Pubblicità
Tech by VICE

Perché Ethereum è riuscito dove Bitcoin ha fallito

Come ha fatto Ethereum a organizzare un hard fork in un mese, mentre Bitcoin è paralizzata da oltre un anno?

di Jordan Pearson
22 luglio 2016, 11:36am

Immagine: Flickr/Andre Chinn

Immaginate di svegliarvi una mattina solo per scoprire di essere stati derubati da un hacker anonimo. Il ladro non si è limitato a sottrarre i vostri risparmi, ma anche quelli di molte altre persone—56 milioni di dollari di una nuova valuta virtuale in cui avevate deciso di investire, per l'esattezza. Avete un mese per stabilire il da farsi.

Potrebbe sembrare uno scenario inverosimile, il genere di pressioni che portano immancabilmente a prendere decisioni affrettate, ma è esattamente la situazione in cui si trovano gli sviluppatori e gli utenti di Ethereum, una nuova criptovaluta.

A giugno, milioni di dollari sono stati rubati da un fondo d'investimento chiamato DAO e dirottati verso una versione ridotta dello stesso, nota come "child DAO." L'unico modo di recuperarli era con un hard fork che introduceva un meccanismo di rimborso nel DAO e i suoi simili. Questo significa modificare il codice di Ethereum e quindi dividere la valuta in due versioni tra cui gli utenti potessero scegliere, a seconda che aggiornassero il software o meno. Si trattava di una proposta rischiosa, che minacciava di causare uno scisma in Ethereum, dove un'agguerrita fazione di oppositori riteneva che la decisione fosse una forma di manipolazione del sistema per "salvare" DAO.

Appena poche ore dopo l'inizio del fork, però, Vitalik Buterin, il creatore di Ethereum, ha parlato: l'operazione è stata un successo e l'85 per cento degli utenti sono passati alla nuova versione.

Gli utenti di Bitcoin, la ciptovaluta che ha ispirato Ethereum, hanno osservato le operazioni da vicino, commentando su Twitter in diretta con un mix di rispetto per la comunità di Ethereum e, forse, un pizzico di gelosia. Questo perché Bitcoin è paralizzata da oltre un anno, indecisa se operare un fork a sua volta, proprio come avvenuto per Ethereum.

"Quando ci sono in ballo soldi anche i nerd più irriducibili diventano estremamente prudenti e conservatori"

Come ha potuto Ethereum organizzare in un mese quello che Bitcoin non sembra essere in grado di fare da oltre un anno?

Alcuni fattori decisivi potrebbero essere le dimensioni ridotte della comunità di Ethereum rispetto a quella di Bitcoin, che certamente rendono più facile trovare un accordo, e il modo in cui questo genere di fork vengono previsti dalla piattaforma; un modo che Bitcoin non conosce.

"La politica ha un grosso ruolo su Ethereum, come su di Bitcoin, ma penso che a differenza di Bitcoin la piattaforma non sia totalmente consumata da questioni di politica interna," ha dichiarato Stephan Tual, lo sviluppatore tedesco che, insieme ai suoi due fratelli, ha messo a punto l'analogo di DAO.

"Il motivo per cui sembrano incapaci di coordinarsi," ha aggiunto, "è che in sostanza si odiano."

Per quanto "odio" potrebbe essere un termine un po' forte, il dibattito relativo al se procedere o meno con l'hard fork del software di Bitcoin ha raggiunto livelli davvero critici di acrimonia e retorica sulle virtù di un progetto decentralizzato. Il clima ha portato uno sviluppatore come Mike Hearn ad andarsene da Bitcoin sbattendo la porta e dichiarare la criptovaluta nientemeno che un esperimento fallito.

L'ecosistema Bitcoin è estremamente eterogeneo e tutti stanno cercando di proteggere i propri interessi senza far saltare la polveriera, tanto gli utenti che minano migliaia di dollari per ogni blocco risolto, quanto i servizi che permettono alle persone di spedire soldi all'estero o acquistare merci pagando in bitcoin. Il sistema è molto intrecciato e il tentativo di cambiare una cosa qualsiasi porta con se la paura di rovinare tutto.

"Un hard fork di Bitcoin equivarrebbe ad attraversare un ponte viaggiando su un treno che fa i 320 chilometri orari," ha detto Tual. "Qualcuno ritiene che per farlo andare ancora più veloce sia il caso di spedire qualche nerd a modificare la motrice. Ci sono volontari?"

"Bitcoin non si evolverà mai e morirà, perché è quella la fine che fa ciò che non si evolve."

Al contrario, Ethereum è ancora una piattaforma molto giovane, con solo qualche migliaio di utenti e una killer app: DAO. Effettuare un fork del sistema per salvare l'unica cosa che Ethereum ha davvero da offrire, e su cui molte persone hanno investito, era una scelta scontata per la maggior parte delle persone e un argomento su cui era facile trovarsi d'accordo. Invece, è facile che i cambiamenti che riguardano Bitcoin rappresentino un vantaggio per un gruppo, ma abbiano conseguenze economiche potenzialmente disastrose per molti altri.

"La comunità di Bitcoin è essenzialmente lacerata e sono sorpreso che si possa arrivare a qualsiasi cambiamento," ha detto John Biggs, fondatore di Freemit, un servizio Bitcoin per mandare soldi all'estero. "Il problema di fondo è che bisogna sempre ottenere un certo consenso e quando ci sono in ballo soldi anche i nerd più irriducibili diventano estremamente prudenti e conservatori."

Vitalik Burein, inventore di Ethereum, concorda sul fatto che la differenza più significativa tra i bitcoin ed Ethereum quando si tratta di fork è quella "tra le comunità dei due protocolli."

Ad ogni modo, suggerisce anche che se dopo il fork di mercoledì Ethereum dovesse mai avere bisogno di un altro fork per risolvere un problema grave, la manovra potrebbe non essere altrettanto semplice. "I fork diventano sempre più complessi da implementare nel tempo, man mano che la comunità cresce," aveva scritto in una email a Motherboard.

La seconda ragione dietro l'apparente tranquillità con cui Ethereum sta gestendo un hard fork, ha detto Tual, è che gli hard fork sono la norma nelle prime fasi di sviluppo di una piattaforma.

L'hard fork per rifondere i soldi di DAO è stato in realtà il terzo per Ethereum—ce ne è stato uno ogni volta che il software è stato aggiornato ad una versione più potente—e ce ne è già un altro all'orizzonte, dato che Ethereum è in procinto di aggiornarsi ad una versione chiamata Metropolis.

Al contrario, Bitcoin ha sperimentato un solo evento che possa rientrare nella definizione di hard fork, ed è stato fondamentalmente un incidente capitato non per un aggiornamento pianificato del software, ma per un blocco difettoso di dati bitcoin.

Ethereum è un grosso esperimento che può permettersi di fare qualche scivolone, al momento, ha detto Tual. "Non abbiamo ancora visto il pieno potenziale di Ethereum ed è solo alla versione alpha," ha detto.

Il punto morto tra i versanti concorrenti della comunità di Bitcoin nei confronti dell'hard fork, però, preannuncia una sorte avversa per la valuta, secondo Tual. "Finché le cose stanno così, Bitcoin non si evolverà mai e morirà, perché è quella la fine che fa ciò che non si evolve."

Secondo Biggs, il fallimento evolutivo di Bitcoin, dovuto all'incapacità di concordare sulla strada da seguire in futuro, comporta il fatto che saranno le organizzazioni centralizzate—per esempio le banche o le società di elaborazione dei pagamenti—a trarre i maggiori benefici dalla tecnologia, semplicemente perché sono in grado di muoversi più velocemente quando si tratta di cambiare sistema.

"Scommetto che le criptovalute davvero decentralizzate prima o poi diventeranno un'attrazione secondaria nel circo del blockchain aziendale," ha detto Biggs.

Per Ethereum, che cavalca l'onda di un fork riuscito, un destino simile sembrerebbe una possibilità remota al momento—ma i sostenitori della piattaforma farebbero bene ad ascoltare gli avvertimenti di Buterin e chiedersi: per quanto tempo ancora?