Chi è il leghista della scarpa che ci ha fatto fare una figura di merda in eurovisione

Per protestare contro la bocciatura della manovra da parte della Commissione UE, Angelo Ciocca ha pensato bene di sbattere una scarpa "made in Italy" su dei fogli.

|
24 ottobre 2018, 9:37am

Grab via Twitter.

A tutti è capitato di fare brutte figure quando si cerca di essere troppo brillanti. Magari perché si vuole fare colpo su qualcuno; o perché ti esce malissimo una battuta in un contesto non adeguato; o ancora, perché si è l’eurodeputato leghista Angelo Ciocca.

Per chi non lo conoscesse, Ciocca inizia la sua carriera politica come assessore provinciale alle attività produttive a Pavia. Si fa notare alle regionali lombarde del 2010 quando raccoglie ben 18.910 preferenze. Ma soprattutto, Cioccia fa parte di quella schiera di politici leghisti che vanno avanti a colpi di problemi con il curriculum, incontri con boss della 'ndrangheta, “provocazioni,” e atteggiamenti “sopra le righe.”

Durante la campagna elettorale per le europee del 2014 si fa riprendere mentre prende a martellate una slot machine; più recentemente, le cronache hanno parlato di lui per la scenetta—una specie di incrocio tra il Gabibbo e Capitan Ventosa—del “conto” presentato a un ladro in ospedale.

Ieri Ciocca è tornato a far parlare di sé. Al termine della conferenza stampa in cui la Commissione Europea ha annunciato la bocciatura della manovra economica del governo giallo-verde, il leghista è salito sul palco, si è tolto una scarpa e ha "calpestato" le carte del commissario agli affari economici Pierre Moscovici.

L’europarlamentare ha poi orgogliosamente rilanciato il video sul suo account Twitter, scrivendo cose come “HO CALPESTATO (con una suola Made in Italy!!!) la montagna di BUGIE che #Moscovici ha scritto CONTRO il #NostroPaese !!!” e “l’Italia merita RISPETTO e questi #EuroImbecilli lo devono capire.”

La replica di Moscovici non si è fatta attendere: “L’episodio della ‘scarpa made in Italy’ è grottesco,” ha spiegato su Twitter. “All’inizio ci si ride sopra perché è un qualcosa di ridicolo, poi ci si abitua a questa sorda violenza simbolica, e un giorno ci si risveglia con il fascismo. Restiamo vigili! La democrazia è un tesoro fragile.”

E dire che il tweet di Ciocca si era chiuso una bella domanda retorica, mutuata dallo stile di Salvini: “Ho fatto bene???”

Be’, la risposta è no. Non hai fatto bene. Hai solo fatto una figura di merda—una cosa talmente imbarazzante e infantile che si fatica a trovare le parole.

Segui Leonardo su Twitter e Instagram

Altro da VICE
Vice Channels