Pubblicità
Munchies

Come siamo arrivati a bere alcolici dai gusti bizzarri

Whisky invecchiato al Tabasco. Cordiale ai mirtilli e funghi. Amaro speziato al curry. ma perché?

di Tara Nurin
05 settembre 2018, 10:56am

Foto di Michelle Arnold / EyeEm

Che cosa fai quando ti sembra di aver visto tutto dall'Internet, quando Twitter esaurisce i suggerimenti di follow e le tue ricerche pornografiche ti indirizzano alla merda che hai già guardato? Forse proverai di nuovo a dormire. O forse, in un irrequieto senso di noia tipico del XXI secolo, aprirai il frigo e ti lancerai in un miscuglio di Sriracha, senape, Marshmallow Fluff, Caesar dressing e affettati.

Questa combinazione di sapori, ora esiste anche in forma alcolica.

Foto via Aske Stephenson.

"Ci spingiamo sempre al limite dei gusti possibili", scrive Matthew Hastings, head consultant di Aske Stephenson, un gruppo di innovatori che imbottigliano e vendono cocktail come Old Fashioned al Burro di Arachidi e Marmellata, Manhattan Sigaro e Caffè, e Daiquiri al Sesamo (ispirato da un libro di cocktail di Playboy degli anni '70). "Ci riusciamo quasi sempre."

Le strane bevande di Aske Stephenson sono una serie di versioni moderne di classici, che a prima vista potrebbero non aver senso. Robe tipo: cordiale al gusto di mirtillo e funghi della Tamworth Distilling. Il whisky menta e cioccolato della Stillhouse Spirits Il whisky all'anguria salata della Ole Smoky Distillery’s. Il whisky invecchiato al tabasco di George Dickel o l'amaro al Kashmiri curry della Townshend Distillery. E se i miei amici — e probabilmente anche i vostri — erano sinceramente convinti di toccare picchi di esotismo assoluto costringendosi a trangugiare shottini di tequila sale e limone quando eravamo adolescenti, possiamo dire che stiamo vivendo un momento storico della gastronomia americana in cui vengono prodotte bevande con i sapori più bizzarri di sempre.

Vale la pena chiedersi perché nel 2018 ci sentiamo obbligati a raggiungere il limite in fatto di sapori alcolici, e dopo averlo raggiunto proseguire su questa strada. Nessuno avrà nulla in contrario se indicherete le tendenza, relativamente recente del food, come apri-piste: i cibi stranieri piccanti, tipo ”il mio peperoncino è più piccante del tuo” e l'influenza delle bevande europee sorprendentemente amare come il Campari, l'Aperol e i loro fratelli amari.

"Ciò che sembra nuovo è vecchio, di migliaia di anni ", dice Jonathan Deutsch, professore in arti culinarie e scienze dell'alimentazione alla Drexel University, sulle abitudini alimentari dell'uomo. Se guardi i menù e i libri storici di cucina occidentale. Sembra che quelle ricette siano state scritte da un'aspirante, eccessivamente entusiasta, che aveva libero accesso allo scaffale delle spezie. La nostra caccia ai nuovi sapori non è mai veramente finita, ma diventa tendenza in modo ciclico."

Quel ciclo, dice, tende ad alternarsi tra "lascia che il cibo semplice e privo di orpelli parli da solo, e fai affidamento su scienza, tecnologia e scoperta per portare la cucina a nuovi livelli". ll designer di bevande, Steven Grasse, ha ottenuto questo nella sua distilleria Tamworth nel New Hampshire mandando fuori dei foragers, per raccogliere tutto ciò che riescono a trovare. Un giorno tornarono con mirtilli e funghi trombetti neri, che i coloni olandesi mettevano nel pane. Il risultato: cordial al gusto di mirtillo e funghi

"La combinazione tra funghi e mirtilli neri può sembrare strana per alcuni, ma entrambi questi ingredienti crescono spontaneamente nella terra attorno alla distilleria", dice il distillatore Jamie Oakes. La squadra di Grasse chiama il suo approccio naturale e un po' selvatico "natura selvaggia in bottiglia", una filosofia primitiva che riflette la necessità dei nativi e dei primi americani di nutrirsi fondamentalmente di tutto ciò che potevano trovare.

"Lo vedo come un classico modo americano di far dialogare i sapori", dice il distillatore Seth O'Malley di Townshend's, che incorpora tè nero indiano, cardamomo e pepe nero in un amaro erbaceo in stile italiano. "Essendo una cultura relativamente giovane, siamo flessibili su che tipo di ingredienti usare e dove metterli, ed è difficile indicare un singola regola locale che domina la nostra sensibilità culinaria. Se c'è un dogma, è che qualsiasi combinazione va bene, finché ci piace il suo sapore. "

Il principio, che sta alla base delle loro bevande è dare novità ai consumatori, qualcosa per rompere la noia e intrattenerli. Per i produttori, invece, le strategie di estensione della linea, significano essenzialmente portare nuovi prodotti sul mercato, e più consumatori al bancone del bar.

Foto per gentile concessione della distilleria Ole Smoky.

Julie Fogel, rappresentante di Stillhouse, dice del loro whisky di mais con cioccolato e menta: "Volevamo creare un profilo gustativo unico che nessun altro avesse". E Amanda Mountan della distilleria Ole Smoky dice: "L'unica ragione per cui alle persone piace visitare la nostra azienda è perché provano qualcosa di nuovo, che non possono trovare altrove. "

La gente cerca cose nuove e introvabili per essere sempre all’avanguardia, più avanti di tutti, come Instagram.

Lo storico di cocktail David Wondrich osserva: "Puoi chiamarlo Effetto Bourdain - tutti vogliono essere considerati come avventurieri mangiatori/ bevitori, e queste cose garantiscono quell'illusione di esserlo, senza essere in alcun modo inopportuno.".

Puoi chiamarla pretesa o etichettarla come noia esistenziale (come faccio io). Oppure puoi capire perché alcuni dei primi esploratori cercavano il potere e le ricchezze, investendo con le loro navi nella ricerca di cibo e bevande degli stranieri. Quindi, mentre il campionamento di cibi non familiari può sicuramente ucciderti (immagina l'idiota che ha provato per la prima volta la cicuta), la scoperta e la diversificazione del cibo possono anche mantenerci in vita abbastanza a lungo da ripopolare un pianeta quasi arido.

O abbastanza lungo da guardare un altro video di gatti. Preghiamo di non rimanere mai a corto di quelli.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram .


Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies US.