FYI.

This story is over 5 years old.

L'umanità assume alcol da 10 milioni di anni

Secondo una recente ricerca, la capacità di digerire etanolo ha avuto una funzione fondamentale nella nostra evoluzione.
04 dicembre 2014, 10:02am

Un nuovo studio sostiene nostri antenati abbiano probabilmente iniziato a ubriacarsi già 10 milioni di anni fa—molto prima che gli esseri umani moderni o gli uomini di Neanderthal si evolvessero.

Il gene ADH4, importante nella digestione dell'etanolo, si sarebbe evoluto nell'ultimo antenato comune agli uomini, alle scimmie e agli scimpanzé, secondo quanto risulta da un'analisi della storia di questo gene condotta da Mattew Carrigan del Santa Fe College di Gainesville, in Florida.

L'evoluzione del gene coincide con il momento in cui i primi ominidi hanno smesso di vivere sugli alberi e si sono spostati sul suolo, il che, se ci pensate, è piuttosto sensato.

Questi ominidi mangiavano frutta che spesso trovavano per terra e che poteva essere diventata piuttosto alcolica. "La frutta raccolta da terra contiene concentrazioni di lievito fermentato ed etanolo più alte rispetto ai frutti che si trovano sugli alberi," ha scritto Carrigan in un articolo pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences. "Questa transizione potrebbe anche essere la prima volta in cui nostri antenati sono stati esposti (e si sono adattati) a quantità considerevoli di etanolo."

PARLARE DI "SBORNIA EVOLUTIVA", A QUANTO PARE, è APPROPRIATO IN QUESTO AMBITO

Ci sono due modi per considerare l'evoluzione sulla base delle scoperte di Carrigan: essere in grado di metabolizzare l'alcol può essere stata una mutazione casuale inutile che si è sviluppata negli ominidi milioni di anni fa e che è diventata utile quando l'uomo ha iniziato a ubriacarsi di proposito, oppure ha svolto un ruolo evolutivo importante―dal momento che l'etanolo ha probabilmente assunto un ruolo importante a livello nutrizionale per la vita dei nostri antenati.

Ed è qui che va considerata l'opzione della frutta raccolta da terra.

"La transizione verso una vita più legata alla terra (e non più agli alberi) ha probabilmente esposto [i nostri antenati] a frutti con un più alto contenuto di etanolo. In questo contesto, l'aumento di attività degli enzimi che metabolizzano l'etanolo potrebbe aver fornito un vantaggio selettivo, in particolare durante i periodo di grandi transizioni ecologiche ed estinzioni provocate dal cambiamento climatico," ha scritto il ricercatore.

In altre parole, gli animali che mangiavano frutta alcolica senza ammalarsi o morire erano più adatti a sopravvivere. È un'idea già avanzata più volte in passato: ma la storia del gene ADH4 è una delle prime prove concrete che abbiamo.

Allora che significato ha per noi questo adattamento di 10 milioni di anni fa? Un bel po' di cose, in realtà. Carrigan ha scoperto che l'etanolo ritrovato nell'antica frutta fermentata è "molto simile per concentrazione e forma alla dose di etanolo riconosciuta ora come salutare per molti esseri umani."

Egli inoltre suggerisce che varie mutazioni e variazioni nell'espressione del gene ADH4, alcune delle quali non sono ancora state trattate a livello scientifico, "potrebbero svolgere un ruolo importante nell'ambito degli studi sulla mutevolezza del metabolismo dell'etanolo nell'uomo e sul rischio di diventare alcolisti o di sviluppare tumori nella parte superiore del sistema gastrointestinale."

La scoperta comporta anche una prospettiva che si distaccherebbe dalla concezione generalmente accettata sull'alcolismo.

Nonostante alcuni scienziati sostengano che i nostri antenati avessero sviluppato la capacità di metabolizzare l'alcol molto presto, un'altra teoria è che la capacità di digerirlo si sia evoluta dopo che gli uomini iniziarono a farlo fermentare, fenomeno che risale a 9000 anni fa. Ma se questo fosse vero, sottolinea Carrigan, "l'alcolismo come malattia attesterebbe un tempo insufficiente da quando gli esseri umani si sono imbattuti per la prima volta nell'etanolo perché i loro genomi vi si adattassero completamente."

Questa scuola di pensiero sembra essere smentita da questa scoperta. Al contrario gli alcolisti di oggi potrebbero essere attratti eccessivamente dall'etanolo perché un tempo la capacità di metabolizzarlo era una tratto molto utile. Vista l'abbondanza di alcol (e cibo) che abbiamo oggi non si può più parlare di vantaggi evolutivi.

"In questa versione [della storia], la nostra attuale attrazione per l'etanolo sarebbe una 'sbornia evolutiva' che ha cessato di essere utile una volta che questa attrazione si è spostata verso bevande con concentrazioni di etanolo troppo alte," ha scritto.

E a quanto pare "sbornia evolutiva" è un'espressione adatta in questo contesto.