News

Il consiglio comunale di West Hollywood vuole rimuovere la stella di Trump

Dopo che la stella di Trump sulla Walk of Fame è stata distrutta per la seconda volta a picconate, anche le istituzioni cittadine sono scese in campo per eliminarla.
Drew Schwartz
Brooklyn, US
Foto di Victor Park/Loudlabs via Twitter

Il mese scorso, qualcuno ha distrutto la stella di Trump sulla Walk of Fame con un piccone. Era la seconda persona a farlo, e solo una delle innumerevoli che l'hanno vandalizzata. La società che gestisce la Walk of Fame ha rimpiazzato la stella nel giro di un giorno, e ha ribadito—come fa da anni—che nessun nome verrà mai rimosso. Ma alcuni politici californiani vogliono fargli cambiare idea.

Ieri, il West Hollywood City Council, il consiglio comunale di West Hollywood, ha votato all'unanimità una risoluzione per chiedere alle due istituzioni in carica della Walk of Fame—il comune della Città di Los Angeles e la Camera di Commercio di Hollywood—di rimuovere permanentemente la stella di Trump, secondo l'Hollywood Reporter. I motivi addotti per la rimozione sono innumerevoli, incluso il ruolo di Trump nella questione delle famiglie migranti separate al confine, l'uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi, e il tentativo di bandire l'accesso all'esercito alle persone transgender. In cima alla lista, però, c'è il suo "atteggiamento improprio nei confronti delle donne."

Pubblicità

"Dalle elezioni presidenziali del 2016 sono venute alla luce molte testimonianze disturbanti dell'atteggiamento di Mr. Trump nei confronti delle donne, incluse la registrazione di Access Hollywood in cui si sente Mr. Trump fare commenti sprezzanti, molte denunce per molestie, e i tentativi di insabbiare queste testimonianze," dice la risoluzione. "Permettere a Mr. Trump di conservare la sua stella alla luce di questi comportamenti, soprattutto al tempo dei movimenti #TimesUp e #MeToo, non dovrebbe essere ritenuto accettabile a Hollywood e nell'ambito dell'industria dell'intrattenimento."

Da quando, alla fine degli anni Cinquanta, è stata aperta, la Walk of Fame è sempre stata gestita dalla Camera di Commercio di Hollywood, un'organizzazione non governativa che sceglie a chi dare la stella e la aggiunge fisicamente. Al mantenimento pensa la Città di Los Angeles, il che significa che la stella di Trump è stata rimpiazzata con i soldi dei contribuenti. Nonostante la delibera di West Hollywood, questi due enti possono rifiutarsi di rimuovere la stella.

Già in altre occasioni è stata richiesta la rimozione di stelle (per esempio quella di Bill Cosby nel 2015), ma la Camera di Commercio si è sempre rifiutata di farlo, adducendo la motivazione che una volta che una stella viene aggiunta alla Walk of Fame, diventa parte del "tessuto storico" del luogo—e che l'intento della Walk of Fame è di "celebrare i contributi positivi dei presenti."

"Le idee politiche, la filosofia, i comportamenti irrazionali, le frasi offensive o altro, niente di tutto questo ha mai causato la rimozione di una stella," ha detto una volta Johnny Grant, ex responsabile della Walk of Fame, a Variety.

La proposta del West Hollywood City Council comunque va be oltre: alla luce del movimento #MeToo e del movimento #TimesUp, vuole che gli organi preposti riconsiderino le qualifiche necessarie ai candidati per vedere il proprio nome inscritto sulla strada più famosa del mondo, anzi, questo vale "sia per le future stelle, sia per quelle già esistenti." Da Kevin Spacey a Brett Ratner, forse la stella di Trump non è l'unica in pericolo.

Segui Drew Schwartz su Twitter.