Pubblicità
Motherboard

L'uomo che gestisce l'unico nodo bitcoin dell'Africa occidentale

Uno sviluppatore nigeriano vuole portare la rete bitcoin nella sua regione.

di Corin Faife
23 febbraio 2017, 10:39am

In un angolo sperduto della città di Lagos si trova un frammento solitario del software bitcoin. Gira sul server di un data center della capitale nigeriana, ed è l'unico nodo di questo tipo raggiungibile non solo in questo paese, ma in quasi tutta l'Africa occidentale e centrale, senza un compagno nel raggio di migliaia di chilometri in ogni direzione.

Immagine: Tim Akinbo

Il proprietario e gestore del nodo di Lagos è uno sviluppatore informatico di 35 anni di nome Tim Akinbo. Akinbo ha detto che il suo interesse per i bitcoin è nato in relazione alle lacune dell'ecosistema finanziario africano.

"Muovere soldi da un paese all'altro in Africa può rivelarsi un'impresa ardua," ha detto Akinbo in una chiamata Skype. "Al momento è più facile inviare soldi negli USA che mandarli in un altro paese di questo continente. I bitcoin potrebbero essere una tecnologia in grado di cambiare questa situazione, a mio avviso."

I nodi bitcoin sono fondamentali per mantenere la rete funzionante: ognuno di essi è una macchina fisica o virtuale (un sistema operativo autonomo schierato insieme ad altri programmi su un pezzo di hardware più potente) che esegue il software bitcoin in congiunzione con una copia della blockchain, costantemente sincronizzato tra i due per poter mantenere un database decentrato delle transazioni. Ma per quanto la rete possa non avere un centro, certe aree continuano ad avere una densità di nodi maggiore: come mostra la tabella qui sotto — proveniente dal sito di mappatura dei bitcoin bitnodes.21.com — l'America del Nord e l'Europa occidentale vantano una concentrazione più alta, mentre la maggior parte delle aree dell'Asia e dell'Africa e del Sud America hanno una copertura più rada.

Distribuzione globale dei nodi bitcoin come mostrato su bitnodes.21.co

Ankinbo ha scelto di gestire un nodo da solo per imparare di più sul funzionamento della cripto-valuta e contribuire al rafforzamento della rete nell'insieme. Per ragioni di costi e di praticità, la maggior parte dei nigeriani non scelgono questa stessa opzione — il server di Akinbo costa circa 10.000 naira al mese (circa 30 euro) in un paese dove il PIL pro capite è di circa 3.000 euro — ciò non di meno, si inserisce nel contesto di un interesse crescente per i bitcoin in tutto il paese.

"L'anno scorso l'uso dei bitcoin in Nigeria  è decollato," ha detto Akinbo. "Alla fine dell'anno ho ricevuto una chiamata da mio padre, che mi ha chiesto dove potesse comprare dei bitcoin! In quell'esatto momento ho capito che stava raggiungendo il pubblico comune."

Ci sono diversi fattori alla base del picco di utilizzo del 2016: una svalutazione della naira rispetto al dollaro, un'inflazione rampante e la proliferazione di schemi di investimento che hanno incoraggiato le persone ad acquistare cripto-valuta (al punto che la Securities and Exchange Commission della Nigeria ha cominciato a mettere in guardia le persone).

Nel frattempo, le banche africane stanno chiedendo a startup di fintech di aiutarle a sfruttare il potere dei bitcoin, sperando di riconquistare un po' delle quote di mercato che hanno perso nel settore delle trasmissioni monetarie, a vantaggio dei fornitori di telecomunicazioni.

Qualsiasi sia la ragione, molti nigeriani hanno deciso di studiare le cripto-valute, e ora le liste sui siti di localbitcoins mostrano un sano numero di offerte di compravendita in Nigeria.

Gli elenchi della Nigeria su localbitcoins.com

La crescente adozione di bitcoin in Nigeria ricorda la situazione in paesi come il Venezuela, dove alcuni cittadini sono passati ai bitcoin come metodo alternativo di transazione online davanti all'enorme inflazione e alla percezione di una cattiva condotta finanziaria da parte del governo.

Se, come in Venezuela, la situazione economica della Nigeria continua a rendere appetibili gli investimenti bitcoin, quello gestito da Tim Akinbo potrebbe presto non essere più l'unico nodo bitcoin nell'Africa occidentale.