giornalismo

Questo servizio di una tv pisana è così assurdo da sembrare uno sketch di Maccio

Due ragazzi sono stati derubati delle loro paste in un bar del centro di Pisa. Un servizio del tg di due minuti era il minimo.

di Mattia Salvia
17 maggio 2017, 1:48pm

Aggiornamento: il video di 50 Canale è stato definitivamente rimosso da Facebook. Ora potete provare a immaginarlo.

Ricordo come tempi più semplici e più felici il periodo in cui andavo al liceo, la mia cultura personale era meno ampia, il mio senso estetico meno raffinato, e con i miei amici il massimo del divertimento era passarci l'un l'altro e vedere e rivedere gli sketch di Maccio Capatonda. Prima quelli con i finti trailer dei film e poi quelli con i finti telegiornali che hanno smesso di fare ridere durante il quarto governo Berlusconi.

Nonostante questo credo di esserne stato profondamente influenzato, perché oggi tendo a ricercare il motore comico di quegli sketch nella realtà. È per questo che stamattina sono stato molto contento di trovare questa cosa. È l'equivalente dell'MTG di Mario, la serie di Maccio Capatonda che andava su MTV, ma nella realtà.

È un servizio di 50 Canale, una tv locale della zona di Pisa. Come il caso Biella ci ha insegnato, la cronaca locale è una vera miniera d'oro per le storie assurde raccontate in modo assurdo—è da lì che vengono la maggior parte degli articoli raccolti in un certo file .doc sul mio computer che include capolavori su ragazzini che cadono dalla bici, "ladri di cotolette in azione" o sul postino che rubava la posta nella cui casa hanno trovato 700 kg—SETTECENTO CHILI—di lettere.

In questo caso, protagonisti del servizio sono due ragazzi di Pisa. La storia è questa: due ragazzi entrano in un bar del centro di Pisa, ordinano due cappuccini e due paste, portano le paste al tavolo, tornano al bancone a prendere i cappuccini e quando tornano al tavolo le paste sono sparite. Le hanno rubate due rom, dice una signora al tavolo vicino.

Nel servizio non ci sono riferimenti temporali quindi per quanto ne sappiamo la cosa potrebbe essere accaduta in un lasso di tempo che va da ieri alla data dell'invenzione del croissant (o della sua introduzione in Toscana).

Ora, ci sono diversi aspetti per cui guardando questo servizio sembra di stare dentro uno sketch di Maccio Capatonda—oltre alla stupidità della "notizia" e all'incredibile serietà con cui viene trattata. Cercherò di passarli brevemente in rassegna:

50 canale paste servizio tg

I GIOCHI DI PAROLE
Senza alcuna vergogna, la voce fuori campo insiste per metà del servizio su una serie di giochi di parole sul tema dolce (come mangiare delle paste)/amaro (come non mangiare delle paste perché ti sono state rubate). I ragazzi sono rimasti "con l'amaro in bocca" perché "le loro paste ne hanno addolcite altre, di bocche" e il ragazzo intervistato si dice "amareggiato."

IL SOTTOPANCIA DEL SERVIZIO
Che, insistendo su questo tema, recita "Amara" sorpresa per due giovani in centro città.

LA TESTIMONIANZA DI UNO DEI RAGAZZI
Quello amareggiato, appunto, che ai microfoni di 50 Canale dice che la cosa che lo turba di più è il fatto che le signore che hanno visto i ladri di paste non abbiano fatto nulla. "Se tutti ragionassimo così poi diventerebbe difficile gestire certe situazioni."

IL BARISTA COI RASTA
"Noi diamo da mangiare e da bere a tutti ma spesso accadono situazioni come quella di oggi in cui delle paste sono state rubate al tavolo. Il fatto è che noi da mangiare e da bere a tutti e nonostante questo la gente ruba."

IL LIETO FINE
Con il proprietario del bar che porta ai ragazzi delle altre paste, gentilmente offerte dalla casa.

IL FATTO CHE L'AUTORE DEL SERVIZIO SIA—NON SO, IMMAGINO—LAUREATO IN GIORNALISMO
E il fatto che dopo un master in cui è stato a sentire interminabili lezioni sulle "cinque W" sia finito a fare un servizio sul furto di due croissant in un bar.

IL FATTO CHE QUELLI DI 50 CANALE, DOPO AVER PUBBLICATO IL VIDEO SU FACEBOOK, SI SIANO ACCORTI DELLA SUA ASSURDITÀ E ABBIANO PROVATO A RIMUOVERLO MA, SBAGLIANDO, ABBIANO ELIMINATO SOLO IL POST E NON IL VIDEO
Come quella volta che ho twittato una battuta sul fatto che Gentiloni è un rettiliano e poi mi sono accorti di essere loggato con l'account di VICE.

QUANDO SALVO ERRORI RIDÀ LA LINEA ALLO STUDIO
Ah no, quello era davvero Maccio.

Segui Mattia su Twitter