L'uomo deportato in Messico costretto a vedere i suoi figli su YouTube

Quasi ogni giorno Yamir Cruz raggiunge un internet café e guarda i suoi figli crescere online, senza possibilità di contattarli. Siamo andati a conoscerlo

|
set 4 2017, 10:12am

Yamir Cruz è un uomo di origine messicana, sposato e con cinque figli.

Nel 2011 è stato fermato in Georgia (USA) e deportato in Messico dopo una serie di controversie domestiche.

Da quel momento in poi ha perso la custodia dei propri figli, che sono stati sottratti anche alla madre.

E da allora, Yamir riesce a vedere i suoi bambini crescere solo attraverso alcuni video di YouTube (circa 57), postati dai loro nuovi genitori adottivi.

I figli sottratti ai propri genitori, al 2011 erano circa 5100—malgrado spesso, in casi del genere, di solito la legge dia sempre priorità alle famiglie biologiche.

Non è stato però il caso di Yamir, che in questi mesi ha cercato di contattare i propri figli per anno, fallendo.

L'abbiamo incontrato, per un episodio di VICE News Tonight on HBO di qualche giorno fa.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Altro da VICE
Vice Channels