Elon Musk non si arrende: "entro il 2024 colonizzeremo Marte"

Incurante delle critiche, Elon Musk continua a dire che riuscirà a terraformare il suolo marziano prima di quanto si immagini.

|
05 ottobre 2017, 8:29am

Elon Musk ha ribadito il suo piano di portare gli esseri umani su marte entro il 2024 e ha insistito nel dire che questo progetto "non è un errore."

Musk ha esposto il suo progetto nel modo più dettagliato finora in una presentazione che ha chiamato "Making Life Multiplanetary", raccontata l'ultimo giorno del Congresso Internazionale di Astronautica, occasione in cui anche l'anno scorso aveva presentato gli ultimi aggiornamenti. Dal 2016, Musk dice che SpaceX è riuscita a produrre la tecnologia necessaria per la missione, e ha trovato i fondi.

Il "nome in codice" della navicella è BFR, che sta per Big Fucking Rocket.

Fondamentalmente, Musk ha detto che BFR è la combinazione delle tecnologie già in possesso di SpaceX — nello specifico, Falcon 9, Falcon Heavy e Dragon — in un'unica navicella. Forse conoscerete la Falcon 9 per i suoi "atterraggi di precisione", ovvero per il fatto che atterra in piedi piuttosto che rompersi in mille pezzi.

Musk ha menzionato nello specifico il desiderio degli investitori di vedere le dimostrazioni del volo prima di elargire altro denaro, quindi usare gli elementi già esistenti è stato un modo per Musk di arginare questa situazione.

Per rendere la missione meno dispendiosa, Musk ha detto che BFR sarà prima mandato in orbita, dove un piccolo veicolo lo rifornirà di carburante per il viaggio verso Marte.

Questa strategia permette di avere un serbatoio ottimizzato dal punto di vista del peso, e riempito poco prima di partire con la sua capienza di 150 tonnellate. Questo serbatoio sarebbe aiutato dai raggi solari, che forniranno energia al BFR nel percorso verso Marte. Una serie di video postati lunedì sull'account Instagram di Musk mostrano come potrebbe essere.

Rappresentazione della cabina del BFR e dell'area cargo, da "Making Life Multiplanetary."

Rappresentazione del pieno di carburante del BFR in orbita prima di partire per Marte, dall'Instagram di Elon Musk.

Rappresentazione del BFR attaccato all'International Space Station, da "Making Life Multiplanetary."

Musk ha sottolineato le caratteristiche del motore del BFR e la sua riutilizzabilità. Ha anche mostrato un breve video che rappresenta l'atterraggio sull'atmosfera di Marte.

L'area merci del BFR è progettata per accogliere comodamente un centinaio di persone in quaranta cabine per tre-sei mesi. C'è anche un rifugio per tempeste solari e una "area di intrattenimento" (anche se Musk non è entrato nel dettaglio su cosa sia).

Più importante, Musk ha spiegato che la costruzione del BFR comincerà nei prossimi sei/nove mesi, e sarà pronto per un lancio nel 2022. Per lui non c'è niente di impossibile.

"Sono quasi sicuro che possiamo perfezionare il motore per effettuare un lancio tra 5 anni," ha aggiunto. "Cinque anni sarebbero perfetti."

Poiché la Terra e Marte sono fisicamente più vicine ogni anno che passa, Musk ha citato il 2024 come una data alternativa. Intanto, la visione di Musk è inviare persone su Marte nel 2024. Due BFR con degli esseri umani e due cargo merci con tutto il necessario.

Con l'aumentare della presenza umana sul suolo marziano, progressivamente emergerà la prima città.

Rappresentazione della base marziana con le merci, senza umani, come dovrebbe essere nel 2022, da "Making Life Multiplanetary."

Rappresentazione della base marziana con alcune abitazioni umane, in un anno successivo al 2022, da "Making Life Multiplanetary."

Rappresentazione di una città marziana, da "Making Life Multiplanetary."

Musk non conta solamente di utilizzare la tecnologia del BFR per Marte. Vuole stabilire una colonia lunare di nome "Moon Base Alpha", e utilizzare il BFR come un'alternativa ai voli commerciali. Se ciò diventerà effettivamente realtà, le persone potranno secondo lui spostarsi da una città all'altra in meno di un'ora.

Musk non ha ancora annunciato l'agenda per la costruzione della Moon Base Alpha, né per la messa in pratica di un sistema di voli commerciali interplanetari.

"Siamo nel 2017, dovremmo già avere una base lunare", dichiara Musk.

Rappresentazione di Moon Base Alpha, dall'account Instagram di Elon Musk.

Rappresentazione dell'uso di BFR, da "Making Life Multiplanetary."

Mentre le menti di SpaceX hanno chiaramente speso tantissime energie per perfezionare l'ingegneria del BFR, non è così chiaro che il governo condivida il proposito di terraformare. Lo IAF, ironicamente, stava celebrando la firma del Trattato Inter-Spaziale, che impedisce alle imprese di impossessarsi dello spazio extraterrestre.

Comunque, è importante notare che c'è un precedente per le leggi relative alle imprese che vanno oltre i confini statali.

Notoriamente, la British East India Company ha colonizzato violentemente una zona dell'India per conto della compagnia, e la proprietà di questa zona è passata gradualmente all'attuale Gran Bretagna. Ovviamente, il subcontinente indiano è fondamentalmente diverso da Marte. Ma visto che SpaceX ha già dei rapporti lavorativi con la NASA, la storia delle colonizzazioni commerciali diventa rilevante.

Musk non ha presentato un'immagine chiara di come sarà la sua colonia marziana in rapporto al governo USA — e se ce ne sarà qualcuno. Ha anche più volte chiamato il suo insediamento "colonia", un termine esplicitamente associato alla conquista e alla violenza.

Musk non ha mai parlato di come ha intenzione di terraformare Marte, a parte menzionarlo esplicitamente e ritrarlo in un video su Instagram. "Nel corso del tempo, terraformeremo Marte e lo renderemo un bel posto in cui vivere," ha detto. "Un'immagine piuttosto bella."

Rappresentazione di una versione di Marte con un'atmosfera nuvolosa, vegetazione, e acqua liquida dall'Instagram di Musk.

L'unico problema è che è impossibile terraformare Marte. Perché un pianeta supporti la vita, deve riuscire a trattenere elementi cruciali nella sua atmosfera come per esempio l'ossigeno. Un pianeta non può avere un'atmosfera senza una magnetosfera, il campo elettrico che si forma dal movimento di un pianeta che brucia, con il nucleo che brucia.

Ma Marte ha un'atmosfera che può essere descritta come sottile, volendo essere generosi. Questo perché il nucleo di Marte ha quasi completamente smesso di bruciare. Detta semplicemente, Marte non ha una magnetosfera che possa supportare un'atmosfera.

In base a conoscenze scientifiche acquisite da poco, è impossibile cambiare la composizione del nucleo di Marte per far sì che supporti una magnetosfera adatta a un'atmosfera. Ma anche se Musk avesse trovato il modo di ovviare, è davvero pronto alle implicazioni etiche di cambiare lo stato originario di un pianeta?

"Su Marte, l'alba e il tramonto sono blu, e durante il giorno è tutto rosso," ha detto Musk durante la presentazione, apparentemente sbigottito. "L'opposto della Terra."

Ha considerato la possibilità di eliminare questo fenomeno? All'inizio della presentazione, Musk ha esposto molto brevemente il fatto che diventeremo delle specie multiplanetarie.

"Fondamentalmente, secondo me il futuro sarà molto più eccitante e divertente se diventeremo una civiltà sparsa nello spazio e su più pianeti," ha detto. "Vuoi essere ispirato dalle cose. Vuoi svegliarti la mattina e pensare 'il futuro sarà fantastico'. Ecco cosa vuol dire essere una specie multiplanetaria. Si tratta di credere nel futuro, e credere che il futuro sarà meglio del passato."

"Un'esistenza multiplanetaria può facilmente essere descritta come "eccitante e interessante," ma Musk non ha parlato di come concretamente possano rendere la nostra esistenza "migliore rispetto al passato."

Seguici su Facebook: