Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Tea's Tacos

Skype will tear us apart

Come mantenere viva una relazione a distanza evitando di fare sesso su Skype.

di Tea Hacic-Vlahovic
27 maggio 2013, 8:22am

I vecchi sono strani, vero? Riciclano i sacchetti di plastica, non usano Twitter, pensano che l'aria condizionata faccia venire il raffreddore (ok, anche gli italiani sotto i trenta ne sono convinti) e restano con la stessa persona per tutta la vita.

Mi vengono in mente due motivi per cui la gente di una volta riusciva a tenere in piedi una relazione: sapevano che la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni scartoffie per il divorzio e passavano molto tempo separati l'uno dall'altro. Ogni generazione ha vissuto almeno una guerra! Gli uomini partivano per anni, e alle fidanzate non rimaneva nessuno con cui tradirli, a parte le loro amiche tutti quelli troppo gay o disabili per poter entrare nell'esercito. E non erano solo le battaglie a tenerli lontani. Un tempo, arrivare al negozio di alimentari più vicino richiedeva tre mesi a cavallo. Estenuante, sì, ma anche utile, perché la distanza accresce l'amore.

Al momento anche io ho una relazione a distanza, e pur provando un po' di tristezza nel dover stare lontana dal mio fidanzato (chi mi offrirà da bere adesso?) la cosa ha degli aspetti positivi. Come il piacere di sapere che da qualche parte c'è qualcuno che mi ama senza la sofferenza di dovermi depilare il buco del culo. O essere libera di uscire quando voglio per andare dove voglio senza dover perdere tempo alla disperata ricerca di un uomo con cui non sono ancora stata a letto una volta sul posto.

Inoltre, essere lontani dal proprio innamorato significa fare fantasie sul suo conto. E se immaginate che fantastico padre sarà per i vostri figli surfisti pro malesi presi in adozione, nella vostra mente è un attimo perché il ragazzo in questione diventi quella persona (e voi iniziate a chiamarlo "papi")—perché le fantasie diventano realtà! Per esempio, ho sognato che uno dei miei coinquilini mi stava imboccando delle forchettate di pasta e improvvisamente ha iniziato a toccarmi le tette, e ora non riesco più a guardarlo in faccia anche se so che è impossibile che accada qualcosa del genere. Io non mangio pasta.

Le relazioni a distanza sono una novità per me, ma finora ho imparato molto e voglio aiutare tutti quelli che si trovano nella stessa situazione (credo che almeno metà dei fidanzati delle mie lettrici si siano trasferiti a Berlino).


LA COMUNICAZIONE È TUTTO

Ho già detto altrove che le guerre aiutavano a mantenere le relazioni—non perché le donne rimaste a casa non potevano tradire i mariti, ma perché questi trovavano il modo di farsi sentire. Qualsiasi fosse la situazione, gli uomini scrivevano delle lettere. E se tra una granata schivata e l'altra quelli di allora trovavano il tempo di scrivere una lettera (a mano!) e andarla a spedire (all'ufficio postale!), oggi non ci sono scuse per non fare lo stesso, per di più con un semplice click. Questa regola vale anche per le relazioni senza impegno: se un ragazzo non si preoccupa minimamente di scrivervi dei messaggi significa che non siete di suo interesse o che è senza credito—e in questo caso avete di fronte uno spiantato, che non vale comunque la pena frequentare.
 

L'ONESTÀ [NON] È LA MIGLIOR STRATEGIA

La cosa bella delle relazioni a distanza è che l'altro non può vedere cosa fate. E siccome non è a conoscenza della vostra vita reale, dovete studiarne una apposta per lui—e con qualche piccola bugia si può fare molto! No, non parlo di corna: non ne avrete il tempo, dopo aver passato ogni singolo secondo a cercare di convincere il vostro fidanzato che siete occupatissime! "Scusa sono in riunione," scrivete sedute sul water. "Ci sentiamo più tardi, ho una consegna da rispettare," dite mentre vi pinzettate i peli sul mento. "Ti chiamo su Skype se riesco a finire in tempo questo lavoro, ma niente di assicurato," scrivete aspettando che il porno finisca il download. Lo scopo di una relazione a distanza è convincere il partner di quanto siete importanti e richieste, così che possa apprezzare ogni secondo che sprecate parlando con lui.


IL POTERE DELLA TECNOLOGIA

Skype è invadente e fastidioso. Prima di avere un ragazzo lo usavo solo per sentire mia madre, esclusivamente perché quando chiama mi fa sempre vedere i nostri gatti. Certo, sono contenta di poter video-chattare con il mio fidanzato, perché posso vedere se è solo in casa la sua faccia, ma per prepararmi ci vuole un sacco di tempo. Prima dell'esistenza di Skype mi piaceva telefonare al ragazzo di turno e dire "Sono appena uscita dalla doccia" mentre in realtà me ne stavo sul divano piena di chiazze di ketchup. Ora, per una chiamata di cinque minuti devo farmi trucco e capelli perdendo praticamente un'ora. Ormai sono piuttosto esperta, ma a volte capita la chiamata post-risveglio, quando sono troppo assonnata per ricordarmi quanto è importante non mostrare mai alla persona che si ama la vera tonalità della propria pelle. In quelle situazioni, l'unica cosa che mi fa sentire meglio è il fatto che raramente la gente guarda la persona con cui sta parlando—penso che la maggior parte lo usi come una scusa per rimirarsi su schermo. Ad ogni modo preferisco Whatsapp, perché non ha Facetime e ci sono centinaia di emoticon. Sono lo strumento migliore per far passare velocemente un messaggio—quella dell'anello col diamante è tra le emoticon che uso più spesso.
 

EDUCAZIONE SESSUALE

Parlare su Skype è già abbastanza strano per pensare di mettersi anche a fare sesso in video-chat. Ma le foto di nudo mi piacciono un sacco. Ragazze: tagliate fuori il viso, così lui potrà fingere che il corpo su cui si sta facendo una sega sia di qualcun'altra. Ragazzi: evitate direttamente di farvi foto nudi. Al mondo non c'è niente più triste di un pene flaccido o più imbarazzante di uno in erezione. Piuttosto, mandateci scatti del vostro outfit (perfettamente coordinato) o del vostro appartamento (tirato a lucido). PS: Se il vostro partner vi manda foto di nudo esclusivamente via Snapchat vuol dire che non è realmente coinvolto. Dovreste scaricarlo immediatamente (sempre via Snapchat).


IL ROMANTICISMO

Il fatto che siate distanti non implica che non possiate essere romantici! Dimostrate di pensare alla dolce metà taggandola in una foto del vostro nuovo tatuaggio: il suo nome sulla vostra faccia.
 

C'È POSTA PER TE

Le email sono belle perché si possono allegare i video di gatti, ma la posta vera e propria darà al vostro partner l'impressione che siate sempre accanto a lui! Inviategli lettere imbevute nel vostro sudore e vecchie t-shirt perché ci pianga dorma dentro, o prodotti per il bagno come avvertimento per le altre ragazze. L'importante è mandare il più roba possibile, così la visita a casa sua potrebbe comodamente trasformarsi in un trasloco.
 

LA SORPRESA

Per far funzionare il tutto è necessario che ogni tanto vi vediate anche di persona, altrimenti come altro potrete convincerli che prendete la pillola, farli venire dentro e rimanere incinte? Extra tip: come le gravidanze, le visite migliori sono quelle inaspettate.


Segui Tea su Twitter: @TeaHacic

Settimana scorsa: Come essere tristi in 25 semplici mosse