Una scuola media di Roma stava per organizzare un ballo studentesco a tema fascismo

Purtroppo il “Gran Ballo in Epoca fascista" è stato già annullato, per cui non potrò imbucarmici vestito da partigiano.
14.2.17
Thumbnail: alcuni Balilla durante il fascismo, pronti per il ballo della scuola. Immagina via Wikipedia Commons

Non so cosa ci sia nell'aria, ma nell'ultimo periodo la realtà italiana sembra sul punto di trasformarsi in un sequel di Fascisti su Marte. Prima sono arrivati i rapper di CasaPound. Poi è stato il turno del post sponsorizzato su Instagram che chiedeva "Vorresti il ritorno del Duce?" Adesso a quanto pare il livello di lol-fascismo è: un ballo scolastico a tema Ventennio.

L'istituto G. Alessi—una scuola elementare e media di Roma, in zona Flaminio—avrebbe infatti organizzato il "Gran Ballo in Epoca fascista," iniziativa rivolta agli studenti di seconda e terza media.

"Si tratta di un Ballo che vuole riproporre il più possibile l'ambientazione fascista, pertanto saranno allestiti pannelli con immagini d'epoca, saranno proposte musiche tipiche del Ventennio e l'abbigliamento dei partecipanti dovrà essere il più fedele possibile al periodo in questione," si legge nella circolare inviata ieri dalla scuola ai genitori degli alunni per presentare l'iniziativa, firmata dalla preside.

"Il progetto è volto a valorizzare il patrimonio storico rappresentato dalla scuola G. Alessi, inaugurata da Benito Mussolini nel periodo fascista, del quale restano tracce non solo nell'architettura dell'edificio, ma anche in vari documenti ed oggetti presenti negli archivi, come pagelle, registri scolastici, fotografie, bandiere. L'obiettivo del progetto è anche quello di estendere la ricerca agli altri edifici scolastici dell'Istituto Comprensivo," prosegue la circolare.

L'iniziativa a quanto pare farebbe parte di un progetto approvato dal Miur e intitolato "Ricostruire la Storia: l'epoca fascista nelle nostre scuole e nei nostri quartieri."

Quando mi hanno segnalato la notizia su Twitter non volevo crederci. Sia perché un ballo a tema fascismo organizzato con questa dovizia di particolari mi sembra una cosa semplicemente assurda, sia perché come data indicata per il ballo si parlava del 1 aprile 2017—per cui ho subito pensato a uno scherzo di dubbio gusto.

E invece no: è tutto vero e ufficiale. Anche se, cercando online, il nome della preside della scuola firmataria della circolare è associato a un'altra iniziativa "controversa": nel giugno 2015 aveva fatto discutere la sua circolare di denuncia dell'imminente introduzione nelle scuole—tramite la Buona Scuola—del "gender" e dell'obbligo di insegnare ai bambini la "masturbazione infantile precoce."

Oggi la stessa preside, tramite la scuola, ha diffuso un'altra circolare in cui l'iniziativa viene sospesa e il ballo rinviato a data da destinarsi "al fine di evitare fraintendimenti."

"Si precisa che lo scopo dell'iniziativa ivi promossa non è quello di rivalutare un'epoca su cui la storia e il popolo italiano hanno già espresso chiaramente la loro indiscutibile condanna, ma quello di promuovere un'iniziativa di valore culturale nell'ambito di un progetto di ricerca storica," si legge nella circolare.

Peccato, stavo già pensando di imbucarmi vestito da Comandante Diavolo.

Thumbnail via. Segui Mattia su Twitter