FYI.

This story is over 5 years old.

Guardare gente che pippa cocaina su Periscope è solo l'inizio

Quali sono i nostri obblighi quando vediamo persone mandare in streaming attività illegali, stupide o potenzialmente pericolose?

Questo weekend mia moglie ed io abbiamo guardato un gruppo di ragazzi pippare cocaina dal retro di un portatile, tracannare whiskey dalla bottiglia e mostrare i genitali (e il sedere). A un certo punto, uno ha cominciato a usare uno Zippo per dare fuoco a una nuvola di spray per creare un piccolo lanciafiamme, che ha infine attivato un qualche tipo di allarme antincendio nel suo appartamento. I ragazzi non avevano alcun problema a condividere le loro goliardiche attività illegali con noi e con un altro centinaio di persone.

Pubblicità

Ovviamente non abbiamo visto ciò accadeva dal vivo, ma sarebbe potuto essere così. Eravamo parte di una audience internazionale che stava guardando uno streaming su ​Periscope, un'applicazione di livestreaming video lanciata lo scorso mese da Twitter.

Periscope e il suo predecessore, ​Meerkat, un'altra app di streaming rivale pubblicata recentemente, ha rapidamente guadagnato l'attenzione di ​diversi blogger di tecnologia, ed è facile capire perchè, anche includendo nel roster streaming più rustici come quello descritto sopra. entrambe le applicazioni offrono un modo facile e veloce per effettuare uno streaming live dal tuo iPhone (entrambe sono esclusiva di iOs, per ora) ad un'audience proveniente da tutto il mondo.

Puoi andare in onda per quanto tempo ti (in base ai limiti imposti dal piano dati del tuo telefono) e puoi leggere e rispondere ai commenti dei tuoi spettatori in tempo reale, creando un potente senso di intimità e un feedback immediato tra gli spettatori e lo streamer. Entrambe le app mandano in onda i loro video pubblicamente di default, incluso uno stream sul web che permette di vedere la trasmissione anche a chi non ha l'app; Periscope inoltre conserva un replay degli stream per 24 ore.

È piuttosto interessante il fatto che Meerkat abbia scelto di usare Twitter per il suo sistema di login e di commenti, e anche che sia sviluppato da un'azienda rivale, nonché distopica, chiamata "​Life On Air, Inc." Entrambe le app bramano l'immediatezza di Twitter, ma forniscono anche un listino praticamente casuale di stream provenienti da tutto il mondo. Meerkat lo chiama "Community Picks", suggerendo gli stream più popolari, mentre Periscope fornisce una lista più random sotto il nome di "Watch."

Pubblicità

Ho usato Periscope ogni giorno nelle ultime due settimane, sin da quando è stato reso disponibile, principalmente come spettatore, e sono stato allo stesso tempo intrigato, divertito e shoccato per ciò che vedevo. Per chi che ricorda Chatroulette, la videochat random piuttosto popolare una manciata di anni fa, queste app per il livestream potrebbe dare quasi un senso di deja-vu, visto che ti buttano istantaneamente nel bel mezzo della vita di qualcun altro, un qualcuno che potrebbe o non potrebbe tirare fuori le proprie grazie da un momento all'altro.

Ma per quanto riguarda la mia esperienza, Periscope è stato molto più divertente e vario di Chatroulette. Ci sono due ragioni per pensare che Periscope e Meerkat dureranno più a lungo e saranno più popolari di Chatroulette e Omegle. La prima è che Periscope e Meerkat, come Twitter stesso, permettono un consumo passivo dei contenuti. Puoi guardare lo stream di qualcun altro senza dover intervenire in alcun modo. Chatroulette accendeva automaticamente la tua webcam e quella del tuo partner di chat, mostrandovi entrambi. Ma la visione a senso unico presente su Periscope e Meerkat, permette anche ai più introversi di noi di diventare parte di quell'audience.

Probabilmente è più importante il fatto che sia Periscope che Meerkat siano app mobile, e che quindi permettono agli streamer di prendere i loro telefoni, ovunque si trovino, e quindi di poter mandare in onda del materiale decisamente più cinematografico—sia a livello di geografia fisica che di attività sociali—di quello che le piattaforme desktop-based offrivano. YouNow, un'applicazione ancora popolare tra i giovani, è stata una delle tante app pioniere di questo tipo di idea, ma non ha avuto molto appeal sulle altre fasce demografiche.

Pubblicità

La maggior parte degli stream che ho visto su Periscope erano tutto sommato innocui, anche noiosi. Ho visto streamer fornire tour guidati dei loro hotel in Ohio, mostrare la vista dalle loro terrazze a Brooklyn, tenere sessioni di botta e risposta nei loro letti, disturbare i loro animali, filmare un sacco di cibo, mentre lo ordinano, lo mangiano o lo cucinano.

Gli streamer variano anche per categoria demografica: genere, età, provenienza, si passa da padri americani a ragazzini medio-orientali. L'argomento principale degli stream sembra essere la vita di tutti i giorni, ed è per questo che non mi stupisco quando saltano fuori anche attività illegali o considerate taboo.

Il blockbuster dello scorso weekend, Fast & Furious 7, è stato trasmesso illegalmente su entrambe le app. Ho visto diversi stream di persone che fumavano o vaporizzavano marijuana. Visto che è la droga più comune nel mondo, nonché la più sicura, la cosa non è particolarmente preoccupante, tranne forse che per i genitori dei ragazzini che tenevano gli stream (entrambe le app sono segnalate come consigliate ai maggiori di 12 anni.)

Molti altri stream promettono nudità o immagini di sesso ("Hot girlfriend strips"), anche se sono in pochi a fornire davvero ciò che promettono. Molti commentatori di Periscope non sono troppo diversi da quelli di YouTube, e chiedono alle streamer donne di mostrare di più o di regalare qualche performance.

Pubblicità

Quelli che mi preoccupano di più sono quelli che fanno streaming con Periscope mentre guidano, cosa che ho visto in un paio di occasioni. Posto che utilizzare il telefono mentre si guida è illegale in molte parti del mondo, mandare in onda video del genere viola questo tipo di leggi in maniera abbastanza chiara. Sembra anche rischioso sia per lo streamer che per chiunque lo circondi, come fanno notare molti commentatori.

Se Periscope o Meerkat cominceranno a bloccare questo tipo di stream, contenenti nudità o comportamenti illegali, è ancora tutto da vedere. (Un rappresentante di Periscope ha detto che le policy dell'app vietano contenuti sessuali o dannosi, mentre Meerkat non ha commentato la questione.) Dubito però riusciranno a controllarli tutti, soprattutto perché qualunque stream potrebbe diventare da un momento all'altro da completamente innocuo a pieno di cose pericolose.

Nonostante ciò, sarebbe piuttosto semplice identificare coloro che portano avanti questo tipo di comportamento, specie se mostrano il volto, condividono la posizione (cosa che entrambe le app incoraggiano a fare), o forniscono qualunque tipo di informazione autentica nei loro account. Meerkat richiede un login attraverso Twitter e tutti i commenti sono fatti pubblicamente su Twitter, ma ovviamente è semplice creare un account falso; Periscope permette anche il login via email. Come entrambe le app dichiarano nelle loro policy, il contenuto dei loro stream è disponibile a chiunque tra il pubblico.

Pubblicità

Da ciò che ho visto su Periscope finora, è incredibilmente semplice immaginare uno scenario in cui qualcuno si fa davvero del male, fino a rischiare di morire, in diretta, davanti ad un'audience proveniente da tutto il mondo. Tutto ciò che serve è un po' di sfortuna, anche solo per finire in un incidente d'auto, o per calarsi troppa roba, o qualunque altra cosa.

Ancora, non sono rischi troppo diversi da quelli già incontrati su altre piattaforme streaming, da quando i broadcoast su internet sono diventati sostenibili. Streaming di autolesionismo sono facilmente reperibili online, e il numero di tentati suicidi in diretta è paurosamente alto su ​tantissime piattaforme online. Ma con delle applicazioni mobile è ancora più facile mandare in stream momenti potenzialmente pericolosi.

Ciò ci fa arrivare alla più spinosa delle questioni: il ruolo degli spettatori. Che tipo di obblighi morali hanno gli spettatori di questi stream, che tipo di ruolo ho io quando vedo persone mandare in onda attività potenzialmente pericolose? Devo dire loro di smettere nei commenti? Devo scrivere una mail a Periscope o Meerkat? Devo chiamare le autorità locali? Cosa faremo se vedessimo queste cose nella vita reale? E cosa succede quando altri commentatori incoraggiano queste attività? Ciò che è successo a me, è di essermi ritrovato semplicemente a guardare. E l'ho fatto per molto più tempo di quanto lo avrei fatto se mi fosse capitato dal vivo.

Anche se so che stanno avvenendo nella vita reale, queste scene viste su Periscope hanno in qualche maniera astratto la barriera dello schermo; come se quelle persone fossero dei personaggi di chissà quale tragicommedia. Ma in realtà sono persone, proprio come me e mia moglie, e non auguro il male né a loro né a nessun altro—e non voglio nemmeno che mostrino queste attività rischiose come se fossero un intrattenimento.

L'arrivo di Periscope, Meerkat, e qualunque altro tipo di live app arriveranno nei prossimi mesi, ci forzeranno a confrontarci con una verità che è rimasta nascosta per molto tempo: la vita online è la vita reale. Non c'è più una linea di divisione, se mai ce n'è stata una. Cosa faremo con questa consapevolezza, questa è una domanda un po' più ampia.

Periscope e Meerkat hanno delle qualità davvero incredibile, essendo capaci di conentterci con persone in tutto il mondo e mostrandoci la loro umanità in tutto il loro splendore e buio. Potrebbero addirittura aiutare a eliminare lo stigma da attività non necessariamente pericolose, come le droghe a scopo ricreativo.

Ma queste app pongono anche un nuovo peso su tutti coloro che le usano, forzandoci a rendere più chiari i nostri concetti di "giusto" e "sbagliato" e a chiederci che tipo di persone siamo, e a cosa dovremmo fare quando vediamo certe cose consumarsi su uno schermo. Non ho molte risposte, ma so per certo una cosa. per ora siamo tutti guardoni ed esibizionisti.