FYI.

This story is over 5 years old.

Amazon sta alle case editrici, come YouTube alle etichette musicali

L'epurazione indie sta arrivando.
20.6.14
Immagine: Jarad eberhardt/Flickr

Così come Amazon ha dimostrato che ci sono ripercussioni contro gli editori e film che li contrariano, YouTube sta per scagliarsi con tutte le sue energie contro l'emaciata e sofferente industria musicale.

YouTube si sta preparando a rimuovere i video musicali delle etichette discografiche indipendenti che si sono rifiutate di partecipare al nuovo servizio di streaming di musica del sito.

Pubblicità

Mentre il 90 percento dell'industria musicale ha acconsentito a questo servizio, i video di quel seccante 10 percento rimanente—che include dei pezzi grossi della scena indipendente come Domino Recordings e XL Recordings—verranno bloccati “nel giro di pochi giorni,” ha detto al Financial Times Robert Kyncl, responsabile delle operazioni sui contenuti e sul business di YouTube.

Appena hanno letto i termini e le condizioni del nuovo servizio di musica in streaming di YouTube, alcuni artisti e le loro etichette discografiche non hanno apprezzato, in particolare la parte in cui YouTube intimava alle etichette di firmare l'adesione al nuovo servizio altrimenti avrebbe eliminato i loro video dal sito.

Per tutta risposta, Billy Bragg, la Worldwide Independent Network (WIN), la Featured Artists Coalition (FAC), e l'associazione indipendente europea IMPALA, hanno promesso di chiedere alla Commissione Europea (Domino e XL sono etichette europee) di intervenire e opporsi alle decisioni di YouTube.

WIN sostiene anche che Google abbia firmato contratti più vantaggiosi con le major—Universal, Warner e Sony—mentre avrebbe preteso che le etichette indipendenti firmassero termini meno convenienti, con la minaccia che i loro video sarebbero stati banditi dal servizio di streaming gratuito di YouTube, dal quale le etichette ormai dipendono.

Ma Google e YouTube, più veloci delle regolamentazioni, sono pronti a iniziare l'eliminazione selettiva dei video delle etichette che non hanno firmato. Quindi se volete vedere, per dire, un video degli Animal Collective, vi conviene sbrigarvi.

Pubblicità

Google e YouTube non hanno esitazioni nel dare ordini quando hanno il peso per farlo, e, quando si tratta di musica, hanno sicuramente il controllo, specialmente di quella parte della popolazione che le etichette curano con così tanto amore: gli adolescenti. Secondo un sondaggio di Nielsen Music, il 64 percento dei teenager accede alla musica da YouTube più che da qualsiasi altra fonte.

Alison Wenham, amministratore delegato di WIN, ha detto a Motherboard che YouTube si è affermato come leader nel business dei video musicali. “È un ente fondamentale: YouTube è diventato, de facto, l'unico sito su cui andare per i video,” ha detto Wenham.

I big della Silicon Valley prenderanno sul serio il servizio di musica in streaming, dopo averlo lasciato ai vari Spotify e Pandora per un tempo abbastanza lungo: risulta che Apple abbia acquisito Beats principalmente per il suo servizio di streaming, e che anche Amazon stia preparando un suo servizio di streaming.

Mentre circa una quindicina di anni fa nominando l' “internet business” venivano in mente immagini di nerd amichevoli della West Coast, quest'estate questo stereotipo verrà definitivamente seppellito. Amazon ha fatto vedere cosa succede quando un editore non è d'accordo con i suoi termini, ha bloccato le vendite di alcuni libri Hachette a causa di una disputa sul contratto, e ha respinto le prevendite per The Lego Movie a causa di una contesa con la Warner Bros.

Sia Hachette che Warner non sono propriamente bruscolini. Se il presente ci può dare qualche indicazione, le etichette indipendenti dovrebbero prepararsi all'esilio anche da Vimeo.