Salute

Cosa succede se prendi troppo spesso la pillola del giorno dopo?

L'uso di contraccettivi d'emergenza è in crescita. Abbiamo chiesto a una ginecologa quali sono i rischi.
01 maggio 2020, 7:36am
pillola del giorno dopo
Foto Stocksy/Joselito Briones.

Alcuni studi dimostrano che l'utilizzo della pillola del giorno dopo tra i teenager statunitensi è raddoppiato negli ultimi dieci anni. Siamo tutti a favore di non avere figli indesiderati e di far gestire il proprio corpo alle legittime proprietarie—ma c'è anche una componente preoccupante: secondo alcune ricerche, le teenager sono più propense ad affidarsi alla pillola del giorno dopo come vero e proprio metodo contraccettivo, al posto della pillola o del preservativo.

Nonostante praticamente ogni altro metodo anticoncezionale sia meno costoso e meno scomodo, si può capire perché questa contraccezione di emergenza possa diventare in alcuni casi una contraccezione non così tanto d'emergenza. Una veloce ricerca su Google ci rassicura che la pillola del giorno dopo sia efficace al 100 percento. Le migliori università ci dicono che i pro superano di gran lunga i contro, e i ricercatori sottolineano che la si può usare quanto spesso si vuole senza effetti collaterali importanti.

Per diversi anni, tuttavia, attorno alla pillola del giorno dopo hanno girato tante voci. È stata identificata come causa di ostruzioni vascolari, cancro, malattie cardiache e (nei circuiti pro-life) di aborto (cosa non vera, poiché se l'ovulo è già stato fecondato, la pillola del giorno dopo non funziona).

Forse più che ogni altra cosa, a comparire online sono ipotesi tendenti al panico su una presunta influenza della pillola sulla fertilità delle donne una volta raggiunta l'età adulta. Perlopiù, queste preoccupazioni sono aggravate dall'altissimo dosaggio ormonale della pillola: una dose—cioè due compresse—di Norlevo (o di Levonelle, due dei marchi più diffusi) contiene 1,5 mg di levonorgestrel—cioè circa 12-13 volte il dosaggio ormonale totale della tipica pillola anticoncezionale. Considerato quante donne non si fidino affatto della contraccezione ormonale, è comprensibile che in molte vedendo una dose così alta di ormoni pensino che possa rovinare loro la vita.

Forse sei una di quelle donne fortunate che hanno preso una pillola del giorno dopo e sono state felici come una pasqua—o forse sei come me e ti sei trasformata in una catastrofe emotiva su gambe, gonfia ed esausta per i tre mesi successivi, costretta a gestire un bel bagaglio di depressione, ansia ed esaurimento. Forse sei stata anche peggio di me—come lamenta una utente di drugs.com, che sostiene di essere stata "talmente male che non potevo vivere normalmente," con la sgradevole sensazione che i suoi "organi stessero borbottando come un motore in panne."

Se prendere la pillola del giorno dopo una volta è capace di trasformarti praticamente in una pozzanghera umana, che cosa può comportare il fatto di prenderla più volte nell'arco di pochi mesi? È davvero priva di effetti collaterali come viene detto, indipendentemente da quanto venga usata—o alcune delle preoccupazioni sono giustificate?

"Tutte le voci che girano [_sulla pillola del giorno dopo_] sono completamente false", dice la dott. Charlotte Wilken-Jensen, primario di ginecologia e ostetricia all'ospedale Hvidovre, in Danimarca. "Ogni tipo di pillola del giorno dopo consiglia di prenderla soltanto una volta per ciclo, ma in realtà si può prendere in sicurezza ogni volta che si ha un rapporto non protetto. Naturalmente, se la si assume più di una volta, il rischio di effetti collaterali aumenta."

La stessa espressione "effetti collaterali" di solito fa scattare campanelli d'allarme—ma quanto è fondato il terribile presagio di non rimanere mai più incinta che riecheggia tra le infinite pareti di internet?

"La pillola del giorno dopo non influirà assolutamente sulle possibilità di concepire più avanti nella vita," ci riassicura la dottoressa. "Ma gli effetti collaterali degli ormoni—nausea, vertigini, malessere generale—influiranno sulla qualità della tua vita quotidiana. Un altro grosso problema è la depressione. Non è per nulla piacevole."

Se poi hai assunto sostanze prima della pillola del giorno dopo, c'è la possibilità che l'hangover renda meno efficace l'azione degli ormoni. "Il sesso non protetto sotto l'effetto di sostanze è un problema conosciuto," esordisce sospirando la dottoressa Wilken-Jensen. "Fortunatamente, le sostanze non influiscono sugli effetti collaterali a lungo termine, ma c'è il rischio che tu vomiti o ti senta male di stomaco a causa loro. Questo influisce sul funzionamento della pillola: se vomiti o hai la diarrea, non sarà altrettanto efficace, o potrebbe non avere tempo di agire prima di essere espulsa dal tuo corpo. In ogni altro caso, non ci sono altre interazioni tra droghe e alcol e pillola del giorno dopo."

E che cosa mi dice delle altre cose, le ostruzioni vascolari e le malattie cardiache? Molti marchi di contraccettivi orali continuano a riportare avvertenze rivolte a chi ha una storia famigliare di problemi come questi. Nonostante alcuni temano che una dose extra-forte di ormoni possa aumentare la sensibilità verso queste patologie, la dottoressa Wilken-Jensen insiste che non è così. "I farmaci usati nelle nuove forme di contraccezione d'emergenza, principalmente il levonorgestrel, non hanno alcun effetto su coaguli di sangue né malattie cardiache," dice. "Le pillole più vecchie contenevano estrogeni, e questi comportano dei rischi di coaguli, come i contraccettivi orali—ma non si usano più in Europa, né in Scandinavia, e quasi più neanche negli USA."