Pubblicità
Food by VICE

Gli scienziati hanno scoperto perché alcune persone sono così schizzinose

Secondo alcuni studi recenti, dipenderebbe non tanto dall’educazione alimentare quanto dalla genetica.

di Phoebe Hurst
03 settembre 2017, 1:15pm

È piuttosto comune che i bambini siano schizzinosi con il cibo. Quando è la prima volta che ti trovi davanti una verza o un'acciuga, non è facile mandare giù il boccone. Ma con un po' di insistenza da parte dei genitori, questa fase della vita finisce e a un certo punto iniziamo a mangiare quello che mangiano tutti gli adulti. (O almeno, questo vale la maggior parte di noi.)

Eppure, nuovi studi rivelano che essere schizzinosi sul cibo potrebbe derivare non dall'incapacità dei genitori a farti atterrare in bocca aeroplani di broccoli, ma dalla genetica.

Lo studio, pubblicato dal Journal of Chid Psychology and Psychiatry, usa le statistiche raccolte nel Regno Unito attraverso il programma di ricerca Gemini, per esaminare l'impatto della genetica sulle abitudini alimentari.

Allo studio hanno preso parte più di 1900 famiglie con figli gemelli, i cui i genitori hanno completato un questionario su che cibi i figli volevano, e che cibi non volevano mangiare.

Alcuni ricercatori britannici e norvegesi hanno poi messo a confronto i risultati ottenuti sui gemelli omozigoti—che hanno lo stesso DNA—e quelli eterozigoti—che condividono solo metà dei geni. Questo ha permesso loro di esaminare l'influenza dei fattori genetici sulle abitudini alimentari dei bambini.

Il risultato? La genetica gioca un ruolo piuttosto importante nel determinare i gusti dei bambini.

Secondo uno studio condotto da Andrea Smith, dottorando alla University College di Londra, "Nei bambini di 16 mesi, il 58 percento della neofobia (il rifiuto per gli alimenti nuovi) era genetico".

I ricercatori non sono riusciti a identificare esattamente quali geni determinano questo rifiuto o paura. È probabile che ce ne siano diversi.

Smith ha spiegato: "Non ci sarà un solo gene che determina i capricci di questo tipo—ce ne sono diversi. Questi geni potrebbero intervenire nel determinare i gusti alimentari, in aggiunta a fattori personali come per esempio quanto un individuo è sensibile ai sapori e alla consistenza, quanto è aperto o meno al provare nuove esperienze."

Tuttavia, ci sono ancora speranze per i genitori. La ricerca ha evidenziato che i fattori ambientali, per esempio l'ambiente familiare, possono influenzare il comportamento di un neonato. Se i genitori non perdono la pazienza con l'aeroplano di broccoli, alla fine possono raggiungere il loro obiettivo.

Smith ha aggiunto: "Sappiamo che i geni non predeterminano, da soli, il nostro destino. I genitori possono influenzare in modo positivo le abitudini alimentari dei bambini."

E quindi alla fine puoi continuare a dire che è colpa dei tuoi genitori se non ti piacciono gli spinaci.