizzando le esperienze di 2.700 studenti delle elementari e medie nel Regno Unito e in Italia, i ricercatori hanno scoperto che le ragazze della scuola primaria e secondaria dimostrano un livello di ansia — sia generale che in relazione alla matematica in particolare — maggiore dei ragazzi.

Lo studio inoltre si concentra su come i genitori e gli insegnanti influenzino le prestazioni e gli atteggiamenti verso la matematica degli studenti, senza neanche accorgersene. Esattamente come i genitori ansiosi possono indurre l'ansia nei propri figli, un mentore con l'ansia della matematica può condizionare il modo in cui i bambini interpretano la propria ansia della matematica.

"Insegnanti, genitori, fratelli, sorelle e compagni di classe giocano tutti un ruolo nella forma che prende l'ansia della matematica in un bambino," ha detto in un comunicato stampa Ros McLellan, co-autore dello studio. "I genitori e gli insegnanti dovrebbero prestare attenzione a come rischiano, involontariamente, di contribuire a questa forma di ansia. Affrontare il proprio disagio e pregiudizio nei confronti della matematica potrebbe essere il primo passo per aiutare i propri figli o gli studenti."

"L'aspetto più sorprendente è che la maggior parte degli studenti a cui la matematica provoca ansia ha in realtà capacità medio-alte"

Sappiamo già che l'ansia della matematica esiste ed è reale — dai primi anni 2000 è stata definita dai medici come "una sensazione di tensione e ansia che interferisce con la manipolazione dei numeri e la risoluzione di problemi matematici... nella vita quotidiana e in situazioni accademiche."

Da lì, i ricercatori hanno poi cercato di capire cosa provochi l'ansia della matematica e quali bambini ne facciano maggiormente esperienza. Nel 2012, un team guidato dalla dottoressa Amy Devine dell'Università di Cambridge ha scoperto che non esistono differenze tra bambini e bambine a livello performativo, ma che l'ansia della matematica toccava picchi più alti per le bambine. Nel 2017, i ricercatori dell'Università di Cambridge hanno sviluppato un sistema per misurare l'ansia (Abbreviated Math Anxiety Scale), per gli studenti tra gli 8 e i 13 anni.

Il nuovo studio parte da queste ricerche precedenti e sottolinea l'importanza che l'ansia della matematica degli insegnanti e dei genitori ha e come impatta gli studenti. La maggior parte degli studenti con cui i ricercatori hanno parlato ha detto che l'ansia è cominciata quando gli argomenti sono diventati più complessi e hanno sentito di non poterli risolvere. Un'altra ragione alla base delle difficoltà, hanno detto gli studenti, era legata al riciclo continuo di insegnanti, che implicava un cambio continuo anche di stile di insegnamento, creando confusione.

"L'aspetto più importante — e sorprendente — di questa nuova ricerca è che suggerisce che la maggior parte degli studenti a cui la matematica provoca ansia ha in realtà capacità medio-alte," ha detto in un comunicato stampa Josh Hillman, della Nuffield Foundation.

Diversi estratti delle interviste fatte dai ricercatori spezzano il cuore: alcuni bambini hanno detto di aver sentito di conoscere le risposte all'esercizio, ma che sono andati nel panico, o che hanno cercato di combattere una confusione iniziale. Un bambino, sui 9-10 anni, ha detto:

“Una volta, penso fosse il primo giorno e mi hanno chiamato alla lavagna e io sono scoppiato a piangere perché mi stavano tutti fissando e io non sapevo la risposta. Cioè in realtà la sapevo, ma non l'avevo pensata per bene."

Un altro ha descritto un compito sulle frazioni così:

“Ero enormemente nervoso e con enormemente intendo proprio massicciamente... Mi sono sentito molto male e avevo molta paura e allora dato che il mio banco è nell'angolo, ho cercato tipo di fingere di non essere in classe.”

Per me, le cose sono cambiate dalla quinta elementare in poi e, andando avanti, quando passavo ore su libri sempre più grossi, mi sono chiesta se avessi un disturbo dell'attenzione, una dislessia legata ai numeri (nota come discalculia), o se fossi semplicemente stupida.

Persino oggi, preferisco rischiare di indebitarmi pagando il conto per l'intera tavolata a cena che mettermi a fare i conti. Quando divido qualcosa con gli amici, metto spesso cifre sbagliate, nonostante controlli e ricontrolli.

Non do la colpa ai miei insegnanti per non aver saputo cosa farmi fare in quarta elementare, o a mio padre per esprimere la stessa dose di frustrazione che provavo io a quel tavolo della cucina. Ma mi chiedo, inevitabilmente, cosa sarebbe successo se l'ansia della matematica che provavo da bambina fosse stata riconosciuta come tale. Allora, forse, avrei potuto superarla. E magari i miei amici oggi non dovrebbero riportarmi i soldi per correggere i miei errori.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.