Come costruire un robot del sesso fai da te

Le statistiche non lasciano scampo: la nostra è una generazione di persone sole e che non fanno abbastanza sesso. Per questo un inventore di Hong Kong ha creato un robot clone di Scarlet Johansson con le parti intime femminili. Ma io ho fatto di meglio.
17.8.16

Tutte le foto di Chris Bethell.

Siamo una specie triste, vero? Una triste, triste specie che riempie la sua precaria esistenza di TV e cibi precotti. E non riusciamo neanche più ad apprezzare queste cose. Gli unici momenti in cui non siamo annoiati o depressi sono quelli in cui facciamo sesso. E a quanto pare ne facciamo meno, e lo facciamo peggio delle generazioni che sono venute prima di noi. A questo punto forse ci converrebbe rinunciare in toto; lasciare che l'umanità si assopisca nella monotonia, nella tristezza e nell'impotenza.

Tuttavia su internet mi è parso di capire che ci sia un'ultima speranza all'orizzonte, una speranza che viene dall'oriente, da Hong Kong. E ha un nome: il robot del sesso.

Dopo aver passato una vita parimenti ossessionato dalla robotica e dalle forme femminili, Ricky Ma Wai-key ha realizzato il suo sogno. Mark I è il primo robot stampato in 3D che non solo somiglia a Scarlett Johansson, ma è anche rivestito in silicone, reagisce agli ordini e ai complimenti, muove i fianchi e ha tutta l'anatomia intima femminile al completo.

L'inventore è convinto che robot come questo possano salvarci dalla solitudine e dalla depressione dell'essere millennial. E ne è così sicuro che sta preparando una guida per aiutarti a costruire il tuo Mark I fatto in casa.

Io credo che Ricky abbia pienamente ragione. Può essere la più grande invenzione del nostro tempo. Ma Ricky, temo che tu sia ancora lontano dal sogno. Non ti arriverà un assegno in bianco da parte di Elon Musk, e questo per un paio di motivi.

Il primo: hai costruito il robot a tua immagine e somiglianza, non è vero Ricky? Ma non tutte le persone che abitano questo pianeta sono uomini eterosessuali che hanno guardato 43 volte The Avengers. Il secondo: non viviamo tutti a Hong Kong, e considerando che dobbiamo tutti tirare le cinghie, che abbiamo mutui, affitti, spesa e famiglie, come puoi pensare che chiunque si possa permettere di spendere tutti quei soldi per un robot? Se vuoi cambiare il mondo con un robot del sesso, devi fare leva sulle masse.

Scusa Rick, ma non funziona. Mi dispiace dirlo, ma la tua invenzione è una cazzata e posso fare meglio. Preparatevi per il Mark II.

PRIMO STEP: PREPARAZIONE

Tutti i robot del sesso, ovviamente, devono dare soddisfazione sessuale, ma dato che io ho sempre e solo fatto finta di conoscere i sex toy un minimo più complessi di quelli base, ho bisogno di aiuto. Perciò ho messo da parte il mio puritanesimo irlandese e sono andato a Soho, la mecca del sesso di Londra, per parlare con un esperto, Dan.

"Quale è la cosa più importante in un sex toy, Dan?" chiedo.

"Le persone hanno bisogno di avere il controllo della situazione, di essere tranquille. E credo che debba toccare i punti giusti. Non deve per forza vibrare. Dipende da quello che ti piace."

"Quali sono i prodotti più venduti?"

"Direi i vibratori. Ma abbiamo anche dildo che replicano i peni di porno star famose—il punto non è la forma in sé, ma l'associazione con l'attore."

"Interessante. Ecco la domanda più importante: se dovessi costruire un sex toy mitologico che vada oltre i tuoi più selvaggi sogni, come lo faresti?"

"Io ho bisogno di stimoli visivi. Mi piace l'idea di un visore per la realtà virtuale che incorpori porno e masturbazione. Ma, in linea di massima, credo che per me funzioni la riproduzione sia visiva che mentale di input arrapanti della vita reale. Qualcosa di sorprendente, anche."

Annuisco e mi perdo con lo sguardo all'orizzonte. Dan mi chiede cosa ho intenzione di fare, ma sono informazioni top secret che non posso divulgare. Comunque, lui capisce che quello che sto facendo potrebbe cambiare l'umanità per sempre e mi implora di dare un occhio alla merce nel suo negozio. E così faccio.

Ho la mente in subbuglio. Ovviamente, il partner perfetto è qualcosa in più che due tette, un culo e un pisello. Ma è difficile capire in cosa consista quel "qualcosa". Decido di chiederlo in giro: passeggiando per le strade di Soho chiedo a un po' di persone, ma nessuno sembra di avere idee più chiare delle mie. Una donna mi dice che per lei è necessaria una scintilla. Ma lascerei stare di giocare con il fuoco, potrebbe essere pericoloso.

Alla fine, mi imbatto in una coppia che emana passione. Non vogliono essere fotografati, ma mi invitano a bere un bicchiere di vino. Sono due 17enni in vacanza e non hanno peli sulla lingua. "Mi piacciono i veri uomini," "voglio qualcuno che mi faccia ridere," "deve scattare qualcosa," "il mio partner perfetto condivide tutto con me"—faccio una lista.

Adesso che ho le idee un po' più chiare su ciò che è attraente a livello sessuale ed emotivo, mi manca da risolvere una questione: l'aspetto fisico. E non ci sono maggiori esperti di bellezza e silicone dei dottori di Harley Street, quindi mi tocca pagare un esperto per un consulto. Dopo una breve attesa, mi fanno entrare e mi ritrovo con un dottore che mi pizzica le labbra, mi chiede se bevo molto e mi palpa le occhiaie. Sì, ho la bocca strana e le borse sotto gli occhi, ma non è questo il motivo per cui sono qui. Sono qui per sapere cosa vuole il grande pubblico.

"Quali sono le procedure più comuni che le vengono chieste dal paziente medio che attraversa questa porta?" gli chiedo, mentre mi tira su le braccia.

"Be', dipende. Per le persone più giovani, sono gli impianti al seno, seguiti forse dalla rinoplastica. Per i più anziani, che gli tiri un po' la pelle, ma in modo naturale."

"Ma cos'è che tutti vogliono, in fondo?"

"Essere freschi, vivi, sentirsi vitali."

"Certo! Capisco. Grazie."

SECONDO STEP: PROGETTAZIONE

Ho imparato di più sull'esemplare perfetto in tre ore di quanto abbia imparato in 25 anni sulla terra. Basta parole; era il momento di passare all'azione. Mi sembrava che l'amore, la bellezza e il piacere sessuale non dovessero per forza costare una fortuna. Non avrei speso decine di migliaia di dollari. Potevo cavarmela con 11 sterline e qualcosa [_15 euro_] massimo. Così, con i miei sogni in una mano e il cervello pieno di scienza infusa mi sono recato nei luoghi dove tutti i sogni si realizzano (a pochi soldi): i supermercati e i negozi tutto a un euro.

Quante cose, qui. Ogni corridoio apre un regno di Narnia di possibilità: è possibile usare una brocca per il liquido igienizzante per le mani? è possibile sostenere il peso di un corpo con una serie di nodi? il proprio riflesso in uno specchio è attraente per un essere umano? i chewing-gum possono riprodurre la densità di un ano?

Sono nel regno delle infinite possibilità: ogni oggetto potrebbe essere un cazzo, ognuno mi fruga l'anima. Ma devo rimanere focalizzato. Presto, il carrello è pieno, ho tutto quello che mi serve. Ora devo muovermi, andare al laboratorio, perché se dio ci ha messo sei giorni a creare l'uomo, io non avevo intenzione di impiegarci più di un'ora o due.

TERZO STEP: CREAZIONE

È bastato un pomeriggio: eccolo, semplice e bello come il sole. Sento il sangue pulsarmi negli arti il cuore che batte per la prima volta. Le lacrime che stanno per sgorgare. È tutto quello che ho sempre sognato, forse di più.

Preparatevi a stravolgere completamente la vostra vita. L'umanità non sarà mai più la stessa. Niente più cuori infranti. Niente più frustrazione. Niente più cercare di cambiare un uomo che non cambierà mai. Vi presento il futuro dell'amore, vi presento l'unico e inimitabile.

L'OOBOT!

Siete a casa dopo una giornata faticosa e avete bisogno di attenzioni? Sognate che qualcuno vi voglia bene ma non avete le forze di instaurare rapporti? Il vostro sogno può diventare realtà con l'Oobot. Dimenticatevi di Happn e Tinder e della ricerca del partner perfetto, perché l'Oobot ha tutti i requisiti che cercate: le parti essenziali dell'anatomia maschile e femminile, tranne l'ano.

Volete un abbraccio? Vi sentirete al sicuro sul grembo dell'Oobot, stretti con fermezza. Basta sganciare i freni. Questa connessione può diventare ancora più intima, dato che l'Oobot è fatto con due bei meloni che vi faranno godere a ogni abbraccio come la prima volta.

E siamo stati tutti ad abbastanza primi appuntamenti per sapere che il senso dell'umorismo è un ottimo modo per rompere il ghiaccio, e l'Oobot è ben fornito anche da quel punto di vista.

Ma l'Oobot non esiste solo per il vostro divertimento. Forza, mettete l'abito buono e fatevi un giro grazie al suo sistema di trasporto integrato.

Che sia una gita tra i parchi più belli di Londra o una giornata all'acquario del paese, potete fare tutte le cose che avete sognato di fare con il vostro partner perfetto, e fatelo ai vostri termini.

Sentitevi liberi di portarlo nei ristoranti migliori del mondo, ma non se siete dei tipi gelosi! Tutti, uomini e donne, non potranno staccargli gli occhi di dosso.

In effetti, i membri dello staff del ristorante potrebbero esserne così colpiti da pensare che l'Oobot sarebbe una distrazione troppo forte—così bello che solo con la sua presenza farebbe sembrare più brutto il ristorante. Ma dovrete farci il callo: ora siete entrati in un altro universo. Avete l'Oobot.

L'Oobot, nei negozi a Natale. In confezione regalo.

Segui Oobah su Twitter

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: