surrealismo

[NSFW] I surreali mondi in CGI di El Popo Sangre

L'artista parigino ci ha parlato dell'importanza di dare vita al proprio immaginario, anche quando è perverso.
13 marzo 2017, 2:38pm

**Questo articolo è adatto a un pubblico adulto. **

Alla mostra Through the Looking Glass, della galleria di new media art Superchief di Soho, El Popo Sangre (a.k.a., Paulin Rogues) è uscito finalmente dall'ombra dell'arte 3D.

Nel suo lavoro, usa alcuni luoghi comuni della new media art — avatar e ambienti super-colorati — e applica loro una narrativa che li trasforma in mondi virtuali ipnoticamente belli, misteriosi e ironici. Il suo lavoro si ispira alla fantascienza, soprattutto il cyberpunk, combinata con l'assurdismo letterario e lo sciamanesimo psichedelico-sessuale di Alejandro Jodorowsky.

Rogues, artista parigino, ha iniziato con i disegni, ma l'immagine statica lo rendeva frustrato. Tutto quello che voleva era raccontare le storie che aveva scritto. Perciò ha iniziato a fare fumetti, ma voleva andare ancora oltre. Mentre studiava all'università, ha scoperto Machinima, un hub per video creati in tempo reale pensato per il gaming. Era un periodo in cui stava giocando molto ad Half Life 2. Alla fine, Rogues ha usato il tool gratuito Source Filmmaker per fare un video con la sua prima storia,_ Rectum 2_.

"L'intento era lo stesso del disegnare: non mi interessava la tecnica, volevo solo raccontare la mia storia," ha detto. "Poi ho conosciuto un amico a scuola con cui ho fondato la UNICORN agency. Mi ha mostrato Cinema 4D. Ed eccomi qua."

Rogues usa diversi processi e media per ogni cosa che produce, ma di solito lavora con Cinema 4D e con Adobe After Effects. Per le sue immagini di Instagram, usa degli screen dalle GIF. Cerca di illustrare una sensazione, o il pensiero di un momento che ha vissuto, che spesso è un purgatorio personale.

"Per i miei film uso due tipi di processi," dice. "Uno riguarda il passato. Uso un vecchio testo che ho scritto — come per Postiche, che ho scritto nel 2007 e realizzato quest'anno — per creare un dialogo tra il passato e il presente. Un altro processo è scrivere cose nuove, su cui sto lavorando adesso. Voglio espandere il mio universo ma conservare l'assurdità del racconto delle storie personali."

Il desiderio di raccontare storie assurde gli è venuto quando ha scoperto La Montagna sacra di Jodorowsky a 16 anni, età che considera un punto di svolta della sua vita.

"Per addormentarmi guardavo la TV senza audio mentre ascoltavo la musica con le cuffie, perché i film erano noiosi," ha detto Rogues. "E una notte, What The Fuck?, Gesù crocifisso da un nano? Un ragazzo con un cappello bianco che fa fare la cacca a Gesù per ottenere dell'oro? Ho scoperto il potere delle immagini — il loro significato. Jodorowsky ha reso reale la sua realtà personale. E ora, questo è il mio obiettivo: rendere reale la mia."

Dopo Jodorowsky, Rogues e la sua ragazza hanno scoperto Godard e Kubrick, poi i film psichedelici. Si è anche appassionato al lavoro del surrealista francese Boris Vian, così come agli assurdisti del teatro Ionesco e Beckett, con l'idea di capire come esistere nel proprio universo con dei codici personalissimi.

"Tutto è possibile. Puoi esprimere i tuoi sentimenti in così tanti modi — usare qualsiasi medium per materializzarli," ha detto. "Io ho solo scelto i mondo virtuali, perché mi appartengono."

Anche se molte immagini, GIF e video di Rogue hanno a che fare con il sesso, in modi oscuri e ironici, lui insiste sul fatto che non pensa mai di essere trasgressivo. Per lui è una questione di onestà: creare le immagini che rappresentano quello che sente.

PARIS MARSEILLE di El Popo Sangre su Vimeo.

Uno dei lavori mostra un corpo virtuale che fa la cacca di continuo. Per Rogues, però, si tratta del suo vecchio stile, che considera una perdita di tempo. Nonostante i colori vibranti, pensa che il lavoro sia un'espressione dei suoi pensieri più oscuri. Ma i colori sono importanti — sono un modo per restare ottimisti.

"I colori fanno felici le persone, e penso che spesso ci si dimentichi di apprezzarli per via dell'attuale moda dello stile bianco e nero," ha detto. "I colori sono la memoria di quel tipo di felicità che si provava da bambini, quando si apprezzava tutto."

"Voglio vedere i colori della vita adulta," aggiunge. "Voglio vederli su un foglio colorato, e posso esprimere in un'immagine i miei pensieri più nascosti in un contesto di colori."

POSTICHE di El Popo Sangre su Vimeo.